Passa ai contenuti principali

Attenzione ad alcuni centenari: se gestiti in cattivo modo saranno mine storiche esplosive

Ho letto sul Piccolo del 9 marzo 2015 che per il mese di novembre 2018 si vuole organizzare in Trieste il raduno delle sezioni bersaglieri di tutto il centro nord con un evento nazionale in occasione “del ritorno di Trieste all'Italia". 
Ora, non mi stupisce e non sorprende tanto l'iniziativa che verrà realizzata. E' politicamente, vista la storia di Trieste, comprensibile, forse più comprensibile rispetto a quella che qualcuno vorrebbe organizzare a Ronchi nel settembre del 2019 per ricordare, tramite un pellegrinaggio, l'occupazione di Fiume, come poi verrà, per un breve periodo, annessa all'Italia per mano del fascismo. 
Quest'ultima iniziativa, se mai troverà luogo, sarà di una gravità inaudita, anche perché si vuole ricordare, celebrare, l'occupazione di una città appartenente ad uno Stato estero, quale la Croazia. Certo, ancora oggi si effettuano iniziative in tal 12 settembre presso il monumento di Monfalcone, che i cittadini di Ronchi non hanno voluto sul proprio territorio, volte a celebrare quell'evento antesignano del fascismo, e prima marcia militarista dopo la grande guerra, eversiva e dai forti connotati di stampo razzista nei confronti dei croati, ma qualcosa in questi ultimi tempi si è risvegliato, specialmente grazie all'iniziativa come sollevata dal gruppo di Ronchi dei Partigiani, che si batte per l'eliminazione del suffisso dei legionari di Ronchi ed il mantenimento del solo Ronchi con l'aggiunta città dei partigiani, ed a tal proposito segnalo che a breve verrà pubblicato un libro che racchiuderà tutti gli interventi che sono stati prodotti in materia. 
Però, ritornando sulla questione ritorno di Trieste all'Italia, nel 1918 non vi è stato alcun tipo di ritorno da parte dell'Italia su Trieste o di Trieste all'Italia, ma vi è stata la prima occupazione da parte dell'Italia dopo la caduta del secolare Impero Austro Ungarico. Avrà mai fine questa retorica che poi falsifica anche la storia? 
Come scritto, in questi anni, ci saranno diversi centenari, ed in Friuli Venezia Giulia e nel Confine Orientale l'attenzione dovrà essere massima, specialmente in un contesto storico difficile che mina quell'equilibrio politico e di pace che sussiste oggi in Europa per il disgraziato ritorno di oltraggiosi sentimenti nazionalistici. 
Andranno contestate e contrastate tutte le iniziative che avranno carattere nazionalistico e che con tale intento interesseranno centenari come il 1918, l'occupazione eversiva e militarista illegittima ed illegale di Fiume, poi la nascita del fascismo ecc, con particolare attenzione a quello che accadrà nelle terre ancora oggi contese ( Istria, Dalmazia, Fiume), dove ogni provocazione andrà semplicemente fermata sul nascere.
Perché ogni provocazione, che con la veste del centenario, sarà finalizzata a ricordare la inesistente secolare italianità di quelle terre, terre tra le altre cose occupate dall'Italia per un periodo inferiore all'età della morte di Cristo, con tutte le soppressioni, soprusi, violenze e barbarie esercitate nei confronti di sloveni e croati in primis, rischierà di riaccendere focolai che qualcuno probabilmente coltiva da diversi decenni per il sospirato "ritorno" in quelle terre. 
Insomma, attenzione ai centenari, perché rischiano, se governati in cattivo modo, di diventare, in tale turbolento periodo storico, strumento di propaganda e di intolleranza, tramite la mistificazione storica rischiando altresì di compromettere, seriamente, quelle basi che hanno portato all'Europa di oggi, Europa che certamente ha mille problematicità dal punto di vista economico prima di ogni cosa, ma non per questo deve essere demolita, bensì radicalmente riformata e difesa attraverso quei principi tipici e propri di un socialismo internazionale che possono saldare integrazione, condivisione, multiculturalismo, libertà, solidarietà e democrazia in un solo corpo, che pur salvaguardando le specificità locali, deve con sapienza ripudiare ogni ottocentesco sentimento nazionalistico.

Commenti

  1. vergognoso ricordare le pagine peggiori della storia italiana!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Scuola tra docenti impotenti senza autorevolezza e autorità in una lotta per la sopravvivenza

I tempi del grembiule, delle bacchettate, delle punizioni dietro la lavagna o di altre amenità sono finiti da un pezzo come la scuola dell'ordine e della disciplina. Forse il grembiule potrebbe ritornare, o anche no, ovviamente non devono trovare alcuna dimensione e spazio violenze psicofisiche all'interno della scuola. Ma nel giro di un paio di generazioni che sono coincise da un lato con l'avvento di internet che ha tolto ogni freno inibitorio e dall'altro della scuola trasformata in luogo dove i docenti hanno perso ogni autorevolezza ed autorità, dove non contano più niente, non hanno più alcun potere, salvo qualche caso raro di abuso di mezzi di correzione e violenza che comunque vengono sanzionati a dovere ed utilizzati per demonizzare una intera categoria presa letteralmente a schiaffi ogni giorno, si è realizzato il disastro pieno. 
La scuola deve solo "vendere" un prodotto, che è il titolo di studio o diventare luogo di ammortizzatore sociale. Insegu…