Passa ai contenuti principali

Camminando nella sera del 24 marzo per le vie di Belgrado

Splende la luna sul cielo di Belgrado. Regna la luna sovrana sul maestoso palazzo del Parlamento serbo.
Una fila di immagini, nomi, cognomi, età. Vittime. Tante vittime. Ma la voce sarà univoca. Contro l'UCK e la NATO. Vi sarà anche qualche foto con il volto di Putin ed a sostegno di Putin nei volantini che troverai per terra. D'altronde la NATO è il nemico, cosa aspettarsi in una Belgrado sempre più vicina a Mosca? In una Belgrado colpita a morte dalle bombe del democratico ed umanitario Occidente?


La NATO è il nemico. L'Occidente nella sera del 24 marzo del 1999 ha avviato una enorme campagna di guerra contro la Serbia, contro Belgrado. Cammini per le strade di Belgrado. Città viva, città colpita da più guerre, da più bombardamenti. Ma si è sempre ripresa. Città che non dimentica. Tante librerie, tanti negozi chiusi, palazzoni enormi, e vita fino a tarda sera. Arriva la notizia, in questo 24 marzo del 2016 della condanna di Karadzic colpevole di genocidio. Passerà una macchina più volte, per le vie di Belgrado, con l'immagine di Karadzic, e musica patriottica.  E sarà musica patriottica, con costumi tradizionali, e bandiere serbe, a raccogliere un centinaio di manifestanti nel centro di Belgrado, in questo ennesimo anniversario, che qui non verrà dimenticato, e che l'Occidente, Italia inclusa, corresponsabile, ha rimosso. Cammini per le strade di Belgrado e ti domandi, ma come è stato possibile?
Bombardare Belgrado? Sirene, urla, sangue, esplosioni, quando andava male, e quando andava bene le bombe venivano sganciate nella profondità del mare, o dei laghi. Perché gli aerei decollati dall'Italia non potevano mica atterrare con quelle bombe. Hanno scaricato sulla Serbia una quantità impressionante di bombe. In pochi mesi, pari a quelle usate per demolire la Germania nazista.




Cammini per Belgrado ed ascolti canti patriottici. Nazionalismo. Quelle bombe della Nato hanno ammazzato la Serbia due volte, solo la Jugoslavia di Tito era riuscita nell'unione dei popoli. Quella Jugoslavia è stata demolita, è stata distrutta, e riconsegnata ai nazionalismi ed alle destre. I Balcani forti, una Jugoslavia unita e forte e comunista non doveva esistere alle porte dell'Europa, perché ne minava l'essenza. Così come oggi una Europa forte ed unita non deve esistere, perché mina la potenza economica dell'America.  Il gioco si ripete, ma questo volta, il carnefice diventerà vittima di quel destino diabolico che non dimentica e non perdona. Camminando nella sera del 24 marzo per le vie di Belgrado, pensi solo, maledetta sei tu guerra e maledetti voi che l'avete sostenuta ammazzando una città ed un Paese intero.

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…