Passa ai contenuti principali

Situazione immigrazione in FVG alcuni dati importanti forniti dalla Regione. Nessuna parola sul caso Gorizia


Si è svolta l'audizione dell'assessore Gianni Torrenti in VI Commissione consiliare in FVG sulla questione immigrazione nella nostra regione e sono emersi dati importanti, anche se noti in gran parte. Al 12 novembre scorso, riferisce Torrenti, “avevamo 3.216 presenze (2.979 persone giunte autonomamente e 237 trasferite qui dal ministero): 788 in provincia di Gorizia, di cui 401 nel Centro di accoglienza richiedenti asilo (Cara) di Gradisca e 223 a cui dover ancora individuare una sistemazione); 513 nel Pordenonese, con 51 a cui ancora dover trovare un posto; 1.055 in provincia di Udine, di cui 300 nella ex caserma Cavarzerani di Udine e 96 da individuare; 860 in provincia di Trieste, con 105 ancora da sistemare. Abbiamo la disponibilità di 55 Comuni, ma a questo numero vanno aggiunti i Comuni in attesa del protocollo e quelli che non hanno le convenzioni attive”. In Fvg " da quando si è iniziato ad ospitare, avevamo circa 800 persone, passate poi a oltre 1.600 alla fine del 2013 e più di 1.800 a fine 2014. Quindi oggi abbiamo quadruplicato il nostro numero, rispetto al livello nazionale che vede triplicati gli sbarchi rispetto agli inizi: 42.925 nel 2013, 170.100 nel 2014, 141.039 al 2 novembre scorso, seppure in calo se confrontati con lo scorso anno". In merito alla provenienza dei migranti si evidenzia che “giungono soprattutto eritrei, il 27%, poi 14% nigeriani, 8% somali, 5% siriani; via terra invece entrano afghani e pakistani, in parte minore anche bengalesi e maliani. Il riconoscimento, a livello nazionale, è del 93%: i respingimenti sono in calo negli anni”. Si evidenzia che in queste settimane gli ingressi in FVG “sono di afghani e pakistani, maschi e adulti, e non si sono incrementati in modo significativo rispetto al numero totale perché questi uomini hanno l'obiettivo di andare verso i Paesi del Nord, non di restare qui; in generale vedono Italia e Francia un impantanamento rispetto alle loro intenzioni finali. Tra coloro giunti a Tarvisio, alcuni avevano biglietti o per il Veneto o addirittura per la Sicilia, ma non per restare in FVG”. 
Ad oggi risulta che è la Lombardia a ospitarne la quota in percentuale più alta, 13%, la Sicilia è scesa al 12%, il Lazio 9%, Campania 8%, Piemonte, Veneto e Toscana 7%, Emilia-Romagna e puglia 6%, Calabria 4%, Marche, FVG, Liguria e Sardegna 3%, Abruzzo, Trentino-Alto Adige, Molise e Umbria 2%, Basilicata 1%, Valle d'Aosta 0,2%.
In merito all'utilizzo delle Caserme, l'attenzione si sofferma su quella Cavarzerani di Udine e viene comunicato, dall'assessore, che “ sarà terminata al massimo entro metà gennaio prossimo per essere usata come hub, intanto una prima ala è già pronta mentre il secondo lotto di lavori prevede il sistema di riscaldamento, ma comunque intanto ci saranno delle pompe di calore che garantiranno di stare più comodi che nelle tende oggi montate in un capannone e che saranno utilizzabili per le emergenze. La caserma Monti di Pordenone non sarà utilizzabile prima del 15 marzo; i lavori sono cominciati una volta disponibili i fondi e fatti i bandi, non si poteva fare prima. La casermetta di Muggia prevede pochi interventi perciò i tempi saranno ragionevoli e comunque conterrà poche persone. La caserma La Marmora di Tarvisio non è e non è mai stata all'ordine del giorno: è enorme e costerebbe una marea di soldi metterla a posto; la questione della stagione turistica invernale è a parte. Non abbiamo mai affermato di volerla utilizzare, a meno che la comunità locale non prenda la decisione di chiedere e ottenere dallo Stato 5 milioni di euro per sistemarla e poi gestirla. A Tarvisio invece c'è un progetto per i minori che speriamo vada avanti. A Piancavallo ci sono accordi a tempo determinato sottoscritti con i singoli alberghi”. Da evidenziare che, “laddove risultano più concentrate le persone richiedenti asilo, emerge la necessità di realizzare progetti di coordinamento delle diverse attività di accoglienza. Al riguardo, il Comune di Udine ha presentato, tra gli altri, un progetto con l'obiettivo di mettere in rete i servizi che i soggetti del privato sociale presenti, ognuno per la propria missione istituzionale, mettono a disposizione dei migranti. In quest'azione si colloca la necessità di individuare un unico punto di informazione/orientamento in cui censire le persone presenti sul territorio e indirizzarle, in modo sistematico, ai servizi del territorio. In questo modo, da un lato, i richiedenti asilo, anche se in attesa di accoglienza, possono rientrare all'interno di un sistema organizzato in cui i vari soggetti che compongono la rete, dialogando fra loro hanno la possibilità di dare risposte adeguate ai bisogni, dall'altro diviene possibile avere una lettura in tempo reale delle presenze sul territorio, adeguando di conseguenza gli interventi da attivare”. Attualmente in Friuli Venezia Giulia sono finanziati 50 progetti locali, di questi tutti quelli ricompresi nel primo avviso risultano avviati, mentre sono in corso di avvio quelli ricompresi nel secondo avviso. Risultano inoltre conclusi positivamente i progetti locali finanziati al termine del 2014, prima esperienza sperimentale di quest'azione. Guardando ai finanziamenti, si parla di 615mila euro (150mila del Programma immigrazione e 465mila dall'assestamento di bilancio), dove per il primo avviso di presentazione delle proposte sono stati liquidati 122.200 euro, per il secondo avviso 481.944. 
Nulla, invece, emerge sulla questione Gorizia, il vero tasto dolente del FVG, almeno dal report disponibile sul sito della Regione. Gravi, sono invece, le considerazioni come espresse dall'Assessore del Pd quando dice "di essere contrario ai grandi centri di raccolta, meglio i piccoli centri di arrivo e partenza anche per non aumentare il pericolo di infiltrati ed estremisti islamici pericolosi". Più è piccolo, più è controllabile, logica perfetta, certo. Ma perché lanciare questo sasso? In una regione ove, ad oggi, non sono emerse situazioni preoccupanti od inquietanti? Ove nessun pericolo minimo in tal senso è emerso? Oppure l'assessore è a conoscenza di dati a noi tutti sconosciuti?   

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …