Passa ai contenuti principali

Gorizia e provincia e le mine atomiche,tempi maturi per una Commissione d'Inchiesta

Fortezza FVG è un libro curato da Legambiente, a cura di Moreno Baccichet, Edicom edizioni, che raccoglie diversi interventi, analisi ed approfondimenti su quello che è accaduto in FVG subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, ovvero come la regione sia divenuta una vera fortezza, da qui il titolo del libro, passando dai rapporti problematici con la militarizzazione della regione,cosa che venne anche denunciata da Bacicchi più volte, per attraversare un mutamento di rapporti dopo il tremendo terremoto che ha visto i militari adoperarsi per aiutare la popolazione civile sino a  giungere al problema ancora oggi sussistente delle dismissioni ecc. 
Ma uno dei punti che certamente farà discutere, in questo libro, è quello relativo ad una pagina poco conosciuta, che ha sollevato nel corso del tempo anche alcune interrogazioni, come quella del PRC alla Regione nel 2001, quale quella delle mine atomiche nella così detta soglia di Gorizia. Si legge che “nei giochi di guerra degli strateghi della Nato e delle Forza armate italiane, la provincia goriziana poteva essere tranquillamente sacrificata” facendo terra bruciata “distribuendo lungo la linea debole una serie di mine nucleari capaci di fare piazza pulita di gran parte della regione orientale del FVG”.
Una denuncia certamente a dir poco sconvolgente, che riaccende l'attenzione su una questione caduta nel dimenticatoio.
E si riportano anche documenti e dibattiti parlamentari nonché alcuni articoli che già denunciavano questo rischio immenso e folle ed ingiustificato per Gorizia e provincia. Eppure si leggerà che “il ricorso alle mine atomiche da armare in prospettiva di un imminente attacco militare era ben visto da un ampio settore del parlamento nazionale tanto da chiedere che anche il nostro esercito fosse dotato di ordigni propri” E nel libro si denuncia che non casualmente all'inizio degli anni '70 era ben chiaro alle popolazioni locali che sul Carso si stavano costruendo bunker e gallerie che assomigliavano a quelle presidiate dalla fanteria d'arresto, opere finanziate dalla NATO che lasciavano trapelare finalità diverse da quelle di una difesa convenzionale". 
Nel 1972 al Senato Bacicchi propose una interrogazione proprio su tale questione ed il sottosegretario di Stato per gli affari esteri affermava che: « Il Gruppo pianificazione nucleare della NATO di cui l'Italia fa parte, nel condurre studi intesi a considerare la possibile utilizzazione di mine nucleari per la protezione dell'area dell'Alleanza, ha definito alcuni princìpi direttivi che dovrebbero essere seguiti nel caso che dovesse pervenirsi all'impiego tattico iniziale di detti mezzi. « Al riguardo è da chiarire che trattasi di armi che avrebbero il solo scopo di creare ostacoli sulla via di un ipotetico invasore e che, comunque, il ricorso ad esse sarebbe sempre subordinato all'autorizzazione della autorità politica nazionale”. Bacicchi ricorderà che “È evidente che non vi è giustificazione plausibile per la posa di mine atomiche sul Carso alla frontiera jugoslava, se si vuole perseguire una politica di distensione, una politica di pace in Europa. Non vi è giustificazione plausibile per una misura di questo genere, in quanto tale misura si colloca, evidentemente, in una prospettiva opposta”. 
Ritornando al libro, ove si citano alcuni atti parlamentari, si legge che “alla fine degli anni '80 alcuni settori dell'esercito italiano “continuano a sostenere l'utilità del mantenimento in servizio di alcune di quelle armi, per l'uso possibile al fine di bloccare passi di montagna”. Mentre nel 1983 il deputato Cicciomessere denunciava il fatto che “anziché rendersi conto che la strategia della linea atomica era sbagliata si stava programmando una sostituzione delle testate con ordigni più moderni”. E solo nel 1988 il ministro della difesa Zanone dichiarerà “chiusa la vicenda delle mine precisando che l'eliminazione delle mine atomiche è stata effettuata”. 
Insomma il FVG è stato deposito di armi nucleari? Pare proprio di sì. E dunque dovevano essere usate all'interno del FVG, per  "colpire" la soglia di Gorizia ed il goriziano in caso di una invasione(?) Jugoslava o dall'est. Certo che se era questo il modo in cui si voleva difendere "l'italianità" di Gorizia e provincia che dire? e poi non dimentichiamoci che con le due bombe atomiche i nostri grandi alleati hanno cagionato oltre 200 mila vittime civili e mai sono stati puniti per ciò. 
Il capitolo del libro dedicato alla questione mine atomiche non può passare inosservato e certamente è necessario, oggi, visto che i tempi sono maturi attivarsi per la formalizzazione di una Commissione Parlamentare d'inchiesta sul caso della soglia di Gorizia e mine atomiche.
Quante erano le mine atomiche od armi atomiche depositate in FVG? Dove sono state depositate? Sono mai state collocate nei punti “sensibili”? Sono mai state fatte esercitazioni in tal senso nella nostra regione, e dove? L'Italia, tramite anche le sue componenti militari,che ruolo ha avuto in tutto ciò? E' stata realmente compiacente? Era disposta a “sacrificare” Gorizia e provincia in quel modo, con armi nucleari, anche se dall'effetto limitato, ma sempre devastanti? Quali erano i piani dettagliati nel caso di utilizzo di queste mine? Quali gli effetti previsti? Quale la quantità di materiale radioattivo che poteva essere liberato in prossimità del punto di esplosione? 
Si attendono risposte istituzionali 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

FVG pride se la marcia evita il duomo di Udine

Si svolgerà ad Udine il FVG Pride e la notizia del 15 maggio, quando è stato reso noto il percorso è che la marcia eviterà il duomo. Il comitato organizzatore, come è emerso al TG3 del FVG, ha deciso di evitare il duomo e di mantenere le vie "storiche" dove vi è stata maggiore accoglienza e soprattutto in sostanza per evitare polemiche ecc ecc. Che dire? Che passare davanti al duomo non sarebbe stata una provocazione, anche perchè quante persone che parteciperanno al Gay pride sono credenti o cattoliche? Ma in Italia siamo ancora a questi livelli, quasi da medioevo, e se posso capire le preoccupazioni di chi fino all'altro giorno non poteva neanche uscire di casa perchè omosessuale, perchè in questo Paese vi è un tasso di omofobia inquietante, allora da laico quello che auspico è che le processioni o manifestazioni religiose evitino da questo preciso momento luoghi simbolici importanti, come le scuole od i Municipi, per non turbare le coscienze di chi non è credente.
M…