Passa ai contenuti principali

Se a Trieste il lupo non perde nè il pelo nè il vizio

Pare evidente che l'attuale amministrazione comunale si diverte ad emanare ordinanze. Ordine e disciplina. Ordinanze, che poi nella realtà delle cose, oltre ad indignare, per non dire altro, e far parlare in modo sicuramente non positivo di Trieste, quale altro effetto hanno avuto? Il degrado è sempre lo stesso, anzi, è peggiorato. Degrado sociale, umano, ben espresso dalla repressione che ora si vuole scagliare contro l'artista di strada "abusivo". 
Niente di nuovo sorge sul cielo nebuloso di Trieste. Era il 2010 e si leggeva nell'ordinanza contro gli artisti di strada: " "Limitazioni all'esercizio dei mestieri di strada, di suonatore ambulante, cantante, cantastorie e similari" prevede in sostanza che "dal momento che i suonatori che spesso vi insistono chiedendo anche la questua, creano notevole disturbo sia alle attività commerciali ivi presenti, sia ai passanti, aumentando così la sensazione di scadimento della qualità della vita urbana e conseguente senso di insicurezza; al fine di prevenire e di eliminare quei comportamenti che possono causare scadimento della qualità della vita e del decoro urbano", il musicista verrà prima allontanato, se persiste avrà il sequestro dello strumento, se persiste ancora pagherà una multa di 100 euro. Insomma il lupo non ha perso né il pelo né il vizio. Ma come si può pretendere di regolamentare l'arte di strada? Delle perplessità, in materia, erano maturate anche con la nota piattaforma strada aperta. Pretendere di regolamentare l'arte di strada è come pretendere di regolamentare il tempo. Non si può, è una cosa contro la natura sociale, artistica, contro la spontaneità, contro l'arte. Ma ordine e disciplina, almeno a parole, anche se formalizzate con atti propri della burocrazia, sembrano essere la linea della Trieste di questi tempi. Certo, di che lamentarsi, si dirà? I triestini che hanno votato questa amministrazione comunale, volevano questo tipo di governo? E quindi arrangiatevi, verrebbe da dire. Nella storia le repressioni, gli autoritarismi, i divieti, hanno sempre ottenuto l'effetto contrario. Il pugno duro non potrà essere duro per sempre, arriverà il momento in cui a furia di dare cazzotti diventerà prevedibile, raggirabile, inefficace. E visto che qui si sta riproponendo un ritorno al passato, in tutti i sensi, qualcuno dovrebbe ricordare a questi signori o non signori che il mondo oltre i muri invisibili di Trieste avanza e che se Trieste vuole diventare un dormitorio, un paesotto di periferia, un luogo regno del silenzio assoluto fate pure, ma se ambisce a divenire altro, sicuramente la strada intrapresa è totalmente sbagliata.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone