Passa ai contenuti principali

12 settembre:inaugurazione scuola slovena di Ronchi, manifestazione a Trieste, targa antifascista a Gorizia




Questo 12 settembre 2015 sarà ricco di importanti iniziative tra Ronchi, Gorizia e Trieste. Si parte con l'importante inaugurazione, nella mattinata, della nuova scuola primaria con indirizzo sloveno, in via del Capitello, nel rione di Vermegliano di Ronchi. Non sfugge il fatto che questa inaugurazione cade in un giorno nefasto per la storia nostrana, perché sarà il giorno della marcia di Fiume che anticiperà la marcia fascista di Roma. Lo si scriveva già nel 1930: (D'Annunzio la preparazione e l'opera di guerra, ottobre 1930, di Ettore Cozzani) “ e c’è già l’ansia disperata della marcia di ‪Ronchi‬, che generò poi la marcia su Roma”. E che a sua volta generò barbarie, soprattutto, nei confronti degli sloveni. E questa è una delle migliori risposte che la comunità di Ronchi poteva in tale giorno certamente dare ai nostalgici del fascismo, dell'estremismo dannunziano. E ciò evidenzia l'importanza di avere un Comune autonomo, indipendente e che dedica la giusta attenzione alla Comunità slovena ed alla cultura slovena ben presente nel nostro territorio. Poi, in pomeriggio, a Gorizia, si scoprirà la targa a ricordo dei fucilati partigiani, e antifascisti italiani e sloveni. Targa realizzata dopo diverse peripezie e totalmente a carico dell'associazionismo.
I giorni di settembre sono molto importanti per l'area del goriziano, per la nota battaglia di Gorizia, per la nascita della prima formazione partigiana d'Italia, quale la Brigata proletaria e non solo. Poi, in pomeriggio a Monfalcone ci sarà la presentazione del libro di Luciano Patat, «La battaglia partigiana di Gorizia. La resistenza dei militari e la “Brigata Proletaria”(8-30 settembre 1943)».
Contestualmente a ciò a Trieste in appoggio alla Resistenza Kurda e alla carovana per Kobane del 15 settembre il Coordinamento Libertario Regionale FVG indice una importante manifestazione a Trieste, alla quale hanno aderito diverse realtà, con ritrovo con info-point ore 16.00 in piazza della Borsa e con partenza prevista alle ore 17.00 partenza manifestazione.
Manifestazione che porrà la giusta attenzione su quanto accade a Kobane, nel mentre di una Europa che si appresta a vivere il Trident Juncture 2015. Sarà l’esercitazione militare più grande dalla fine della guerra fredda che, dal 28 settembre al 6 novembre, si svolgerà in Italia, Spagna e Portogallo, ma interesserà anche l'Oceano Atlantico, il Mar Mediterraneo e anche il Canada, Norvegia, Germania, Belgio e Paesi Bassi con unità terrestri, aeree e navali e con forze speciali di tutti i paesi Nato......e 36.000 i soldati coinvolti. Ora a cosa serve questo gioco? Questa prova di forza? Muscoli della nato contro la Russia? A giustificare le spese militari? Ma non sono bastate due guerre mondiali a significare la sventura delle guerre? Sembra proprio di no.

Marco Barone 

foto inaugurazione scuola di Ronchi








Commenti

Post popolari in questo blog

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …