Passa ai contenuti principali

Solidarietà all'ANPI per le accuse denigratorie per i fatti del lapidario di Gorizia

A quanto pare, ogni pretesto, ogni atto, ogni tutto è sempre valido per attaccare l'ANPI, realtà, a cui sono orgogliosamente iscritto, che con i suoi oltre 120.000 iscritti, è tra le più grandi associazioni combattentistiche presenti e attive oggi nel nostro Paese. A Gorizia, mani ignote, hanno imbrattato il lapidario del Parco della Rimembranza ( parchi che in tutta Italia nasceranno praticamente nel fascismo e per il fascismo), con scritte rosse ed una falce e martello. Il tutto accade a pochi giorni dal 1 maggio, e questo 1 maggio sarà il 70esimo anniversario di cosa? Della liberazione di buona parte della Venezia Giulia? Visto che nazisti e cetnici e collaborazionisti fuggirono perché braccati dai partigiani Jugoslavi e dunque grazie all'assedio determinante dei partigiani Jugoslavi, nonché all'attività delle brigate partigiane in loco, che Gorizia, ad esempio, verrà liberata in quel giorno? L'entrata dei partigiani in città sarà il coronamento di questa operazione che verrà da buona parte della popolazione salutata in modo festoso, con bandiere con la tipica stella rossa esposte dai balconi, con tre giorni continuativi di orazioni, o l'inizio di un processo di occupazione che porterà poi alle celebrazioni, da parte di alcuni, del 3 maggio e del 12 giugno? Esistono due visioni contrastanti, inconciliabili e che mai potranno trovare, per ovvi e noti motivi, un punto di convergenza. Questo è l'unico punto di memoria certamente condivisa, condivisa nella non condivisione di quel primo maggio del '45. Ebbene, il gesto ignoto, ha avuto, a quanto pare, un grande risalto,  ma sarebbe anche importante che lo stesso risalto, la stessa diffusa indignazione, possa emergere quando ad essere imbrattati sono, invece, i monumenti partigiani ed alla resistenza. La lega nazionale di Gorizia, per il tramite del suo presidente, attacca, sul profilo facebook pubblico, l'Anpi così scrivendo(...)"Nella speranza che si tratti di un vile atto operato da “cani sciolti” non posso esimermi dal pensare che questo possa essere il risultato della politica di informazione ignorante e distorta di ANPI e compagni che anche in occasione di questo 25 Aprile si sono “scordati” dell’incubo vissuto in quel periodo storico dalla nostra città.(...) Probabilmente non ci sarà mai una verità condivisa ma almeno si chiede rispetto nel ricordare gli avvenimenti onorando i caduti senza discriminazione alcuna e confidiamo che si possa presto raggiungere questo obiettivo iniziando fin d’ora condannando, questo si in modo condiviso, azioni vigliacche come questa offesa alla città ed ai suoi infoibati. Se questo non accadrà ci chiederemo ancora una volta se sia corretto che le istituzioni continuino a sostenere finanziariamente associazioni di tifosi! ". 
Dopo aver letto queste parole non posso che esprimere tutta la mia incondizionata solidarietà all'ANPI, che ancora una volta viene tirata in mezzo pur non avendo alcuna responsabilità, né diretta, né indiretta. Paragonare l'ANPI ad una semplice associazione di tifosi, perché il riferimento all'ANPI è evidente, come se si trattasse di una squadra di calcio, è una indecenza. Queste parole, nella loro complessità, sono gravi, irrispettose, offensive.  E poi, mi domando, quante volte realtà come la Lega Nazionale, o nazionalistiche, o di estrema destra, e che magari ricevono contributi pubblici, hanno espressamente condannato gli imbrattamenti, deturpamenti avvenuti ai danni dei monumenti, cippi, lapidi dedicate alla resistenza, ai partigiani, ai comunisti, anarchici ecc caduti per la nostra libertà?  E poi, quale lezione si può accettare da chi non festeggia il 25 aprile? Giorno universalmente riconosciuto in Italia della liberazione dall'incubo nazifascista? Nessuna.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…