Passa ai contenuti principali

Nel 1946 ad Udine si stava preparando una marcia su Fiume?

Un bellissimo reportage del giornalista dell'Unità, Riccardo Longone, dal titolo viaggio in Friuli pubblicato il 24, 26 e 31 luglio del 1946, denuncia delle situazioni di una gravità inaudita che stavano prendendo piede in Friuli. Situazioni che poi, come la storia ha insegnato, apriranno la via  anche della strategia della tensione. La sua prima tappa sarà ad Udine dove rileverà che questa città, come tante altre, è “stata duramente colpita dai bombardamenti, ma la crisi degli alloggi qui è aggravata oltre che dalle requisizioni alleate, dalla presenza di profughi venuti da tutta la zona occupata dalla Jugoslavia. In realtà si tratta di una particolare categoria di profughi. Quasi tutti devono appartenere alle classi agiate (..) visto che sono ben forniti di mezzi, come sta a indicarlo il loro tenore di vita. Invece sinistrati di Udine alloggiano in vagoni abbandonati nella stazione, ma quelli venuti dalla zona B sono tutti riusciti ad avere una casa”. Per poi rilevare che “Ogni giorno c'è una nuova sfornata di manifesti che contribuiscono con il loro allarmismo a creare in città quella atmosfera di immediata retrovia di un fronte già provocata dalla presenza cosi numerosa di soldati, “Attenzione cittadini in mezzo a voi si aggirano agenti di Tito denunziateli”, poi è apparso un grande manifesto listato a lutto dove c'era scritto a caratteri cubitali FIUME. Nel manifesto si raccontava del terrore in cui vive quella popolazione”. Poi incontrerà una comitiva di gitanti giunti da Fiume ed a quanto pare “non sapevano proprio di vivere in mezzo a tanto terrore. Cominciano quindi a fare commenti e dicono che quei manifesti non servono affatto alla loro causa". Continuerà rilevando che "almeno una volta al mese, viene annunziata la mobilitazione dell'esercito jugoslavo e un prossimo colpo di mano di Tito. Queste notizie trovano sempre misteriosamente larga diffusione in Italia e fuori dall'Italia. Certo le Autorità militari Alleate, sono davvero all'oscuro dei preparativi, non propriamente militari che da tempo si vanno facendo per affrontare il famoso colpo di mano che tanto ritarda a venire? Io umile giornalista in pochi giorni sono venuto facilmente a conoscenza di codesti preparativi ~ difensivi e di altri che hanno diverso carattere.Ho sentito, così, anche io, parlare di una nuova prossima marcia su Ronchi che qualcuno visto che “i porci croati “ non si decidono ad attaccare, abbia progettato di capovolgere la situazione”.  Ed ancora che “a Udine si parla con un certo scetticismo delle persone che hanno promesso di ripetere l' eroica – gesta fiumana”. Per poi rilevare che forse anche le bande tricolore che operavano in Friuli avrebbero potuto fare parte di questa “impresa”, pur lasciando trapelare che gli alleati mai avrebbero consentito una simile iniziativa. Insomma il giornalista nel suo viaggio in Friuli ha colto tutto quello che accadeva alla luce del sole, ove gli antifascisti ed i partigiani comunisti venivano arrestati o perseguitati, mentre repubblichini, fascisti e monarchici facevano propaganda, diffondevano menzogna, che aveva il chiaro scopo di accusare la Jugoslavia di far vivere la gente nel terrore, che rischiava di invadere l'Italia, per quella logica strumentale ed utile per le vicende del confine orientale tanto, come denuncia il giornalista, visto che l'invasione o l'attacco Jugoslavo non avveniva, e non poteva avvenire perché non esisteva alcun rischio e pericolo in tal senso, la cosa doveva essere ribaltata, ovvero attaccando, magari riproponendo le gesta eversive e militariste della nota marcia di occupazione di Fiume del 1919. E dunque, se già nel '46 vi erano queste segnalazioni a dir poco sconvolgenti, perché escludere che parte della strategia della tensione, visti anche i protagonisti della stessa e la matrice fascista e nazionalista della stessa, possa essere stata funzionale a minare i rapporti tra Italia e Jugoslavia in relazione alle vicende territoriali del Confine Orientale? 

Commenti

Post popolari in questo blog

Regionali FVG 2018 se a qualcuno interessano i programmi...

Si voterà in prossimità del ponte, una grande pensata che altro non farà che favorire già quello che si sa che sarà, una partecipazione al voto calante,e chiunque vincerà non vincerà tanto per il suo programma elettorale innovativo o superlativo, profondo o leggero o geniale che questo sia. I programmi oramai trovano il tempo che trovano ci puoi mettere di tutto e di più. Da chi parlerà di TAV a chi parlerà di tutela dell'identità friulana o slovena a chi di zone agevolate interesserà poco alla maggior parte dei cittadini. Perchè ragioneranno sulla base di quello che hanno vissuto, un vissuto che è fatto di esperienze, di questioni concrete. E soprattutto di un rigurgito chiaro e netto nei confronti di un certo modo di fare e concepire la politica ed il bene comune sempre più degradato e sacrificato all'altare dell'austerità e della globalizzazione selvaggia che ha favorito il ritorno di nazionalismi anacronistici e ucciso identità e specificità che meritavano tutela. Ogn…

L'Italia e l'alleanza con gli USA, una scelta di campo?

Così Gentiloni sulla questione Siria: voglio solo dire, in conclusione, che l'Italia non è un Paese neutrale, non è un Paese che sceglie di volta in volta, di fronte a questa o a quella crisi, se schierarsi con l'Alleanza atlantica o schierarsi da un'altra parte. Noi siamo coerentemente, da più di sessant'anni, partner fondamentali dell'Alleanza atlantica e alleati degli Stati Uniti. Siamo alleati dell'America, voglio dire: non è un problema di rapporti con questo o quel presidente americano. Siamo stati alleati dell'America con Kennedy e con Nixon, con Clinton e con Reagan, con Bush e con Obama e lo abbiamo fatto perché - lo dico senza infingimenti - è una scelta di campo. È una scelta di campo. È una scelta di campo che deriva certamente dal fatto che l'America, insieme agli alleati, ci ha liberato dal nazifascismo e che certamente deriva dai nostri interessi di difesa e di sicurezza del Paese, ma non è solo questo. È una scelta di campo che deriva da…

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…