Passa ai contenuti principali

Allarme allarme arrivano i Russi. Ma a qualcuno sfugge che siamo invasi dalla NATO. L'Europa deve essere indipendente

Premetto che non sono amico di Putin, che, almeno per come si è comportato fino ad oggi, non lo reputo uomo di sinistra e figuriamoci comunista, e che non ci si deve fare trarre in inganno se nei mezzi militari russi o nelle parate militari ancora oggi si vedono simboli che in un certo senso richiamano la vecchia Unione Sovietica. La Russia è militarmente potente. Non vi è giorno che i principali siti di riferimento non mostrano le armi, modernissime, della Russia. E se la Russia lo volesse realmente nel giro di un nano secondo conquisterebbe mezza Europa. E' innegabile che la tensione elevata che sussiste ora tra Russia ed USA è correlata alle presidenziali americane. Non esiste il male minore nel caso delle elezioni americane, sono entrambi, Trump e la Clinton il male, politicamente parlando, ed è facile immaginare anche una elevata astensione dal voto.
Il problema è l'Unione Europea ivi inclusa l'Italia. Caduto il nazismo ed il fascismo e soprattutto il muro di Berlino, che molti oggi ancora rimpiangono, forse perchè nel mondo diviso in due blocchi il capitalismo era meno forte, l'ideologia era un bene, la globalizzazione recava meno ingiustizie sociali rispetto a quello di oggi, creava delle condizioni strutturalmente di bilanciamento politico internazionale. I muri non mi sono mai piaciuti ed esistono per essere abbattuti. Ed il Limes dovrebbe insegnare qualcosa. Chi oggi si sta dotando di un nuovo Limes è l'Europa made in USA, prima con la scusante dei profughi, che ha unito paradossalmente i Balcani più che dividerli, ora con la questione della Russia. E pensare che tutti si scandalizzano quando Trump dice che vorrebbe un muro con il Messico, quando una sorta di muro con il Messico esiste già ed i controlli alle frontiere sono pressanti.
E poi ci scandalizziamo noi europei? Che non siamo stati in grado di fermare quello Ungherese, Croato o Sloveno od Austriaco, nelle sue diverse varianti, anche simboliche e spesso ai limiti del ridicolo? Ci scandalizziamo noi europei che abbiamo fatto crepare nel Mediterraneo migliaia di profughi? L'Europa se non si stacca dalla NATO, che non avrebbe più ragione di esistere almeno dai tempi della caduta del muro di Berlino, rischia di essere travolta da una cataclisma immane. Forse la NATO con le tensioni costruite da più parti ad hoc con la Russia, spesso a colpi di menzogne e calunnie, pensiamo all'ultima bufala che in Russia venivano date istruzioni per fare scorte di cibo in vista della guerra imminente con l'Occidente, ha trovato una sua diversa ragione di esistere.  Certo, è vero che esiste una gara di reciprocità a livello di propaganda, non da guerra fredda, ma da ante-guerra bollente quale la terza guerra mondiale. Ora aumenteranno le spese militari, le missioni militari e la corsa all'armamento. E queste spese andranno giustificate e la giustificazione è la guerra ed il tutto avviene rapidamente e paradossalmente nel centenario della grande carneficina, quale la prima guerra mondiale.
Se l'Europa non si stacca dalla NATO, se non mantiene una sua indipendenza ed autonomia, saranno dolori. L'Europa dovrebbe essere luogo neutrale, luogo della pace, del dialogo, e non di parte e faziosa perchè di faziosità in termini di guerra si può perire ed in cattivo modo.
Marco Barone @ilKontrastivo

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…