Passa ai contenuti principali

300 documenti della Guardia nazionale Repubblicana su Gorizia e l'attentato al Teatro Verdi

La Guardia Nazionale Repubblicana (G.N.R.) è stato uno degli organismi più importanti della Repubblica Sociale Italiana (23 settembre 1943 - 25 aprile 1945), sorto dall'unificazione delle forze di polizia con i Carabinieri. I notiziari dell'ufficio "I Sezione Situazione" del Comando Generale della G.N.R., che aveva sede in Brescia, erano rapporti di polizia dattiloscritti che venivano redatti e quotidianamente inviati, in via riservata, al Duce, al Comandante Generale della G.N.R., Renato Ricci, al Tenente Generale Niccolò Nicchiarelli ed a pochi altri gerarchi fascisti. Tale documentazione è stata informatizzata. Nel loro sito si legge che “l'informatizzazione del Fondo Notiziari della Guardia Nazionale Repubblicana", realizzato grazie al contributo della Fondazione CARIPLO, ha reso i Notiziari della G.N.R. integralmente e facilmente consultabili, e l'operazione è consistita nella riproduzione digitale dell'intero Fondo, comprendente 14.542 carte, tra cui vari allegati e circa 300 sono solo le notizie su Gorizia, anche se alcune ripetute più volte. La prima notizia di tale organo è del 3 dicembre 1943. Si legge che “un nucleo di di partigiani attaccava la scorta ad una autovettura germanica, composta da due legionari”. Sarà, questa, una delle pochissime volte ove i partigiani verranno chiamati in questo modo. Ciò perché nella quasi totalità dei documenti verranno identificati come “banditi, ribelli, o banditi slavo-comunisti o fuori-legge, come nel documento del 18 dicembre del 1943 ove si riportava che “ banditi slavo comunisti attaccavano un gruppo di bersaglieri”. L'ultimo atto sarà, invece,quello datato 30 marzo del 1945 ove si parlerà dell'arresto, avvenuto il 29 gennaio  a Gorizia da parte del battaglione Mussolini nei confronti di Dante Costantini ritenuto “responsabile di numerosi delitti nei confronti delle forze germaniche”. Quasi tutti i notiziari sono classificati o come “Attività dei banditi e dei ribelli” o come “ Operazioni contro banditi e ribelli “. E' nel primo caso che viene inquadrato il fatto del 5 agosto del 1944, ove emergono dettagli importanti. Prima di parlare di questa vicenda è il caso di evidenziare che la quasi totalità delle azioni partigiane, come riportate nel notiziario, erano incentrate in attività di sabotaggi, diverse sono gli attacchi alla linea ferroviaria. Gorizia, in quel periodo, in base a quanto veniva riferito vedeva “la popolazione essere indifferente verso il nuovo regime”, ma rigide e rigorose erano le disposizioni emanate. Per esempio il Prefetto di Gorizia il giorno 18 maggio del 1944 intimava i proprietari degli immobili ove venivano effettuate scritte contro il regime e per la resistenza, entro 24 ore a rimuoverle. Tale ordine del Prefetto nasceva per sollecitazione dei Domobranci e coloro che venivano individuati mentre scrivevano sui muri rischiavano la fucilazione, come condanna, chi si opponeva alla cancellazione, invece, una pesante multa. Gorizia, in base a quel notiziario, da prendere ovviamente con le pinze, anche se per alcuni riscontri che ho effettuato su variegate e diversificate vicende, i fatti oggettivi sembrano coincidere con altra documentazione, a Gorizia contava 1500 iscritti il Partito fascista repubblicano mentre l'opera nazionale Balilla ne contava 2000 . Questo quanto riportato nel notiziario del giugno del 1944.
Una nota del 21 luglio del 1944  rileva che "venivano arrestati a Gorizia dalla polizia tedesca due membri del Triumvirato della federazione repubblicana dei fasci di combattimento". 
Ed il 5 agosto del 1944, “alle ore 17.30 scoppiava una bomba ad orologeria nell'interno del teatro Verdi di Gorizia, a quell'ora affollato di donne e bambini. Rimanevano ferite 10 persone fra le quali due gravemente e decedevano poi all'ospedale. Altra bomba inesplosa veniva rinvenuta nella galleria dello stesso Teatro”. Come anticipato, tale notizia veniva classificata come attività di banditi e ribelli ma senza specificare chi abbia compiuto tale attentato. Il volgo ha sempre tramandato che la responsabilità fosse dei fascisti e chissà che non sia da leggere anche in relazione in merito alla nota del 21 luglio del 1944. Si deve anche segnalare che non viene menzionato l'attentato al tempietto circolare del Parco della Rimembranza di Gorizia, probabilmente perché, come diversi elementi indiziari nel corso del tempo hanno sostenuto, compiuto dai domobranci, alleati al regime che opprimeva Gorizia e l'Italia, fino alla liberazione come avvenuta nel 1945.  Devo segnalare che il 29 agosto del 1944 a Gorizia ci sarà un pesante bombardamento che colpirà, danneggiandolo, anche il cimitero militare della guerra 1915/1918.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…