Passa ai contenuti principali

Se il questionario scuola dell'Invalsi dimentica la RSU e la componente studentesca

Nella premessa del questionario scuola dell'INVALSI si legge espressamente che "le informazioni richieste serviranno per la costruzione di indicatori che potranno essere utilizzati in questo stesso anno scolastico per l’autovalutazione, ed anche per la valutazione esterna a partire dal prossimo anno scolastico. Per garantire una restituzione valida è fondamentale che siano compilate con accuratezza tutte le domande inserite nel questionario. La raccolta delle informazioni necessarie per rispondere alle domande è a cura del gruppo di autovalutazione. Sarà Sua responsabilità, in quanto Dirigente scolastico, verificare che tutte le domande siano compilate. I dati del questionario devono fare riferimento alla scuola intesa come intera istituzione scolastica, sommando informazioni delle varie sedi, con esclusione delle informazioni relative ai Centri Provinciali per l'istruzione degli adulti e ai plessi ospedalieri, che per le loro specificità non sarebbero confrontabili con le altre realtà scolastiche”. Dunque  si tratta del primo anello non semplicemente statistico ma di analisi che inciderà in modo importante nel processo di valutazione esterna ed anche autovalutazione della scuola. Diverse sono le voci, alcune delle quali, confrontandomi con alcuni docenti, hanno aperto un lume di comprensione del perché alcuni dirigenti scolastici insistono su determinate voci, come il profilo delle competenze, come la necessità di fare un test di ingresso a scuola, od il sostituire la canonica commissione con un gruppo di lavoro, perché si tratta di  elementi chiari  di  possibile valutazione della scuola come, appunto, inseriti nel questionario. Elementi di valutazione che probabilmente saranno stati preceduti da indicazioni fornite alle varie dirigenze scolastiche su come procedere, in corso d'opera, per facilitare l'inserimento o l'introduzione di fattori che dal sistema SNV e dunque Invalsi vengono reputati come importanti. Insomma l'invalsione della scuola, per utilizzare una sorta di neologismo che possa spiegare quello che accade, continua e si aggrava.  Tra le cose più rilevanti che ho notato nel questionario scuola è la totale assenza della voce RSU anche quando si parla di voci in cui la RSU certamente avrebbe diritto di intraprendere o contrattazione o consultazione. Per non parlare delle assemblee sindacali, semplicemente ignorate, pur essendo aspetti democratici e di consultazione importanti nei processi della  vita democratica del sistema scolastico, stesso discorso per la voce che riguarda la componente studentesca. Certo è vero che la RSU è stata fortemente indebolita, è vero che ora ci saranno le elezioni che sicuramente il Governo utilizzerà per capire il quadro reale della sindacalizzazione della scuola e del peso delle varie realtà organizzative sindacali, però ignorare totalmente il ruolo della RSU, a pochi giorni dalle relative elezioni, in un questionario che avrebbe lo scopo di fotografare lo stato dell'arte della scuola considerata è a dir poco sintomatico della situazione in essere.


Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…