Passa ai contenuti principali

Se il questionario scuola dell'Invalsi dimentica la RSU e la componente studentesca

Nella premessa del questionario scuola dell'INVALSI si legge espressamente che "le informazioni richieste serviranno per la costruzione di indicatori che potranno essere utilizzati in questo stesso anno scolastico per l’autovalutazione, ed anche per la valutazione esterna a partire dal prossimo anno scolastico. Per garantire una restituzione valida è fondamentale che siano compilate con accuratezza tutte le domande inserite nel questionario. La raccolta delle informazioni necessarie per rispondere alle domande è a cura del gruppo di autovalutazione. Sarà Sua responsabilità, in quanto Dirigente scolastico, verificare che tutte le domande siano compilate. I dati del questionario devono fare riferimento alla scuola intesa come intera istituzione scolastica, sommando informazioni delle varie sedi, con esclusione delle informazioni relative ai Centri Provinciali per l'istruzione degli adulti e ai plessi ospedalieri, che per le loro specificità non sarebbero confrontabili con le altre realtà scolastiche”. Dunque  si tratta del primo anello non semplicemente statistico ma di analisi che inciderà in modo importante nel processo di valutazione esterna ed anche autovalutazione della scuola. Diverse sono le voci, alcune delle quali, confrontandomi con alcuni docenti, hanno aperto un lume di comprensione del perché alcuni dirigenti scolastici insistono su determinate voci, come il profilo delle competenze, come la necessità di fare un test di ingresso a scuola, od il sostituire la canonica commissione con un gruppo di lavoro, perché si tratta di  elementi chiari  di  possibile valutazione della scuola come, appunto, inseriti nel questionario. Elementi di valutazione che probabilmente saranno stati preceduti da indicazioni fornite alle varie dirigenze scolastiche su come procedere, in corso d'opera, per facilitare l'inserimento o l'introduzione di fattori che dal sistema SNV e dunque Invalsi vengono reputati come importanti. Insomma l'invalsione della scuola, per utilizzare una sorta di neologismo che possa spiegare quello che accade, continua e si aggrava.  Tra le cose più rilevanti che ho notato nel questionario scuola è la totale assenza della voce RSU anche quando si parla di voci in cui la RSU certamente avrebbe diritto di intraprendere o contrattazione o consultazione. Per non parlare delle assemblee sindacali, semplicemente ignorate, pur essendo aspetti democratici e di consultazione importanti nei processi della  vita democratica del sistema scolastico, stesso discorso per la voce che riguarda la componente studentesca. Certo è vero che la RSU è stata fortemente indebolita, è vero che ora ci saranno le elezioni che sicuramente il Governo utilizzerà per capire il quadro reale della sindacalizzazione della scuola e del peso delle varie realtà organizzative sindacali, però ignorare totalmente il ruolo della RSU, a pochi giorni dalle relative elezioni, in un questionario che avrebbe lo scopo di fotografare lo stato dell'arte della scuola considerata è a dir poco sintomatico della situazione in essere.


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Gorizia e la solita questione dei migranti, una sistematica omissione di soccorso impunita

Oramai sentir dire che a Gorizia periodicamente ci sono decine e decine di richiedenti asilo omologati come fuori convenzione, fuori praticamente da ogni processo di "accoglienza", è la normalità. Dormono per strada, vivono per strada. Perchè Gorizia ha raggiunto la sua fantomatica quota e chi non rientra in questa quota può andare altrove, qui non troverà alcuna porta aperta. Forse una galleria, di passaggio. Palestre chiuse, tendopoli neanche a proporle, caserme chiuse, stanze chiuse. Fuori da Gorizia. Arriveranno i soliti autobus li trasporteranno in qualche altra città ed arrivederci alla prossima emergenza nella non emergenza. Perchè il Governo italiano ha detto che non può essere dichiarata alcuna emergenza in materia e la Regione FVG ha fatto sparire nel nulla il decreto sull'emergenza in materia di migranti. In un sistema dove l'omissione di soccorso è appunto sistematica, impunita. E poi sempre le solite chiacchiere per arrivare all'assurdo che neanche …

Scuola e ferie docenti: dispiace aver fatto cadere la mascella e venire l'ulcera ad una lettrice del Piccolo

Mi dispiace aver fatto cadere la mascella e venire l'ulcera ad una lettrice del Piccolo. Così come non era mio intento offendere(?) profondamente i lavoratori ed i disoccupati, ma ognuno è libero di percepire le cose come vuole. No, non sono un professore. Sono un libero professionista che ogni giorno si interroga sul proprio futuro, perchè noi giovani, anche se oramai forse non più tanto giovani anche se comunque sotto i 40anni, che abbiamo deciso di percorrere una via, con enormi sacrifici,ci siamo formati in un certo modo, siamo stati letteralmente schiaffeggiati da un sistema che continua a maltrattarci, sempre più oneri sempre meno onori e sempre più precari in una situazione sociale ed economica pessima. Non è un mistero che sono migliaia gli avvocati che si son cancellati in tutta Italia dall'albo per le nuove regole, ma il grosso dell'emorragia deve ancora arrivare, questione di qualche anno, quando finiranno le "agevolazioni", sarà un disastro (previsto…