Passa ai contenuti principali

Attenzione ad alcuni centenari: se gestiti in cattivo modo saranno mine storiche esplosive

Ho letto sul Piccolo del 9 marzo 2015 che per il mese di novembre 2018 si vuole organizzare in Trieste il raduno delle sezioni bersaglieri di tutto il centro nord con un evento nazionale in occasione “del ritorno di Trieste all'Italia". 
Ora, non mi stupisce e non sorprende tanto l'iniziativa che verrà realizzata. E' politicamente, vista la storia di Trieste, comprensibile, forse più comprensibile rispetto a quella che qualcuno vorrebbe organizzare a Ronchi nel settembre del 2019 per ricordare, tramite un pellegrinaggio, l'occupazione di Fiume, come poi verrà, per un breve periodo, annessa all'Italia per mano del fascismo. 
Quest'ultima iniziativa, se mai troverà luogo, sarà di una gravità inaudita, anche perché si vuole ricordare, celebrare, l'occupazione di una città appartenente ad uno Stato estero, quale la Croazia. Certo, ancora oggi si effettuano iniziative in tal 12 settembre presso il monumento di Monfalcone, che i cittadini di Ronchi non hanno voluto sul proprio territorio, volte a celebrare quell'evento antesignano del fascismo, e prima marcia militarista dopo la grande guerra, eversiva e dai forti connotati di stampo razzista nei confronti dei croati, ma qualcosa in questi ultimi tempi si è risvegliato, specialmente grazie all'iniziativa come sollevata dal gruppo di Ronchi dei Partigiani, che si batte per l'eliminazione del suffisso dei legionari di Ronchi ed il mantenimento del solo Ronchi con l'aggiunta città dei partigiani, ed a tal proposito segnalo che a breve verrà pubblicato un libro che racchiuderà tutti gli interventi che sono stati prodotti in materia. 
Però, ritornando sulla questione ritorno di Trieste all'Italia, nel 1918 non vi è stato alcun tipo di ritorno da parte dell'Italia su Trieste o di Trieste all'Italia, ma vi è stata la prima occupazione da parte dell'Italia dopo la caduta del secolare Impero Austro Ungarico. Avrà mai fine questa retorica che poi falsifica anche la storia? 
Come scritto, in questi anni, ci saranno diversi centenari, ed in Friuli Venezia Giulia e nel Confine Orientale l'attenzione dovrà essere massima, specialmente in un contesto storico difficile che mina quell'equilibrio politico e di pace che sussiste oggi in Europa per il disgraziato ritorno di oltraggiosi sentimenti nazionalistici. 
Andranno contestate e contrastate tutte le iniziative che avranno carattere nazionalistico e che con tale intento interesseranno centenari come il 1918, l'occupazione eversiva e militarista illegittima ed illegale di Fiume, poi la nascita del fascismo ecc, con particolare attenzione a quello che accadrà nelle terre ancora oggi contese ( Istria, Dalmazia, Fiume), dove ogni provocazione andrà semplicemente fermata sul nascere.
Perché ogni provocazione, che con la veste del centenario, sarà finalizzata a ricordare la inesistente secolare italianità di quelle terre, terre tra le altre cose occupate dall'Italia per un periodo inferiore all'età della morte di Cristo, con tutte le soppressioni, soprusi, violenze e barbarie esercitate nei confronti di sloveni e croati in primis, rischierà di riaccendere focolai che qualcuno probabilmente coltiva da diversi decenni per il sospirato "ritorno" in quelle terre. 
Insomma, attenzione ai centenari, perché rischiano, se governati in cattivo modo, di diventare, in tale turbolento periodo storico, strumento di propaganda e di intolleranza, tramite la mistificazione storica rischiando altresì di compromettere, seriamente, quelle basi che hanno portato all'Europa di oggi, Europa che certamente ha mille problematicità dal punto di vista economico prima di ogni cosa, ma non per questo deve essere demolita, bensì radicalmente riformata e difesa attraverso quei principi tipici e propri di un socialismo internazionale che possono saldare integrazione, condivisione, multiculturalismo, libertà, solidarietà e democrazia in un solo corpo, che pur salvaguardando le specificità locali, deve con sapienza ripudiare ogni ottocentesco sentimento nazionalistico.

Commenti

  1. vergognoso ricordare le pagine peggiori della storia italiana!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …