Passa ai contenuti principali

SvegliatiItalia: e l'Italia si è svegliata sotto il segno dell'arcobaleno, anche a Gorizia e Trieste

La bandiera simbolo dei diritti LGBT è quella arcobaleno. E questa bandiera ed immensa è stata esposta a Gorizia dal Palazzo della Provincia di Corso Italia. Questa è stata la prima tappa della manifestazione #svegliatiItalia a sostegno dei diritti civili, contro ogni discriminazione ed omotransfobia che si è svolta in FVG. Manifestazione che nasce anche a sostegno del ddl #Cirinnà, sulle cui critiche siamo tutti concordi, ove addirittura si vuole eliminare la qualificazione del riconoscimento del legame affettivo tra le persone dello stesso sesso per ricondurla in una concezione astratta di comunione spirituale e materiale. Come a dire le coppie dello stesso sesso non hanno diritto a vedersi tutelato il loro amore, la loro unione e la legge italiana questa unione non la deve riconoscere come tale, non deve riconoscere il diritto all'amore per queste persone, ma solo una sorta di astrazione spirituale e materiale. Siamo alla follia pura. Arcobaleno e sorrisi. Tanti sorrisi. La manifestazione di Gorizia ha avuto una tenuta più istituzionale, certamente importante, ben tenendo conto che la Provincia di Gorizia è sempre stata in primo piano in questo campo.



Il Presidente della Provincia ha detto, durante gli interventi, che in Italia e nel mondo "sono più tutelate le mozzarelle che i diritti delle persone" ed ha ragione. Così come ragione ha il Senatore Maran quando dice che con "questo Parlamento non si può produrre di meglio rispetto al ddl Cirinnà". Nota di colore, quando stava finendo la manifestazione presso il Palazzo della Provincia di Gorizia è giunta anche la Senatrice Fasiolo, la quale, dopo una metafora sul tramonto, parlando in materia di diritti civili, ha detto che doveva incontrare qualche esponente dell'Arcigay. In quel momento gli esponenti dell'Arcigay regionali, tutti presenti in sala, hanno fatto notare che erano tutti lì e che a loro non risultava questa richiesta di incontro. La Senatrice ha replicato dicendo che non si ricordava con chi doveva parlare di preciso. Figura certamente non carina per il ruolo istituzionale che svolge e che ha suscitato diverse reazioni all'interno della sala. L'Arcigayarcobaleno ha voluto fortemente queste manifestazione nella nostra regione, ed è stata un successo. E questo successo è dovuto al lavoro quotidiano e meticoloso e capillare che svolge con mille difficoltà, nella nostra regione. Qualcosa è mutato rispetto al passato e lo si è visto soprattutto nella partecipata e viva piazza dell'Unità di Trieste. Dall'improvvisato palco, con alle spalle la fontana dei Quattro Continenti, sono intervenuti soprattutto diversi giovanissimi, anche alcune coppie e tutte e tutti hanno denunciato pubblicamente le loro esperienze personali, spesso drammatiche, in materia di razzismo ed omofobia.


Ma la voce è stata univoca, praticamente da tutti gli interventi è emerso che il ddl Cirinnà è un piccolo passettino da cui partire per arrivare alla piena uguaglianza in materia di diritti civili. E che ovviamente non ci si può accontentare di questo ddl, figlio di compromessi inaccettabili. E soprattutto si è denunciata la volontà di dire basta alla dipendenza ed al condizionamento nella gestione della cosa pubblica, dei diritti, nel nostro Stato, da parte del sistema della vaticanocrazia. Il nostro è un Paese Laico, e questa laicità deve essere concreta e non una mera ed astratta utopia.  Al giungere dell'ora dello svegliati Trieste, è stata  chiamata Elisa, intravista tra la folla dei manifestanti in Piazza dell'Unità. Giunta appositamente in piazza dell'Unità a sostegno di questa manifestazione ed il suo appello, breve ma conciso, per il diritto all'amore senza discriminazione per tutti/e, ha visto la Piazza dell'Unità sollevarsi in un grandissimo abbraccio.

Ecco, da Gorizia a Trieste, senza dimenticare Udine e tutte le altre località d'Italia è partito un grande abbraccio al diritto all'amore, contro ogni discriminazione per le coppie dello stesso sesso e non solo, e questo diritto, da questo abbraccio, non sfuggirà ma potrà, anzi dovrà, solamente crescere. 
Da segnalare che alla fine della manifestazione, a pochi minuti da Piazza dell'Unità, vi erano le sentinelle in piedi, tra lumini, libri o foglietti tenuti in mano, in un silenzio spettrale, ove non era difficile ascoltare l'indignazione dei passanti, nei confronti di chi non ha capito che non siamo più fermi a 2000 anni addietro, ma nel 2016  e soprattutto in una Trieste ed anche Italia che vuole cambiare pagina, e pagina la cambierà.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…