Passa ai contenuti principali

Se il questionario scuola dell'Invalsi dimentica la RSU e la componente studentesca

Nella premessa del questionario scuola dell'INVALSI si legge espressamente che "le informazioni richieste serviranno per la costruzione di indicatori che potranno essere utilizzati in questo stesso anno scolastico per l’autovalutazione, ed anche per la valutazione esterna a partire dal prossimo anno scolastico. Per garantire una restituzione valida è fondamentale che siano compilate con accuratezza tutte le domande inserite nel questionario. La raccolta delle informazioni necessarie per rispondere alle domande è a cura del gruppo di autovalutazione. Sarà Sua responsabilità, in quanto Dirigente scolastico, verificare che tutte le domande siano compilate. I dati del questionario devono fare riferimento alla scuola intesa come intera istituzione scolastica, sommando informazioni delle varie sedi, con esclusione delle informazioni relative ai Centri Provinciali per l'istruzione degli adulti e ai plessi ospedalieri, che per le loro specificità non sarebbero confrontabili con le altre realtà scolastiche”. Dunque  si tratta del primo anello non semplicemente statistico ma di analisi che inciderà in modo importante nel processo di valutazione esterna ed anche autovalutazione della scuola. Diverse sono le voci, alcune delle quali, confrontandomi con alcuni docenti, hanno aperto un lume di comprensione del perché alcuni dirigenti scolastici insistono su determinate voci, come il profilo delle competenze, come la necessità di fare un test di ingresso a scuola, od il sostituire la canonica commissione con un gruppo di lavoro, perché si tratta di  elementi chiari  di  possibile valutazione della scuola come, appunto, inseriti nel questionario. Elementi di valutazione che probabilmente saranno stati preceduti da indicazioni fornite alle varie dirigenze scolastiche su come procedere, in corso d'opera, per facilitare l'inserimento o l'introduzione di fattori che dal sistema SNV e dunque Invalsi vengono reputati come importanti. Insomma l'invalsione della scuola, per utilizzare una sorta di neologismo che possa spiegare quello che accade, continua e si aggrava.  Tra le cose più rilevanti che ho notato nel questionario scuola è la totale assenza della voce RSU anche quando si parla di voci in cui la RSU certamente avrebbe diritto di intraprendere o contrattazione o consultazione. Per non parlare delle assemblee sindacali, semplicemente ignorate, pur essendo aspetti democratici e di consultazione importanti nei processi della  vita democratica del sistema scolastico, stesso discorso per la voce che riguarda la componente studentesca. Certo è vero che la RSU è stata fortemente indebolita, è vero che ora ci saranno le elezioni che sicuramente il Governo utilizzerà per capire il quadro reale della sindacalizzazione della scuola e del peso delle varie realtà organizzative sindacali, però ignorare totalmente il ruolo della RSU, a pochi giorni dalle relative elezioni, in un questionario che avrebbe lo scopo di fotografare lo stato dell'arte della scuola considerata è a dir poco sintomatico della situazione in essere.


Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"

I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica". Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …