Passa ai contenuti principali

Se criticare #Magazzino 18 comporta una infinità di oscenità ed insulti

















"Canea comunista, squallidi individui, esseri disgustosi accettabili solo da Satana, imbecilli, cialtroni autorevoli, scemi, irrecuperabili stalinisti, pidocchi" per arrivare all'immancabile qualificazione di "negazionisti e giustificazionisti".
Questi sono solo alcuni degli insulti ricevuti pubblicamente ed in rete e diretti a chi il 3 novembre al Knulp di Trieste relazionerà in modo critico su Magazzino 18. Da parte mia, visto che sarò anche io uno dei relatori dell'iniziativa del 3 novembre, voglio, per ora, replicare solo in questo modo, in merito alla vicende complesse ma chiare del Confine Orientale, i reali negazionisti sono tutti quelli che negano e censurano e occultano e minimizzano le responsabilità del nazionalismo ed irredentismo reazionario italiano, nonché, ovviamente, del fascismo. E' anche curioso, leggere che l'iniziativa del 3 novembre avrà come risposta le sei mila presenze del Rossetti, come scaglionate dal 6 al 9 novembre con l'inciso ultimi posti disponibili. 

La critica, che non è polemica, certamente non ha alcuna intenzione di essere canale pubblicitario di quello spettacolo e conseguentemente la stessa non deve essere strumentalizzata per altri fini. In Italia quando si cerca di far trapelare la verità, quella verità che ha come scopo quello di fare emergere le responsabilità del sistema Italia, si viene liquidati od in anti-italiani od in negazionisti, nella migliore delle ipotesi. Nulla di più fuorviante e calunnioso e falso. Il miglior modo di restituire dignità a questo Paese è quello di battersi perché l'Italia possa ammettere e riconoscere tutte le proprie responsabilità e conseguentemente chiedere spontaneamente scusa, scusa per tutte quelle violenze brutali, razziste meschine che ha volutamente cagionato e continua a cagionare, tramite la mistificazione, la menzogna e la censura, nei confronti di comunità, la cui unica colpa era solamente quella di essere non di sangue “puro “italiano o di non parlare italiano o credere in una idea od ideologia diversa ed opposta rispetto a quella dominante. Se non si parte da ciò, tutto il resto è solo vuoto, un vuoto sterile ma pericoloso, perché è un vuoto che attraverso miti, leggende, proclami religiosi e passionari, martiri e vittimismi, determinerà un dogma che sarà il dogma, il dogma dell'Italia perennemente vittima e mai responsabile, quando in realtà la causa principale di tutti i mali che si sono manifestati con crudeltà unica nel confine orientale, ha una origine certa, chiara, precisa e concisa, quell'origine che non deve emergere ma rimanere nascosta nel silenzio dell'omertà. Il miglior modo di essere “italiani” è proprio questo, responsabilizzare l'Italia, condannando senza giustificazione e comprensione alcuna tutti i macchinosi processi che volutamente ha governato per deslavizzare ma anche decomunistizzare ecc intere regioni, città e comunità, perché un solo credo doveva esistere, quello dell'Italia, Italia madre dell'unica civiltà da imporre, dell'unica lingua da parlare e conoscere, dell'unica autorità da riconoscere come sovrana.



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …