Passa ai contenuti principali

Dopo la condanna di Karadžić è arrivata l'assoluzione per Vojislav Seselj. La grande Serbia progetto politico non criminale

La sentenza che riguardava Vojislav Seselj era attesa, ed ha creato, dalla parte serba, una certa preoccupazione, stante il fatto che l'attuale premier ha fatto parte anche del Partito Radicale Serbo di cui Seselj è stato presidente ed anche perché una eventuale condanna sarebbe stata letta come un nuovo attacco alla Serbia. 
Il Tribunale penale internazionale dell’Aja ha assolto Vojislav Seselj dall'accusa di crimini di guerra e contro l’umanità. Nel comunicato stampa del Tribunale si legge che "È stato accusato di aver commesso direttamente, aver incitato, aiutato e spalleggiato i crimini commessi dalle forze serbe nel periodo compreso tra agosto 1991 fino a settembre 1993, e di aver fatto parte della loro commissione con la sua partecipazione in un'impresa criminale congiunta (JCE)." L'accusa non è riuscita a dimostrare l'esistenza di un progetto criminale, un requisito legale alla JCE. (...)L'obiettivo era quello di perseguire la creazione della Grande Serbia ed era più un progetto politico che un progetto criminale. (...) è stato però riconosciuto che i crimini erano stati commessi dalle forze serbe ma che non erano intrinsecamente legate alla realizzazione dello scopo della Grande Serbia." In sede processuale è emerso che "il reclutamento dei volontari era un'attività legale regolata dalla Costituzione jugoslava e da altre leggi vigenti al momento. In ogni caso, la maggior parte, hanno concluso che i volontari, una volta reclutati e mandati al fronte, non erano sotto l'autorità di Vojislav Šešelj, ma piuttosto sotto il comando militare, secondo il principio di unicità del Comando incarnata nella disposizioni vigenti. La Procura ha inoltre sostenuto che Vojislav Šešelj ha commesso direttamente un certo numero di reati, in particolare denigrazione pubblica e diretta, nei discorsi che incitano all'odio della popolazione non-serba. Per alcuni di questi discorsi, per il Tribunale non si poteva escludere la possibilità ragionevole che venivano fatti in un contesto di conflitto ed erano stati pensati per aumentare il morale delle truppe del suo campo". Per quanto riguarda la deportazione dei croati, gli elementi emersi nel giudizio non erano idonei per definire una condanna e si escludono in tal modo l'esistenza di crimini contro l'umanità." Nel corso del processo, iniziato del novembre del 2007, sono stati analizzati 1400 documenti, sentiti 99 testimoni, e prodotto una sentenza di 100 pagine. Dalla sua istituzione, il Tribunale ha incriminato 161 persone per gravi violazioni del diritto umanitario commesse nel territorio della ex Jugoslavia tra il 1991 e il 2001. Sono attualmente in corso giudizi ancora per 11 imputati. Servirà questa sentenza a raffreddare, in Serbia, gli animi dopo la condanna di Karadžić? Dubbi sussistono specialmente per l'operato di un Tribunale che non ha processato i militari della NATO per i bombardamenti come accaduti nella Jugoslavia, ad esempio, e ciò mina sicuramente l'imparzialità e l'oggettività di tale organo che rischia di essere più politico che giuridico. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …