Passa ai contenuti principali

Il 3 ottobre Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione



Approvata alla Camera dei Deputati la scorsa primavera, la proposta di Legge che istituisce la giornata della memoria e dell'accoglienza è ancora ferma al Senato. Il 3 ottobre è stata scelta come data simbolica per ricordare la strage del 3 ottobre 2013, dove quasi 400 migranti hanno perso la vita. Il testo della Legge è semplice e prevede che la Repubblica riconosce il giorno 3 ottobre quale Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, di seguito denominata «Giornata nazionale», al fine di conservare e di rinnovare la memoria di quanti hanno perso la vita nel tentativo di emigrare verso il nostro Paese per sfuggire alle guerre, alle persecuzioni e alla miseria. La Giornata nazionale non determina gli effetti civili di cui alla legge 27 maggio 1949, n. 260. In occasione della Giornata nazionale sono organizzati in tutto il territorio nazionale cerimonie, iniziative e incontri al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica alla solidarietà civile nei confronti dei migranti, al rispetto della dignità umana e del valore della vita di ciascun individuo, all’integrazione e all’accoglienza. In occasione della Giornata nazionale le istituzioni della Repubblica, nell’ambito delle rispettive competenze, promuovono apposite iniziative, nelle scuole di ogni ordine e grado, anche in coordinamento con le associazioni e con gli organismi operanti nel settore, al fine di sensibilizzare e di formare i giovani sui temi dell’immigrazione e dell’accoglienza.  Certo, si deve essere consapevoli che l'ipocrisia è tanta, e questa andrà denunciata e contrastata. E' una Legge particolare, poiché istituisce il riconoscimento di una giornata, quale il 3 ottobre, per ricordare una delle tante stragi accadute nel Mediterraneo, stragi che non si arrestano, stragi che continuano, e la memoria si scontra con la realtà dell'intolleranza, dei fascismi crescenti. 
Ben venga questa giornata, soprattutto per il coinvolgimento fondamentale delle scuole,  anche se, come logica e buon senso vorrebbe, non andrebbe il ricordo e tutto ciò che vi è connesso limitato solo ai migranti e profughi che hanno perso la vita perché diretti verso l'Italia, ma diretti verso l'Europa, di cui l'Italia, nel bene o nel male è parte integrante anche se si fa fatica a vederlo.
Che non sia la solita passerella auto-celebrativa istituzionale, che non sia condita dalla solita retorica e demagogia, qui urgono risposte concrete, reali e rapide che sappiano dare una risposta alla richiesta di accoglienza, di solidarietà umana, senza alcuna strumentalizzazione politica, per fini elettorali o similari.
Pensando al Friuli Venezia Giulia, ed in particolar modo a Gorizia, città in questi mesi diventata simbolo di un scontro durissimo sulla questione accoglienza nei confronti dei profughi, è importante costruire, a prescindere dal fatto che questa giornata diventi Legge in tempo utile per il 3 ottobre 2015, una risposta partecipata e condivisa che possa cadere in tale giornata, che sia la giornata dell'accoglienza contro ogni razzismo, fascismo, intolleranza ed odio razziale e che Gorizia diventi il centro di gravità di una nuova società, di nuovo modello sociale, di solidarietà, d'integrazione. Gli odi e le intolleranze sussistenti faranno passare questa giornata come quella dei buonisti. Ma l'antirazzismo non è buonismo, nessun buonismo. E' una questione banale, semplice, di civiltà, di stato di diritto, di rispetto dei diritti umani. 

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …