Passa ai contenuti principali

Ed ora sono " s'ciavo ma soprattutto GAY"

Ed ora sono " s'ciavo ma soprattutto GAY" Una persona, che ho provveduto a bloccare su facebook, ha creato un proprio profilo, o cambiato immagine del proprio profilo con il logo omofobo "Good night gay pride". Come si può vedere, nella immagine di cui a questo post, è un logo che istiga alla violenza. Una immagine violentissima. Lui, l'uomo muscolare, nero, che massacra di botte, l'uomo omosessuale, con macchie di sangue, rosa, che lo circondano.
Ebbene, questa persona è venuta sulla mia pagina facebook a commentare definendomi Gay e s'ciavo, non appena cambiato il logo del suo profilo,o creato il suo profilo. Premesso che va tutta la mia solidarietà ai miei amici gay ecc, e che ancora una volta l'essere gay diviene insulto, offesa, ed odio, l'essere definito gay, con l'associazione della immagine di cui sopra, è una nefandezza che si commenta da sola. I commenti di questa persona, che non so chi sia, ma che conosce bene il senso vile e vigliacco di s'ciavo, ed anche qui va tutta la mia solidarietà ai miei amici sloveni ecc, riguardano alcuni miei post di carattere storico.  L'iniziale di questa persona è L. G. 
Questo è l'ennesimo insulto e l'ennesima offesa ecc che subisco, intanto lo comunico pubblicamente. Purtroppo viviamo momenti storici difficili,dove l’odio è la normalità. E questo ennesimo atto, che non sopravvaluto, sia ben chiaro, ma che non può cadere nella indifferenza, conferma il fatto di essere dalla parte giusta della storia, e so di essere dalla parte giusta di ciò che rende onore alla nostra democrazia. Purtroppo nella storiografia del sistema, nelle canzoni, negli spettacoli, ed anche nei film che sono in arrivo, che trattano le questioni storiche del Confine Orientale, non emerge alcun mea culpa. No. Un solo filo conduttore continua ad animare il tutto, che la colpa è stata degli altri non dell'Italia e del suo nazionalfascismo. Nazionalismo? Non pervenuto. Fascismo? Non pervenuto. La colpa è solo dei nazisti, la colpa è solo dei cattivi "schiavi slavo comunisti", o dei francesi, e degli americani, o degli inglesi, o dei neozelandesi, o dell'ex Unione Sovietica, o dei comunisti italiani filo-jugoslavi reputati traditori della patria e della Costituzione, ancor prima della nascita della nostra Costituzione.  Hanno anticipato in questo Paese le leggi razziali di qualche decennio, hanno trattato il popolo slavo come razza inferiore, come barbari, come schiavi, come scimmie, come porci, hanno praticato sistematicamente, dalla fine della prima guerra mondiale alla caduta del fascismo, una politica sola, nazionalizzare per massacrare l'identità di popoli reputati inferiori ai miti retorici e violenti della secolare (in)civiltà imperiale romana prima e veneziana poi di questo Paese nato sotto il segno del sangue. Chi ha tradito la patria e l'Italia è stato il fascismo ed il nazionalismo estremo, con le sue politiche. Ma dire ciò, scrivere ciò significa semplicemente e funestamente farli imbestialire. Mi scuso se ho deciso di pubblicare quella maledetta immagine, ma è giusto vederla, per meglio capire l'odio ed il modo di non ragionare, di alcune persone. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…