Passa ai contenuti principali

La prima volta che le donne votarono a Trieste fu durante l'amministrazione Jugoslava

Tra il 13 ed il 17 maggio del 1945, giorno in cui presso il Teatro Rossetti di Trieste si formerà il comitato esecutivo italo-sloveno, il CLT (consiglio di liberazione di Trieste) i cui membri erano 12 italiani e 7 sloveni, organizzò l'elezione dell'assemblea costituente di Trieste. Sarà la prima volta nella storia di Trieste che le donne parteciperanno ad un processo elettorale. D'altronde ciò si poneva in linea con il grande ruolo svolto dalle donne all'interno della resistenza, è lì che è emersa la prima grande forma e sostanza di uguaglianza. Donne scesero festeggianti per le strade di Trieste dopo la liberazione della città dagli occupanti nazifascisti, donne erano alla testa del corteo che accoglievano i partigiani Jugoslavi, donne imbracciavano cartelli con scritto viva le donne antifasciste.


E' anche interessante notare come la posizione di avversità od ostilità, da parte delle altre truppe alleate, nei confronti dei Partigiani Jugoslavi e dei comunisti, in città, iniziò a concretizzarsi dal momento in cui iniziarono ad essere emanate le ordinanze di Maggio. 

Ordinanze con le quali si introducevano a Trieste il socialismo, una economia di stampo socialista che prevedeva il controllo diretto esercitato su tutte le industrie e le aziende commerciali, senza che comunque queste venissero confiscate, la chiusura di banche ed assicurazioni fino a nuovo ordine, tutte misure che ovviamente fomentarono l'ira del capitalismo e dei grandi industriali locali. Il CLN, avverso alla Jugoslavizzazione di Trieste, il cui scopo vitale era proprio quello di contrastare l'annessione di Trieste alla Jugoslavia, vide la sua attività essere benedetta dal Papa Pio XII il 18 maggio del '45, nonché anche dalla politica centrale nazionale, fomentando propaganda nazionalistica accusando i partigiani di aver avviato a Trieste una sorta di caccia all'italiano. Cosa ovviamente non vera, perché i provvedimenti di restrizione vennero attuati nei confronti di fascisti, collaborazionisti, siano essi italiani che sloveni o croati e non in via indiscriminata contro l'italiano. 
Fascisti e collaborazionisti che erano ancora un pericolo, in un tempo ove la guerra non era ancora effettivamente giunta pienamente a termine.
Insomma la paura di vedere una economia socialista alle porte dell'Italia, e con il controllo, da parte di questa, del più importante porto dell'alto Adriatico, è stata certamente determinante per il capitalismo, il quale servendosi della propaganda in chiave nazionalistica, ha seminato nel corso del tempo falsità e calunnie immani il cui esito è stato l'accordo di Belgrado e la divisione del territorio conteso in Zona A e B.  
Ciò per salvare il proprio sistema. Eppure, come si legge nel libro di Novak, ( Trieste 1941-1954) certamente non tenero nei confronti dei partigiani Jugoslavi, l'ex Podestà Pagnini ed il Prefetto Coceani fuggirono grazie all'aiuto delle altre truppe alleate, eppure il 15 giugno del '45, quando già le truppe jugoslave, in relazione agli accordi di Belgrado, furono costrette a ritirarsi nella nascente zona B,ben 60 mila operai manifestarono in città presentando una petizione al GMA, volevano l'amministrazione civile filo-comunista, chiedevano che tutti i fascisti e collaborazionisti fossero arrestati e condotti al tribunale del popolo, pretendevano il riconoscimento del CLT. Ciò a dimostrare come in città vi fosse un sentimento tutt'altro che univoco, omogeneo e di ostilità nei confronti del comunismo e della Jugoslavia.  Per capire il clima di quel tempo, e quanto il fascismo fosse radicato nel Paese, è importante leggere quanto pubblicato dalla Stampa il 16 aprile del 1945, in merito alle notizie che circolavano sulla possibile annessione della Venezia Giulia alla Jugoslavia: “l'unica morale possibile in questo umiliante episodio della Venezia Giulia bramata dai mandriani jugoslavi la trarranno gli italiani di buona fede, forse pensando che con Mussolini alla testa dello Stato italiano dalle Alpi alla Sicilia nessuna voce obliqua da oltre Adriatico avrebbe mai potuto levarsi ed insidiare ciò che è sacrosantamente nostro”. 
Articolo nel quale si scriveva anche che “d'altra parte la liberazione oltre alla fame, la carestia e tutti gli annessi e connessi ha portato nell'Italia invasa anche malattie che prima dell'arrivo delle multicolori truppe alleate erano praticamente sconosciute al nostro Paese”.
note:foto tratte dal video Taking Of Trieste - British Pathé 1945 disponibile sul sito del CNJ


Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…