Passa ai contenuti principali

Trieste ancora in lotta per la scuola pubblica


Ancora in lotta. Nonostante siano finite le ordinarie attività didattiche, continuano le azioni di protesta, nei giorni dello sciopero degli scrutini, che in tutta Italia, FVG incluso, vede adesioni importanti, elevate, nonostante tutti i tentativi di boicottaggio posti in essere da solerti burocrati. A volte però basta il buon senso ed il rispetto delle prerogative sindacali, a volte il rispetto dei diritti dei lavoratori, altre volte, invece, è necessaria l'azione anche di carattere legale per contrastare tentativi finalizzati a demonizzare il diritto di sciopero. In questi giorni di sciopero degli scrutini, che buona parte del sistema mediatico,salvo qualche eccezione locale, praticamente ignora, e che vede i lavoratori della scuola in prima fila per difendere la scuola pubblica sotto violento attacco, si affermano diverse iniziative. Il 12 giugno è stato il turno di Trieste, dove i Cobas scuola hanno indetto una notte bianca per la scuola, tra colpi di "tango", palloncini colorati, musica ed alcuni interventi, Piazza Cavana, in una tipica serata da passeggio, ha accolto diversi docenti ed alcuni studenti ed anche cittadini, per riflettere sul sistema scuola nostrano. La scuola non è in vacanza, l'attenzione dovrà rimanere massima, alta, specialmente ora, in prossimità dell'approvazione al Senato della riforma scuolaazienda renziana. E' ancora possibile fermarla, questo è bene capirlo, non si deve cedere, nonostante la fatica, la stanchezza per una stagione di lotta straordinaria per il mondo della scuola, perché od ora o mai più.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …