Passa ai contenuti principali

Attenzione ad alcuni centenari: se gestiti in cattivo modo saranno mine storiche esplosive

Ho letto sul Piccolo del 9 marzo 2015 che per il mese di novembre 2018 si vuole organizzare in Trieste il raduno delle sezioni bersaglieri di tutto il centro nord con un evento nazionale in occasione “del ritorno di Trieste all'Italia". 
Ora, non mi stupisce e non sorprende tanto l'iniziativa che verrà realizzata. E' politicamente, vista la storia di Trieste, comprensibile, forse più comprensibile rispetto a quella che qualcuno vorrebbe organizzare a Ronchi nel settembre del 2019 per ricordare, tramite un pellegrinaggio, l'occupazione di Fiume, come poi verrà, per un breve periodo, annessa all'Italia per mano del fascismo. 
Quest'ultima iniziativa, se mai troverà luogo, sarà di una gravità inaudita, anche perché si vuole ricordare, celebrare, l'occupazione di una città appartenente ad uno Stato estero, quale la Croazia. Certo, ancora oggi si effettuano iniziative in tal 12 settembre presso il monumento di Monfalcone, che i cittadini di Ronchi non hanno voluto sul proprio territorio, volte a celebrare quell'evento antesignano del fascismo, e prima marcia militarista dopo la grande guerra, eversiva e dai forti connotati di stampo razzista nei confronti dei croati, ma qualcosa in questi ultimi tempi si è risvegliato, specialmente grazie all'iniziativa come sollevata dal gruppo di Ronchi dei Partigiani, che si batte per l'eliminazione del suffisso dei legionari di Ronchi ed il mantenimento del solo Ronchi con l'aggiunta città dei partigiani, ed a tal proposito segnalo che a breve verrà pubblicato un libro che racchiuderà tutti gli interventi che sono stati prodotti in materia. 
Però, ritornando sulla questione ritorno di Trieste all'Italia, nel 1918 non vi è stato alcun tipo di ritorno da parte dell'Italia su Trieste o di Trieste all'Italia, ma vi è stata la prima occupazione da parte dell'Italia dopo la caduta del secolare Impero Austro Ungarico. Avrà mai fine questa retorica che poi falsifica anche la storia? 
Come scritto, in questi anni, ci saranno diversi centenari, ed in Friuli Venezia Giulia e nel Confine Orientale l'attenzione dovrà essere massima, specialmente in un contesto storico difficile che mina quell'equilibrio politico e di pace che sussiste oggi in Europa per il disgraziato ritorno di oltraggiosi sentimenti nazionalistici. 
Andranno contestate e contrastate tutte le iniziative che avranno carattere nazionalistico e che con tale intento interesseranno centenari come il 1918, l'occupazione eversiva e militarista illegittima ed illegale di Fiume, poi la nascita del fascismo ecc, con particolare attenzione a quello che accadrà nelle terre ancora oggi contese ( Istria, Dalmazia, Fiume), dove ogni provocazione andrà semplicemente fermata sul nascere.
Perché ogni provocazione, che con la veste del centenario, sarà finalizzata a ricordare la inesistente secolare italianità di quelle terre, terre tra le altre cose occupate dall'Italia per un periodo inferiore all'età della morte di Cristo, con tutte le soppressioni, soprusi, violenze e barbarie esercitate nei confronti di sloveni e croati in primis, rischierà di riaccendere focolai che qualcuno probabilmente coltiva da diversi decenni per il sospirato "ritorno" in quelle terre. 
Insomma, attenzione ai centenari, perché rischiano, se governati in cattivo modo, di diventare, in tale turbolento periodo storico, strumento di propaganda e di intolleranza, tramite la mistificazione storica rischiando altresì di compromettere, seriamente, quelle basi che hanno portato all'Europa di oggi, Europa che certamente ha mille problematicità dal punto di vista economico prima di ogni cosa, ma non per questo deve essere demolita, bensì radicalmente riformata e difesa attraverso quei principi tipici e propri di un socialismo internazionale che possono saldare integrazione, condivisione, multiculturalismo, libertà, solidarietà e democrazia in un solo corpo, che pur salvaguardando le specificità locali, deve con sapienza ripudiare ogni ottocentesco sentimento nazionalistico.

Commenti

  1. vergognoso ricordare le pagine peggiori della storia italiana!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…