Passa ai contenuti principali

Ronchi è già di fatto Città dei Partigiani

Tra uno sguardo alle vicine e mai lontane Alpi Carniche e Giulie, tra l'abbraccio dell'Adriatico ed il vento dell'est attraversando il variegato rosso carsico, a Ronchi nulla potrà mutare e cambiare lo stato reale e non surreale delle cose.  Possono scrivere quanti opuscoli vogliono, realizzare o promuovere convegni, sostenere gruppi facebook, chiamare le armi virtuali a difesa di D'Annunzio, fare apparire il poeta amante della guerra, irredentista prima e fascista poi, come un rivoluzionario, ma le sue gesta, il suo operato, la marcia eversiva e militarista di occupazione di una città straniera quale Fiume, il suo odio verso i croati, non potrà mai essere dimenticato a Ronchi. Ronchi che ha conosciuto la sua ricchezza, sia essa culturale che economica che sociale che politica nell'Impero, è stata travolta da una guerra imperialista e nazionalista, diventata poi la grande macelleria umana, la grande guerra, per colpa da un lato sicuramente della reazione scellerata dell'Impero all'attentato di Sarajevo e dall'altra per essere stata colpita alle spalle da quel Regno che ha voluto frantumare lo stato di neutralità per cercare di compiere l'opera biblica dell'Unità nazionale, occupando terre straniere e non italiane, mandando direttamente alla brutale morte e sofferenza migliaia e migliaia di giovani per un piccolo fazzoletto di terra costato fiume di sangue. Generali, spesso criminali, onorati, e migliaia di migliaia di uomini trasformati in soldati, dissolti nell'anonimato di un presente assente. E finita la macelleria umana, gli amanti della guerra, che senza guerra non avevano ragione di vivere e di vita, decidono un giorno di settembre di compiere un delitto verso ogni buon senso ed i nascenti equilibri internazionali. Milioni di morti nulla avevano insegnato. Occupare una città straniera, quale Fiume, partendo da Ronchi senza coinvolgere, e non poteva essere altrimenti, nessun cittadino di Ronchi. 
Perché i cittadini di Ronchi hanno conosciuto e toccato il più alto spirito di fratellanza e libertà ed uguaglianza proprio sotto l'Impero e dell'Italia avevano conosciuto l'invasione,l'occupazione, la distruzione, la guerra. 
Perché Fiume faceva parte dell'Impero come Ronchi, Impero caduto per mille ragioni ed altrettanti illusioni, e quattro o cinque anni di guerra non possono sradicare le radici quasi secolari dell'identità di questi luoghi.
Da quell'evento piomberà il fascismo il suo terrore, la sua violenza, il suo essere regime brutale. Ma la comunità di Ronchi respingerà gli assalti, respingerà ogni sostanza di fascismo. Ma il fascismo non curante di ciò imponeva la forma, cittadinanza onoraria al dittatore, nel 2014 revocata, cambio della denominazione in dei legionari, per saldare Ronchi al Fascismo con Fiume annessa all'Italia dal e nel fascismo, omaggiando il poeta amante della guerra ed uno dei primi firmatari del manifesto degli intellettuali fascisti..
Poi dopo anni di piccole azioni di resistenza, tute blu, sloveni ed italiani, contadini e cittadini, donne e uomini, si uniranno sul primo ciglione carsico, in quella Selz di Ronchi per la prima forma e sostanza di lotta di resistenza armata al nazifascismo. E quanta emozione corre in quel cippo lì collocato. E via d'Annunzio ancora oggi è ricordata come la via Trieste, la targa che ricorda l'arresto di Oberdan è semplicemente ignorata, piazze e cippi e vie e monumenti e medaglie ricordano dati di fatto incontestabili, come l'importante numero di iscritti all'ANPI di Ronchi, come i tanti e le tante caduti e cadute nella resistenza per la resistenza contro il regime. Ronchi è di fatto città dei Partigiani, mentre dei legionari, denominazione destinata a cadere anche nella forma, è già caduta da decenni nella sostanza e nella mente e nel cuore e nell'animo, perché i cittadini di Ronchi non hanno nulla da condividere e nulla hanno condiviso con D'Annunzio e la marcia di occupazione di Fiume, fatto storicamente antesignano del fascismo.
Ronchi è dei ronchesi e città dei Partigiani e nel centenario della grande guerra sarebbe un gesto considerevole poter rimuovere quella forma che non risponde e mai ha risposto alla vera identità dei cittadini dei Ronchi, ovvero cancellare dei legionari. Questi sono sentimenti che maturi e ben percepisci camminando per le vie di Ronchi e confrontandoti con i suoi cittadini, sicuramente ciò non è il trionfo dell'ignoranza, come qualcuno ha voluto in cattiva fede fare credere, ma la vera e reale e viva memoria storica di questa città. Come poter continuare ad imporre ad una città una denominazione che non rispecchia l'identità della sua comunità? Nessuno ha preteso di chiamare Ronchi, Ronchi dei Partigiani, il gruppo omonimo è nato come proposta culturale e storica, ma in verità è stato proposto ed in modo condiviso, ed è il caso di ribadirlo visto le continue inesattezze che emergono in tal senso, di abrogare il suffisso dei legionari e di  mantenere il solo Ronchi con l'aggiunta città dei Partigiani, come già accaduto similmente ma ovviamente per altre questioni e situazioni  per altre realtà, penso alla vicina Monfalcone o Trieste, città dei cantieri o della barcolana.



Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Salvare le scritte storiche sui muri delle nostre città dei tempi della guerra. Rischiano l'estinzione

Il Friuli Venezia Giulia è una polveriera storica impressionante. Anche se la storia che ovviamente si racconta di più e che ha sancito le sorti di quel presente che viviamo è quella del '900. Terra martoriata da due catastrofi mondiali e che ha rischiato, per la nota causa di Trieste, di scatenare anche la terza. Ci sono diverse testimonianze storiche di quel tempo, soprattutto della seconda guerra mondiale e delle fasi successive alla liberazione dal nazifascismo che caratterizzeranno le sorti di Trieste e dell'Isontino per diversi anni. Ad esempio si possono ancora oggi leggere in alcune località, come Monfalcone, Ronchi, delle scritte che inneggiano alla Jugoslavia, alla settima Repubblica Federativa Jugoslava. In rosso.
Sopravvissute al tempo, alla storia, alla memoria. Anche se a dire il vero ne sono rimaste solo una manciata e difficilmente leggibili. Ma anche per Trieste ci saranno testimonianze del genere come nelle località sicuramente interessate da questa contor…

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …