Passa ai contenuti principali

Più autorità e militari che goriziani per il Presidente della Repubblica a Gorizia, e l'omaggio al controverso lapidario

Doveva essere la visita per il centenario della grande guerra, o per la prima presa di Gorizia, anche se a scoppio ritardato e per scherzo del destino è caduta, quella del Presidente della Repubblica, nel periodo coincidente con la disfatta di Caporetto e la perdita di Gorizia. Vi è stata una Gorizia poco imbandierata, un nulla rispetto al raduno degli Alpini, e spiccavano, ad esempio, i colori della vecchia contea di Gorizia che come è noto vennero adottati dalla Provincia, che ora verrà cancellata, con decreto di Mussolini nel 1928 e nel 1929.

Avrebbero potuto mettere delle bandiere della pace, ma così non è stato, neanche a parlarne di bandiere slovene, salvo in determinati inevitabili luoghi cerimoniali, nonostante la visita del Presidente Sloveno. Ma la cosa che ha colpito di più è stata l'importante presenza di autorità, di forze dell'ordine, e salvo qualche scolaresca, pochissimi i cittadini presenti, qualcuno per le strade e sbuffando, dopo l'ultimo saluto di Mattarella all'uscita del Verdi, ha detto che non c'era praticamente nessuno. Il perchè? Può avere diverse ragioni, il poco entusiasmo forse che ha caratterizzato questa visita? Chissà. Entusiasmo vi è stato sicuramente da parte di chi opera per la costruzione del Partito della Nazione elogiando il centenario della Gorizia italiana o la visita del Presidente al contestato lapidario. Visita che non era preventivata e che non aveva alcun senso con il tipo di iniziativa politica e storica che era stata prevista ed originariamente organizzata. Qualcuno avrà ricordato al Presidente che lì vi sono un centinaio di nomi che per errore ed orrore storico non dovrebbero essere riportati e che solo uno è stato cancellato e che si attende ancora giustizia in tal senso? E perchè, a questo punto, il Presidente non ha omaggiato il piazzale della stazione dove si ricorda la celebre battaglia partigiana di Gorizia, a pochi passi dal Parco? Gorizia che è città medaglia d'oro anche per il contributo dato per la resistenza? E che dire delle stragi, diverse, nazifasciste compiute al castello? O l'assalto fascista al Trgovski dom, a pochi metri dal Verdi, avvenuto il 4 novembre del 1926?. Ha sicuramente ragione il Presidente quando dice che oggi si vive in un mondo "nel quale la globalizzazione ha reso vicini anche problemi e fenomeni un tempo considerati lontani", ma è la globalizzazione incontrollata che ha partorito diseguaglianze ed ingiustizie sociali e revisionismi storici. E come si può "continuare a lavorare incessantemente, per consolidare i traguardi che abbiamo potuto raggiungere, coltivando la memoria del passato, affinchè anche le nuove generazioni possano rendersi pienamente conto del lungo, e spesso doloroso, cammino che i nostri popoli hanno compiuto per costruire insieme il loro futuro?", quando il revisionismo storico stravolge la realtà fattuale e la verità storica e certe e date realtà fanno propaganda nazionalistica nelle nostre scuole? Così come è innegabile che il muro di Gorizia, seppur materialmente caduto, esiste ancora, nonostante le parole espresse dal Sindaco di Nova Gorica, i ponti metaforici tra i confini sono di sabbia ed instabili perchè la cooperazione transfrontaliera è stata un fallimento reale con una Slovenia che continua a chiudersi con ridicoli muri anti-migranti ed un Paese come l'Italia che non riesce a garantire la giusta e dignitosa accoglienza umanitaria. Vi è da riflettere su quanto accaduto in questo 26 ottobre a Gorizia e soprattutto sul perchè vi sia stata una scarsa partecipazione di cittadini goriziani.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…