Passa ai contenuti principali

Il razzismo fascista, Trieste il 18 settembre 1938, una preziosa testimonianza storica

 
Claudio Venza, ricollegandosi all'intervento di Camerini, che apre il libro il razzismo fascista, Trieste il 18 settembre 1938 edizione Storia Kappa VU in collaborazione con i cittadini liberi ed eguali di Trieste, dicembre 2014 , evidenzia che il volume raccoglie i testi presentati al convegno del 19 settembre 2013, presso il circolo della Stampa di Trieste ed ha un chiaro scopo divulgativo per contrastare "l'identificazione acritica delle masse", per "costituire un sincero contributo a tale battaglia di coscienza morale ancor più che storica e politica" . Vari sono gli interventi, come varie sono le riflessioni che potranno emergere pur seguendo un solo filo conduttore, quello che ha portato al 18 settembre del '38 ed ai suoi perché.
Cossu ricorderà che coloro che si resero artefici del manifesto sulla razza, tra paradossi, vizi di forma e volontà innocentiste del sistema, non vennero sostanzialmente puniti. E nel paradosso della reazione ecco che in Italia ci sono “24 strade e piazze dedicate ad Almirante, redattore della difesa della Razza”, ad esempio e non solo, ovviamente. D'altronde non casualmente colui che svolse l'incarico di presidente nel Tribunale della Razza venne nominato come giudice nella prima Corte Costituzionale che si formò in Italia nel 1955
Silvia Bon si soffermerà sulla persecuzione anti-ebraica a Trieste sottolineando che prima della promulgazione delle leggi razziali venne realizzato uno specifico censimento, quello dell'agosto del 1938. Lo scopo del censimento era di quantificare gli ebrei a Trieste ed i numeri emersi ruotavano intorno alla considerevole cifra di 8 mila persone. 
Anna Maria Vinci evidenzierà come le persecuzioni a Trieste ed in regione fossero già iniziate ben prima, contro gli sloveni e non a caso l'infamia delle leggi razziali accadde proprio a Trieste, perché città che aveva iniziato a conoscere cosa significasse italianizzazione sulla pelle di comunità da sempre parte integrante di questo territorio.  Non a caso e de facto le leggi razziali vennero anticipate proprio nella Venezia Giulia, contro sloveni, croati, contro minoranze reputate barbare ed inferiori, prima di trovare la loro massima elevazione di bestialità con l'annuncio in quella piazza dell'unità di Trieste radiante, in quel cupo momento, razzismo e ferocia . 
Simone Roato ricorderà l'importanza della vicenda del processo Eichmann determinante per la frantumazione del muro del silenzio sulla persecuzione razziale accaduta, Gaetano Dato incentrerà la sua riflessione sulla Risiera di Trieste. Emergerà l'importantissimo ruolo svolto dalle donne antifasciste italo-slave dell'UDAIS, saranno le donne a battersi per non far cadere nell'oblio la Risiera, che per ragioni variegate, siano essere strategiche, che di becero opportunismo politico, in sostanza sino alla permanenza delle truppe alleate rimase una questione conosciuta da pochi. Così come è conosciuto da pochi che i primi ad entrare in Risiera furono i partigiani jugoslavi e che buona parte del materiale raccolto è conservato a Lubiana.
Stanka Hrovatin ricorderà che “non fu nel 1938 che lo Stato italiano-allora fascista- iniziò a perseguitare i cittadini ideologici, almeno all'inizio, ma per motivi etnici e ciò ben prima dell'avvento del fascismo. Basti pensare che nel 1866, con l'annessione del Veneto e del Friuli occidentale, lo Stato italiano soppresse l'autonomia amministrativa, culturale, linguistica, cui, nel periodo veneziano, godevano gli sloveni delle valli del Natisone”. Vi saranno anche diverse testimonianze oltre a quella della Presidente dell'Anpi di Trieste. Crevatin, che si trovava a meno di venti passi dal dittatore, quel maledetto giorno, perché rappresentante dei marinaretti. “Ricordo l'emozione che provai nel salire la scalinata della tribuna sulla quale i moschettieri del duce prestavano il servizio d'onore(...) ma in seguito vedendo le smorfie e i gesti che faceva per accentuare il suo discorso divenni sempre più critico nei suoi confronti” sino al crollo di quell'immagine epica e mitica di Mussolini che era stata costruita dal regime. Bertocchi ricorda la piazza impazzita, di quel 18 settembre, “ che mi faceva ribrezzo e mi causava voltastomaco” Seguiranno poi alcune illustrazioni ed atti documentali di importante memoria storica. Insomma cento pagine di preziosa riflessione storica che devono aiutare a mantenere ferma nel tempo l'avversione verso ogni fascismo. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…