Passa ai contenuti principali

Ancora una volta si celebra la marcia di Fiume con la fascia tricolore

Nel 1925, dopo il conferimento della cittadinanza onoraria a Mussolini e l'annessione di Fiume all'Italia fascista, Ronchi, diventerà Ronchi "dei legionari". Il 1922 era l'anno della marcia fascista di Roma, anticipata proprio da quella di Fiume. Lo si scriveva già nel 1930, queste erano le parole del noto saggista Ettore Cozzani:“e c’è già l’ansia disperata della marcia di ‪Ronchi‬, che generò poi la marcia su Roma”, che a sua volta generò barbarie. D'Annunzio è il simbolo della congiunzione tra le istanze di un Risorgimento reazionario ed il fascismo, e la marcia di occupazione di Fiume, tra la prima guerra mondiale e la seconda guerra mondiale, per quanto concerne la questione del Confine Orientale. La Carta del Carnaro, era una carta che legalizzava la dittatura, non riconosceva un vero parlamentarismo, conferiva un potere enorme alle corporazioni, non a caso Mussolini recepirà tali disposizioni nel suo regime, affermando che il corporativismo "è la pietra angolare dello Stato fascista, anzi lo Stato fascista o è corporativo o non è fascista". Carta autoritaria, e che riconosceva la soccombenza delle culture "inferiori" alla superiore civiltà latina "l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". Ed il riferimento, ovviamente, riguardava quelle slave, e croate in primis. Come dimenticare le definizioni di D'Annunzio nei confronti dei croati? Chiamati come "luridi ,scimmia in furia, schiaveria bastarda e mandre di porci"? E sappiamo bene a cosa hanno portato questi principi, e razzisti convincimenti, soprattutto nei confronti degli sloveni. Ma sono tutte questioni che affronteremo nel libro previsto entro la fine di questo 2015 dal titolo semplice e chiaro: Ronchi dei Partigiani. Non abbiamo, per questo 12 settembre 2015, volutamente deciso di organizzare alcuna contestazione, e non perché non abbiamo trovato spazio per la presenza delle forze dell'ordine, ma semplicemente perché non era stata prevista per questo 2015, perché vi era l'importante iniziativa di Gorizia, vi era lo scoprimento della targa dedicata ai partigiani ed antifascisti italiani e sloveni fucilati nel Castello dai nazisti.

Ma anche perché il 31 agosto abbiamo organizzato una iniziativa specifica, che ha visto l'auditorium di Ronchi essere pieno, dove si parlava, di grande guerra, di D'Annunzio in modo consapevolmente critico, perché non ignoriamo la storia e la sua produzione documentale, semplicemente abbiamo una idea diversa di società, una visione diversa del mondo, che è quella dell'antifascismo, incompatibile con il pensiero reazionario dannunziano.
Ma questo non significa che le contestazioni non verranno più realizzate anzi, quanto accaduto questo 12 settembre 2015, ci spinge con determinazione e convinzione a lavorare perché quella data, per come celebrata, continui ad essere contestata e condannata. Dispiace constatare che ancora una volta si è deciso di presenziare a quella iniziativa in Monfalcone, con la fascia tricolore in rappresentanza del Comune di Ronchi. Mentre, se proprio una uscita con la fascia tricolore in rappresentanza del nostro Comune doveva accadere in tale giorno, ebbene, questa doveva avvenire a Gorizia all'atto dello scoprimento della targa come prima citata. E quello che mi domando è, in merito alla celebrazione della marcia di occupazione di Fiume, ed il recarsi il loco con la fascia tricolore,si è veramente certi di rappresentare tutta la comunità?  E come la mettiamo con le oltre 300 persone che hanno presenziato al convegno che abbiamo organizzato contro D'Annunzio e la marcia di occupazione di Fiume? E le quasi 1000 adesioni alla pagina facebook di Ronchi dei Partigiani, prevalentemente locali? Certo, è importante che il nostro Sindaco non abbia partecipato alla celebrazione del 12 settembre a Monfalcone, di ciò ne prendo positivamente atto, ma il senso di rabbia permane. Lo si vuole capire o no che quella è una celebrazione che esalta una marcia che ha anticipato la marcia fascista su Roma? Che Fiume è, oggi, una città croata, che appartiene ad un diverso Stato? Lo si vuole capire o no che sono soprattutto realtà di estrema destra o d'ispirazione fascista, come Casapound, visto che il suo leader ha dichiarato che loro sono "d'ispirazione fascista" che ciò è un "dono" a difendere D'Annunzio e la marcia di occupazione di Fiume? Casapound che  tra le altre cose contesteremo questo 19 settembre a Gorizia, perché reputiamo inaccettabile l'apertura di una loro sede in città, anche basandoci su quanto recentemente scritto dal Presidente  nazionale dell'Anpi in merito ai recenti fatti di Milano quando afferma che il nostro deve essere un Paese antifascista "non lasciando alcuno spazio a chi sogna impossibili ritorni o propugna forme nuove di autoritarismo". Ronchi è stata involontariamente attraversata da alcuni eventi, come l'arresto del terrorista Oberdan, come la marcia di occupazione di Fiume, altri eventi, come la formazione della Brigata proletaria, hanno visto la nostra città essere attiva volontariamente e consapevolmente.  E si tratta di eventi diversi ed anche opposti. Non si vuole qui ribaltare la storia, capovolgere la storia, ma semplicemente mettere le cose nella giusta collocazione e la giusta collocazione della marcia militarista, eversiva, antesignana del fascismo, quale quella di Fiume, è quella della condanna e non della celebrazione. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…