Passa ai contenuti principali

Paragonare i profughi dall'Istria con quelli di oggi, a Trieste è scandalo



La storia a Trieste ha un suo peso rilevante sulla vita politica della città, ed ancor di più lo ha la così detta componente "istriana" degli esuli che piaccia o non piaccia nel corso del tempo è stata determinante per plasmare l'italianità di questi luoghi, da Gorizia a Trieste. Il così detto esodo è stato un fenomeno complesso, non un mero unicum, anche se la maggior parte di chi lo ha vissuto, è per gli effetti conseguenti al Trattato di Pace del 1947, alla frammentazione del territorio in A e B al non accettare un nuovo Stato, un nuovo sistema sociale, quello comunista, a cui si aggiungevano percezioni di insicurezza complessiva dovute all'occupazione italiana di quelle terre ed a come l'Italia si è posta nei confronti del popolo slavo, violenze, tentata pulizia etnica, campi di concentramento, barbarie di ogni natura e non punite.  Questo non significa giustificare, ma comprendere. E l'Italia mai scusa ha chiesto per ciò. I Profughi di oggi fuggono da guerre, fuggono da situazioni di persecuzioni politiche, fuggono da situazioni disastrose. E da questo punto di vista complessivamente è improprio il paragone con gli esuli istriani. Anche se in comune, per scelta o non scelta, vi è l'aver abbandonato i luoghi in cui si è magari cresciuti,  quella che veniva reputata come la propria casa, la propria terra, i propri luoghi. Poi, come è noto, dopo un periodo di difficoltà, l'Italia si è attivata verso quel mondo, sia esso associativo che non, con oltre un centinaio di provvedimenti normativi, economici, sociali. Ora oggetto di veleni della campagna elettorale in corso a Trieste è un ragionamento fatto dal Sindaco uscente che rischia di perdere al ballottaggio. Il suo ragionamento è stato semplificato in questo modo...


Anche perché i profughi non sono clandestini, e l'unica cosa oggi ad essere clandestina è il senso di umanità. Il Sindaco ha risposto in questo modo:  " Nella campagna di veleni e bugie qualche esponente di destra dice che nel dibattito di oggi avrei paragonato i richiedenti asilo di questi tempi ai profughi dall'Istria ! FALSO!!!!!ho detto una cosa del tutto diversa ovvero che i servizi del comune per norma vanno ai cittadini residenti di Trieste, CITTADINI, e che questi nella storia della città sono spesso DIVENTATI cittadini provenendo da altri luoghi, dalla Grecia, dalla Serbia, da altri luoghi , diventando cittadini e acquisendo i diritti e questo è successo anche agli istriani . È molto diverso ! I profughi dalle zone di guerra di oggi sono un'altra cosa."





Sorge il dubbio che a Trieste osare in via generale un confronto, un paragone con gli esuli istriani sia scandalo,sia eresia. Pur con le differenze storiche del caso, la diffidenza nasce soprattutto da un concetto. Che gli esuli istriani erano prevalentemente italiani e per questo devono essere considerati in modo diverso, rispetto a quella massa enorme indefinita di profughi che giungono dall'Africa, Siria od altre parti del mondo, perché alla fine un concetto deve essere chiaro, non sono e non erano italiani. Ecco, qui sta la forza della vera sinistra, contrastare questi pregiudizi, questi sentimenti di ostilità se non di intolleranza verso il non italiano. I profughi sono sempre profughi, siano italiani o non italiani, e questo poco deve importare, specialmente nei luoghi di confine o di frontiera, specialmente in un mondo ove gli europei, che poi non si capisce cosa sarebbero, sono  in verità una minoranza assoluta, rispetto ai 7 miliardi di essere umani che vivono in questo mondo, e se non si capisce ciò, l'Italia continuerà a sprofondare in quel Mediterraneo che ad oggi sta solo uccidendo chi chiede aiuto, e solidarietà e protezione, e noi viviamo una voluta cecità, siamo cinici, e paghiamo per non vedere. Trieste non si può permettere, in questo contesto storico e sociale, di essere governata da chi dice prima gli italiani. Ciò significa favorire un ritorno ad un periodo certamente non brillante, dal punto di vista umanitario, della nostra storia. 

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…