Passa ai contenuti principali

Guerra fredda del terzo millennio



Ricordate il vecchio progetto South Stream? Al quale vi partecipava anche l' ENI, cioè il capitalismo italiano, cioè una parte del capitalismo americano? Bene. Perché la guerra fredda oggi sussistente tra il blocco russo e statunitense, con l'Europa scudo per gli Stati Uniti, ha la sua origine reale proprio da quel fattore.
Un tempo vi erano le ideologie che fungevano da maschera, comunismo sovietico, e democrazia americana, con la Jugoslavia di Tito che fungeva, invece, da muro, flessibile verso l'Occidente, basta pensare agli aiuti, corposi, ricevuti dall'America, dal grano, alle armi, ai finanziamenti, e rigido con la Russia di Stalin prima di Chruščëv dopo. D'altronde se Tito è stato nominato per il nobel della pace, se è stato universalmente riconosciuto come uomo di pace, anche da esponenti di primo piano della Chiesa, un motivo vi sarà stato. Ma ora quella Jugoslavia non esiste più. Esiste una frammentata Europa e dunque debole, sotto attacco da diversi fronti, uno su tutti i crescenti e sostenuti nazionalismi, indipendentismi, che hanno un solo scopo, indebolire l'Europa, rafforzare il blocco del potere capitalistico Russo a discapito di quello Americano. Due blocchi, due capitalismi che si contendono il dominio dell'Occidente, con le forze economiche emergenti, una su tutte la Cina, che certamente non rimarranno a guardare. La prima battaglia è stata vinta dal blocco occidentale, è saltato, con la destabilizzazione dell'Ucraina, dopo l'indipendenza della Crimea e contestuale adesione alla Federazione Russa del marzo 2014, il faraonico originario progetto del S. Stream. Addirittura in quel periodo erano pervenute sul sito della Casa Bianca petizioni che volevano l'Alaska annessa alla Federazione Russa. Provocazioni. Ma questo gioco, caldo, caldissimo, continua, qui è in ballo l'egemonia sulle risorse economiche, petrolio contro gas, questo è il punto nodale della questione, per ora. Non vi è più l'ideologia opposta, ma una sola ideologia, quella del capitalismo, che giostra al suo interno, dopo aver causato una tremenda crisi che ancora oggi continua, ora guerreggia sul fronte orientale, con le armi, anche per dare un senso esistenziale agli eserciti,e nel mentre le spese militari aumentano. L'ultima notizia, come pubblicata sul NY Times il 14 giugno 2015 è che il Pentagono è pronto a mobilitare 5000 soldati americani nei paesi baltici e dell'Europa Orientale, si parla di Lituania, Lettonia ed Estonia, Polonia, Romania, Bulgaria e forse l'Ungheria.  
Ovviamente si tratta di mossa "simbolica" ma certamente, se mai verrà attuata, a dir poco delicata. Mi domando, ma , in questo contesto, ritornerà anche una pseudoGladio? Chissà. 
Una cosa è certa sia il blocco russo che quello americano sono nel torto, non si può essere schierati né con il capitalismo americano né con quello russo, né con i nazionalismi fomentati ad hoc, con tutte le loro varianti, né, ovviamente, con i gruppi neofascisti, neonazisti, che ritornano con forza nella nostra Europa. L'Europa deve avere la forza di essere indipendente, deve avere la forza di saper dialogare con entrambi blocchi, ma tirandosi fuori da qualsiasi schermaglia. Se non riuscirà ad essere indipendente ed autonoma, cosa che ad oggi non è, il sogno europeo diventerà il peggior incubo di questo nuovo secolo. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…