Passa ai contenuti principali

Se il questionario scuola dell'Invalsi dimentica la RSU e la componente studentesca

Nella premessa del questionario scuola dell'INVALSI si legge espressamente che "le informazioni richieste serviranno per la costruzione di indicatori che potranno essere utilizzati in questo stesso anno scolastico per l’autovalutazione, ed anche per la valutazione esterna a partire dal prossimo anno scolastico. Per garantire una restituzione valida è fondamentale che siano compilate con accuratezza tutte le domande inserite nel questionario. La raccolta delle informazioni necessarie per rispondere alle domande è a cura del gruppo di autovalutazione. Sarà Sua responsabilità, in quanto Dirigente scolastico, verificare che tutte le domande siano compilate. I dati del questionario devono fare riferimento alla scuola intesa come intera istituzione scolastica, sommando informazioni delle varie sedi, con esclusione delle informazioni relative ai Centri Provinciali per l'istruzione degli adulti e ai plessi ospedalieri, che per le loro specificità non sarebbero confrontabili con le altre realtà scolastiche”. Dunque  si tratta del primo anello non semplicemente statistico ma di analisi che inciderà in modo importante nel processo di valutazione esterna ed anche autovalutazione della scuola. Diverse sono le voci, alcune delle quali, confrontandomi con alcuni docenti, hanno aperto un lume di comprensione del perché alcuni dirigenti scolastici insistono su determinate voci, come il profilo delle competenze, come la necessità di fare un test di ingresso a scuola, od il sostituire la canonica commissione con un gruppo di lavoro, perché si tratta di  elementi chiari  di  possibile valutazione della scuola come, appunto, inseriti nel questionario. Elementi di valutazione che probabilmente saranno stati preceduti da indicazioni fornite alle varie dirigenze scolastiche su come procedere, in corso d'opera, per facilitare l'inserimento o l'introduzione di fattori che dal sistema SNV e dunque Invalsi vengono reputati come importanti. Insomma l'invalsione della scuola, per utilizzare una sorta di neologismo che possa spiegare quello che accade, continua e si aggrava.  Tra le cose più rilevanti che ho notato nel questionario scuola è la totale assenza della voce RSU anche quando si parla di voci in cui la RSU certamente avrebbe diritto di intraprendere o contrattazione o consultazione. Per non parlare delle assemblee sindacali, semplicemente ignorate, pur essendo aspetti democratici e di consultazione importanti nei processi della  vita democratica del sistema scolastico, stesso discorso per la voce che riguarda la componente studentesca. Certo è vero che la RSU è stata fortemente indebolita, è vero che ora ci saranno le elezioni che sicuramente il Governo utilizzerà per capire il quadro reale della sindacalizzazione della scuola e del peso delle varie realtà organizzative sindacali, però ignorare totalmente il ruolo della RSU, a pochi giorni dalle relative elezioni, in un questionario che avrebbe lo scopo di fotografare lo stato dell'arte della scuola considerata è a dir poco sintomatico della situazione in essere.


Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…