Passa ai contenuti principali

Se criticare #Magazzino 18 comporta una infinità di oscenità ed insulti

















"Canea comunista, squallidi individui, esseri disgustosi accettabili solo da Satana, imbecilli, cialtroni autorevoli, scemi, irrecuperabili stalinisti, pidocchi" per arrivare all'immancabile qualificazione di "negazionisti e giustificazionisti".
Questi sono solo alcuni degli insulti ricevuti pubblicamente ed in rete e diretti a chi il 3 novembre al Knulp di Trieste relazionerà in modo critico su Magazzino 18. Da parte mia, visto che sarò anche io uno dei relatori dell'iniziativa del 3 novembre, voglio, per ora, replicare solo in questo modo, in merito alla vicende complesse ma chiare del Confine Orientale, i reali negazionisti sono tutti quelli che negano e censurano e occultano e minimizzano le responsabilità del nazionalismo ed irredentismo reazionario italiano, nonché, ovviamente, del fascismo. E' anche curioso, leggere che l'iniziativa del 3 novembre avrà come risposta le sei mila presenze del Rossetti, come scaglionate dal 6 al 9 novembre con l'inciso ultimi posti disponibili. 

La critica, che non è polemica, certamente non ha alcuna intenzione di essere canale pubblicitario di quello spettacolo e conseguentemente la stessa non deve essere strumentalizzata per altri fini. In Italia quando si cerca di far trapelare la verità, quella verità che ha come scopo quello di fare emergere le responsabilità del sistema Italia, si viene liquidati od in anti-italiani od in negazionisti, nella migliore delle ipotesi. Nulla di più fuorviante e calunnioso e falso. Il miglior modo di restituire dignità a questo Paese è quello di battersi perché l'Italia possa ammettere e riconoscere tutte le proprie responsabilità e conseguentemente chiedere spontaneamente scusa, scusa per tutte quelle violenze brutali, razziste meschine che ha volutamente cagionato e continua a cagionare, tramite la mistificazione, la menzogna e la censura, nei confronti di comunità, la cui unica colpa era solamente quella di essere non di sangue “puro “italiano o di non parlare italiano o credere in una idea od ideologia diversa ed opposta rispetto a quella dominante. Se non si parte da ciò, tutto il resto è solo vuoto, un vuoto sterile ma pericoloso, perché è un vuoto che attraverso miti, leggende, proclami religiosi e passionari, martiri e vittimismi, determinerà un dogma che sarà il dogma, il dogma dell'Italia perennemente vittima e mai responsabile, quando in realtà la causa principale di tutti i mali che si sono manifestati con crudeltà unica nel confine orientale, ha una origine certa, chiara, precisa e concisa, quell'origine che non deve emergere ma rimanere nascosta nel silenzio dell'omertà. Il miglior modo di essere “italiani” è proprio questo, responsabilizzare l'Italia, condannando senza giustificazione e comprensione alcuna tutti i macchinosi processi che volutamente ha governato per deslavizzare ma anche decomunistizzare ecc intere regioni, città e comunità, perché un solo credo doveva esistere, quello dell'Italia, Italia madre dell'unica civiltà da imporre, dell'unica lingua da parlare e conoscere, dell'unica autorità da riconoscere come sovrana.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…