Passa ai contenuti principali

E qualcuno disse che si deve lottare per gli istriani e giuliani come per i palestinesi

In un testo che parla della storia di Gorizia, del 1990, stampato nel 1990, con il contributo della Presidenza del Consiglio dei ministri, del Ministero degli affari esteri, della Presidenza della Regione FVG, Comune Gorizia, Provincia Gorizia ecc, emergono delle prospettive storiche e delle questioni e delle impostazioni a dir poco assurde ma anche pericolose. Nel rivolgere accuse alla sinistra " chic e salottiera" che "spasimano per i palestinesi" si tenta una equiparazione assurda tra la questione "istriana" e "giuliana" e quella palestinese. Si dice che il problema palestinese non può essere cancellato altrimenti il mondo va in fiamme. "I palestinesi erano circa un milione e non erano mai vissuti in un paese che fosse il loro, cioè che politicamente fosse indipendente e nel quale comandassero loro. Nel giro di due o tre generazioni avrebbero potuto essere assorbiti dai paesi arabi confinanti. Per loro invece la questione è irrisolta, la loro terra la debbano avere o riavere. Se allora siamo così ansiosi per questo problema, dovremmo esserlo anche per la gente di qui, per gli istriani, e per i giuliani e dire che debbono riavere la loro terra. Si dirà: allora volete la guerra e siccome non vogliamo la guerra rassegnamoci a questa situazione. E allora perchè dobbiamo volerla per i palestinesi se non la vogliamo per i giuliani? Una provocazione, si dirà.  Una provocazione pericolosa, certamente, e per fortuna rimasta inascoltata. Non si può paragonare quanto accade in Palestina con quanto accaduto con le questioni del Confine orientale. Sono due vicende sconnesse, separate, distinte, non equiparabili. E poi, l'Italia, ha amministrato i territori ancora oggi contesi da qualche sprovveduto nostalgico, per un brevissimo arco temporale che non arriva neanche all'età di Cristo. Una miseria temporale. Certo, qualcuno ha cercato di rivendicare l'italianità di certi luoghi risalendo ai tempi di Dante, strumentalizzandolo, altri, ai tempi dell'Impero Romano. Beh, ci manca solo il periodo dell'uomo primitivo. Terre "italiane" per un breve arco temporale, che dell'Italia hanno conosciuto soprattutto il fascismo, la nazionalizzazione forzata e oggi giustamente la sovranità è esercitata da chi deve essere esercitata, e non certamente dall'Italia, uscita sconfitta dal cataclisma della seconda guerra mondiale e che se ha salvato la sua faccia e dignità è solo grazie al ruolo della resistenza e dei partigiani a cui si deve solamente dire grazie. E' solo per colpa del fascismo e delle sue politiche reazionarie, razziste, ignobili, se l'Italia ha perso quello che ha perso, e se Gorizia, ad esempio, si è ridotta ad un minuscolo fazzoletto di terra rispetto alla sua storica consistenza ed estensione. E ne paga ancora oggi le conseguenze irrimediabili. Una Gorizia che ha accolto con applauso i nazisti, una Gorizia che ha conosciuto il settembre nero del '47 con violenze di ogni tipo per tre giorni contro comunisti, antifascisti e sloveni, ma una Gorizia che ha conosciuto la resistenza, con l'unicum della battaglia di e per Gorizia, e vicende difficili e controverse, effetti collaterali di oltre un ventennio di persecuzioni fasciste. Il prossimo contesto che cercheranno per tentare una inverosimile equiparazione sarà quando magari sbarcheranno, come vorrebbe qualche credulone, sulla terra gli alieni? Chissà, tutto è possibile nel mondo bizzarro del revisionismo storico.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…