Passa ai contenuti principali

Solidarietà all'ANPI per le accuse denigratorie per i fatti del lapidario di Gorizia

A quanto pare, ogni pretesto, ogni atto, ogni tutto è sempre valido per attaccare l'ANPI, realtà, a cui sono orgogliosamente iscritto, che con i suoi oltre 120.000 iscritti, è tra le più grandi associazioni combattentistiche presenti e attive oggi nel nostro Paese. A Gorizia, mani ignote, hanno imbrattato il lapidario del Parco della Rimembranza ( parchi che in tutta Italia nasceranno praticamente nel fascismo e per il fascismo), con scritte rosse ed una falce e martello. Il tutto accade a pochi giorni dal 1 maggio, e questo 1 maggio sarà il 70esimo anniversario di cosa? Della liberazione di buona parte della Venezia Giulia? Visto che nazisti e cetnici e collaborazionisti fuggirono perché braccati dai partigiani Jugoslavi e dunque grazie all'assedio determinante dei partigiani Jugoslavi, nonché all'attività delle brigate partigiane in loco, che Gorizia, ad esempio, verrà liberata in quel giorno? L'entrata dei partigiani in città sarà il coronamento di questa operazione che verrà da buona parte della popolazione salutata in modo festoso, con bandiere con la tipica stella rossa esposte dai balconi, con tre giorni continuativi di orazioni, o l'inizio di un processo di occupazione che porterà poi alle celebrazioni, da parte di alcuni, del 3 maggio e del 12 giugno? Esistono due visioni contrastanti, inconciliabili e che mai potranno trovare, per ovvi e noti motivi, un punto di convergenza. Questo è l'unico punto di memoria certamente condivisa, condivisa nella non condivisione di quel primo maggio del '45. Ebbene, il gesto ignoto, ha avuto, a quanto pare, un grande risalto,  ma sarebbe anche importante che lo stesso risalto, la stessa diffusa indignazione, possa emergere quando ad essere imbrattati sono, invece, i monumenti partigiani ed alla resistenza. La lega nazionale di Gorizia, per il tramite del suo presidente, attacca, sul profilo facebook pubblico, l'Anpi così scrivendo(...)"Nella speranza che si tratti di un vile atto operato da “cani sciolti” non posso esimermi dal pensare che questo possa essere il risultato della politica di informazione ignorante e distorta di ANPI e compagni che anche in occasione di questo 25 Aprile si sono “scordati” dell’incubo vissuto in quel periodo storico dalla nostra città.(...) Probabilmente non ci sarà mai una verità condivisa ma almeno si chiede rispetto nel ricordare gli avvenimenti onorando i caduti senza discriminazione alcuna e confidiamo che si possa presto raggiungere questo obiettivo iniziando fin d’ora condannando, questo si in modo condiviso, azioni vigliacche come questa offesa alla città ed ai suoi infoibati. Se questo non accadrà ci chiederemo ancora una volta se sia corretto che le istituzioni continuino a sostenere finanziariamente associazioni di tifosi! ". 
Dopo aver letto queste parole non posso che esprimere tutta la mia incondizionata solidarietà all'ANPI, che ancora una volta viene tirata in mezzo pur non avendo alcuna responsabilità, né diretta, né indiretta. Paragonare l'ANPI ad una semplice associazione di tifosi, perché il riferimento all'ANPI è evidente, come se si trattasse di una squadra di calcio, è una indecenza. Queste parole, nella loro complessità, sono gravi, irrispettose, offensive.  E poi, mi domando, quante volte realtà come la Lega Nazionale, o nazionalistiche, o di estrema destra, e che magari ricevono contributi pubblici, hanno espressamente condannato gli imbrattamenti, deturpamenti avvenuti ai danni dei monumenti, cippi, lapidi dedicate alla resistenza, ai partigiani, ai comunisti, anarchici ecc caduti per la nostra libertà?  E poi, quale lezione si può accettare da chi non festeggia il 25 aprile? Giorno universalmente riconosciuto in Italia della liberazione dall'incubo nazifascista? Nessuna.

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…