Passa ai contenuti principali

Ancora una volta si celebra la marcia di Fiume con la fascia tricolore

Nel 1925, dopo il conferimento della cittadinanza onoraria a Mussolini e l'annessione di Fiume all'Italia fascista, Ronchi, diventerà Ronchi "dei legionari". Il 1922 era l'anno della marcia fascista di Roma, anticipata proprio da quella di Fiume. Lo si scriveva già nel 1930, queste erano le parole del noto saggista Ettore Cozzani:“e c’è già l’ansia disperata della marcia di ‪Ronchi‬, che generò poi la marcia su Roma”, che a sua volta generò barbarie. D'Annunzio è il simbolo della congiunzione tra le istanze di un Risorgimento reazionario ed il fascismo, e la marcia di occupazione di Fiume, tra la prima guerra mondiale e la seconda guerra mondiale, per quanto concerne la questione del Confine Orientale. La Carta del Carnaro, era una carta che legalizzava la dittatura, non riconosceva un vero parlamentarismo, conferiva un potere enorme alle corporazioni, non a caso Mussolini recepirà tali disposizioni nel suo regime, affermando che il corporativismo "è la pietra angolare dello Stato fascista, anzi lo Stato fascista o è corporativo o non è fascista". Carta autoritaria, e che riconosceva la soccombenza delle culture "inferiori" alla superiore civiltà latina "l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". Ed il riferimento, ovviamente, riguardava quelle slave, e croate in primis. Come dimenticare le definizioni di D'Annunzio nei confronti dei croati? Chiamati come "luridi ,scimmia in furia, schiaveria bastarda e mandre di porci"? E sappiamo bene a cosa hanno portato questi principi, e razzisti convincimenti, soprattutto nei confronti degli sloveni. Ma sono tutte questioni che affronteremo nel libro previsto entro la fine di questo 2015 dal titolo semplice e chiaro: Ronchi dei Partigiani. Non abbiamo, per questo 12 settembre 2015, volutamente deciso di organizzare alcuna contestazione, e non perché non abbiamo trovato spazio per la presenza delle forze dell'ordine, ma semplicemente perché non era stata prevista per questo 2015, perché vi era l'importante iniziativa di Gorizia, vi era lo scoprimento della targa dedicata ai partigiani ed antifascisti italiani e sloveni fucilati nel Castello dai nazisti.

Ma anche perché il 31 agosto abbiamo organizzato una iniziativa specifica, che ha visto l'auditorium di Ronchi essere pieno, dove si parlava, di grande guerra, di D'Annunzio in modo consapevolmente critico, perché non ignoriamo la storia e la sua produzione documentale, semplicemente abbiamo una idea diversa di società, una visione diversa del mondo, che è quella dell'antifascismo, incompatibile con il pensiero reazionario dannunziano.
Ma questo non significa che le contestazioni non verranno più realizzate anzi, quanto accaduto questo 12 settembre 2015, ci spinge con determinazione e convinzione a lavorare perché quella data, per come celebrata, continui ad essere contestata e condannata. Dispiace constatare che ancora una volta si è deciso di presenziare a quella iniziativa in Monfalcone, con la fascia tricolore in rappresentanza del Comune di Ronchi. Mentre, se proprio una uscita con la fascia tricolore in rappresentanza del nostro Comune doveva accadere in tale giorno, ebbene, questa doveva avvenire a Gorizia all'atto dello scoprimento della targa come prima citata. E quello che mi domando è, in merito alla celebrazione della marcia di occupazione di Fiume, ed il recarsi il loco con la fascia tricolore,si è veramente certi di rappresentare tutta la comunità?  E come la mettiamo con le oltre 300 persone che hanno presenziato al convegno che abbiamo organizzato contro D'Annunzio e la marcia di occupazione di Fiume? E le quasi 1000 adesioni alla pagina facebook di Ronchi dei Partigiani, prevalentemente locali? Certo, è importante che il nostro Sindaco non abbia partecipato alla celebrazione del 12 settembre a Monfalcone, di ciò ne prendo positivamente atto, ma il senso di rabbia permane. Lo si vuole capire o no che quella è una celebrazione che esalta una marcia che ha anticipato la marcia fascista su Roma? Che Fiume è, oggi, una città croata, che appartiene ad un diverso Stato? Lo si vuole capire o no che sono soprattutto realtà di estrema destra o d'ispirazione fascista, come Casapound, visto che il suo leader ha dichiarato che loro sono "d'ispirazione fascista" che ciò è un "dono" a difendere D'Annunzio e la marcia di occupazione di Fiume? Casapound che  tra le altre cose contesteremo questo 19 settembre a Gorizia, perché reputiamo inaccettabile l'apertura di una loro sede in città, anche basandoci su quanto recentemente scritto dal Presidente  nazionale dell'Anpi in merito ai recenti fatti di Milano quando afferma che il nostro deve essere un Paese antifascista "non lasciando alcuno spazio a chi sogna impossibili ritorni o propugna forme nuove di autoritarismo". Ronchi è stata involontariamente attraversata da alcuni eventi, come l'arresto del terrorista Oberdan, come la marcia di occupazione di Fiume, altri eventi, come la formazione della Brigata proletaria, hanno visto la nostra città essere attiva volontariamente e consapevolmente.  E si tratta di eventi diversi ed anche opposti. Non si vuole qui ribaltare la storia, capovolgere la storia, ma semplicemente mettere le cose nella giusta collocazione e la giusta collocazione della marcia militarista, eversiva, antesignana del fascismo, quale quella di Fiume, è quella della condanna e non della celebrazione. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…