Passa ai contenuti principali

Guerra fredda del terzo millennio



Ricordate il vecchio progetto South Stream? Al quale vi partecipava anche l' ENI, cioè il capitalismo italiano, cioè una parte del capitalismo americano? Bene. Perché la guerra fredda oggi sussistente tra il blocco russo e statunitense, con l'Europa scudo per gli Stati Uniti, ha la sua origine reale proprio da quel fattore.
Un tempo vi erano le ideologie che fungevano da maschera, comunismo sovietico, e democrazia americana, con la Jugoslavia di Tito che fungeva, invece, da muro, flessibile verso l'Occidente, basta pensare agli aiuti, corposi, ricevuti dall'America, dal grano, alle armi, ai finanziamenti, e rigido con la Russia di Stalin prima di Chruščëv dopo. D'altronde se Tito è stato nominato per il nobel della pace, se è stato universalmente riconosciuto come uomo di pace, anche da esponenti di primo piano della Chiesa, un motivo vi sarà stato. Ma ora quella Jugoslavia non esiste più. Esiste una frammentata Europa e dunque debole, sotto attacco da diversi fronti, uno su tutti i crescenti e sostenuti nazionalismi, indipendentismi, che hanno un solo scopo, indebolire l'Europa, rafforzare il blocco del potere capitalistico Russo a discapito di quello Americano. Due blocchi, due capitalismi che si contendono il dominio dell'Occidente, con le forze economiche emergenti, una su tutte la Cina, che certamente non rimarranno a guardare. La prima battaglia è stata vinta dal blocco occidentale, è saltato, con la destabilizzazione dell'Ucraina, dopo l'indipendenza della Crimea e contestuale adesione alla Federazione Russa del marzo 2014, il faraonico originario progetto del S. Stream. Addirittura in quel periodo erano pervenute sul sito della Casa Bianca petizioni che volevano l'Alaska annessa alla Federazione Russa. Provocazioni. Ma questo gioco, caldo, caldissimo, continua, qui è in ballo l'egemonia sulle risorse economiche, petrolio contro gas, questo è il punto nodale della questione, per ora. Non vi è più l'ideologia opposta, ma una sola ideologia, quella del capitalismo, che giostra al suo interno, dopo aver causato una tremenda crisi che ancora oggi continua, ora guerreggia sul fronte orientale, con le armi, anche per dare un senso esistenziale agli eserciti,e nel mentre le spese militari aumentano. L'ultima notizia, come pubblicata sul NY Times il 14 giugno 2015 è che il Pentagono è pronto a mobilitare 5000 soldati americani nei paesi baltici e dell'Europa Orientale, si parla di Lituania, Lettonia ed Estonia, Polonia, Romania, Bulgaria e forse l'Ungheria.  
Ovviamente si tratta di mossa "simbolica" ma certamente, se mai verrà attuata, a dir poco delicata. Mi domando, ma , in questo contesto, ritornerà anche una pseudoGladio? Chissà. 
Una cosa è certa sia il blocco russo che quello americano sono nel torto, non si può essere schierati né con il capitalismo americano né con quello russo, né con i nazionalismi fomentati ad hoc, con tutte le loro varianti, né, ovviamente, con i gruppi neofascisti, neonazisti, che ritornano con forza nella nostra Europa. L'Europa deve avere la forza di essere indipendente, deve avere la forza di saper dialogare con entrambi blocchi, ma tirandosi fuori da qualsiasi schermaglia. Se non riuscirà ad essere indipendente ed autonoma, cosa che ad oggi non è, il sogno europeo diventerà il peggior incubo di questo nuovo secolo. 



Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Scuola tra docenti impotenti senza autorevolezza e autorità in una lotta per la sopravvivenza

I tempi del grembiule, delle bacchettate, delle punizioni dietro la lavagna o di altre amenità sono finiti da un pezzo come la scuola dell'ordine e della disciplina. Forse il grembiule potrebbe ritornare, o anche no, ovviamente non devono trovare alcuna dimensione e spazio violenze psicofisiche all'interno della scuola. Ma nel giro di un paio di generazioni che sono coincise da un lato con l'avvento di internet che ha tolto ogni freno inibitorio e dall'altro della scuola trasformata in luogo dove i docenti hanno perso ogni autorevolezza ed autorità, dove non contano più niente, non hanno più alcun potere, salvo qualche caso raro di abuso di mezzi di correzione e violenza che comunque vengono sanzionati a dovere ed utilizzati per demonizzare una intera categoria presa letteralmente a schiaffi ogni giorno, si è realizzato il disastro pieno. 
La scuola deve solo "vendere" un prodotto, che è il titolo di studio o diventare luogo di ammortizzatore sociale. Insegu…