Passa ai contenuti principali

Correva il 10 maggio 1861 e si diffondeva alla Camera l'opuscolo per la Trieste e l'Istria d'Italia

Di Trieste, nel neo nato Regno d'Italia, si parlerà sin dalle sue prime sedute, specialmente per i problemi del porto. Un porto che comportava una concorrenza difficile da sostenere e sopportare da parte dell'economia italiana. Per esempio Bixio il giorno 11 dicembre del 1861 ricordava che l'Austria in pochissimo tempo era in condizioni di poter costruire le sue corazzate a Trieste mentre in Italia, nello stabilimento metallurgico di San Pier d'Arena, l'unico del Paese, non si era in grado di realizzare ciò. Oppure nel 1862 ricordava che "l'Austria ha il Lloyd che fa il servizio da Alessandria a Trieste, è questo che noi dobbiamo vincere". Poi vi era chi eccepiva che il porto di Trieste sotto l'Italia avrebbe goduto di un regime di libero scambio rispetto a quello garantito dall'Austria, altri, invece, rimarcavano l'efficienza delle linee ferroviarie che da Trieste conducevano in Europa e tra invidie e diverse discussioni in materia si fomentava, lentamente ed ufficialmente, l'introduzione nelle sede istituzionali  del nuovo Regno d'Italia del concetto dell'italianità di Trieste e dell'Istria, Istria che era strettamente connessa e collegata all'economia portuale di Trieste. Stratagemma nazionalistico che verrà nel corso del tempo coltivato e sostenuto, facendo diventare correnti e forze irrisorie e minoritarie, come significative nel quadro delle lotte irredentistiche nazionalistiche nel confine orientale. Stratagemmi che avevano come unico scopo quello di sottrarre il porto di Trieste all'Impero Austro Ungarico per sottrarlo all'economia dell'Impero e favorire il capitalismo italiano. Concetti che rimarranno vivi anche dopo la caduta dell'Impero ed il mito della Trieste d'Italia diventerà un dogma, ma il vero scopo era ed altro non poteva essere che impadronirsi del più importante porto dell'alto Adriatico, che poi questo porto era destinato a cadere in rovina poco importava e poco doveva importare, l'importante era sottrarlo al capitale economico e protezionistico avversario, di qualsiasi colore politico e sociale esso fosse. Ed ecco che nella tornata del 10 maggio 1861, all'assemblea del Regno d'Italia, verranno consegnate cento copie dell'opuscolo redatto dal comitato veneto centrale, dal titolo Trieste e l'Istria, e loro ragioni nella questione italiana. 
Questo è quanto veniva riportato nell'opuscolo: « È giusto che la voce di fratelli italiani, tuttavia soggetti a dominio straniero e reclamanti l'imprescrittibile diritto di appartenere alla propria patria, si faccia sentire e ottenga ascolto da questa rappresentanza nazionale. In nome del proclamato principio dell'unità e dell'indipendenza d'Italia gli Istriani domandano di far parte integrante della patria comune. La natura, la storia, la nazionalità, gl'interessi commerciali, le ragioni geografiche, militari e politiche, e il generale sentimento italiano del popolo, manifestato anchè testé dalle legali rappresentanze di Trieste e dell'Istria, concorrono a consacrare il diritto di questa estrema regione dell'Italia orientale di non restar esclusa dall'italiana famiglia, che sotto lo scettro costituzionale di Vittorio Emanuele II felicemente risorge ora a nazione. Il Comitato scrivente, interprete dei sentimenti e dei voti delle province italiane tuttavia soggette all'Austria, adempie con quest'atto ad un dovere fraterno e patrio. Ci segniamo con sincero ossequio. « Il Comitato veneto centrale Firmati: Sebastiano Tecchio, presidente — G. B. Giustiniani — Guglielmo D'Onigo — Alberto Cavalletto. »

Atto di una gravità istituzionale inaudita, ma pur accettato ed accolto.


Commenti

Post popolari in questo blog

FuoriRoma ed il caso Monfalcone sul servizio pubblico nazionale,un ceffone alla sinistra

Finalmente il caso Monfalcone è approdato sul servizio pubblico nazionale. Su Rai Tre, nel programma di Concita De Gregorio Fuori Roma . Da quando ha vinto le elezioni il Sindaco della Lega Nord, passata alla storia come il "Sindaco con le palle", diversi programmi si sono occupati del perchè della Caporetto della "sinistra" a Monfalcone, ma mancava il servizio pubblico. 47 minuti di programma, che hanno ben illustrato le motivazioni, hanno ben spiegato la situazione sociale sussistente a Monfalcone, città dei cantieri, nel senso, come è già stato detto più volte, che appartiene ai cantieri navali, alla Fincantieri. Perchè, nel bene o nel male ne ha subito le politiche a partire da quelle immigratorie e della delocalizzazione al contrario sul lavoro attingendo manodopera da certi e noti Paesi perchè le leggi del mercato lo consentono, la normativa europea ed italiana lo consentono ed i riflessi sono stati ingestibili, dove nessuno ne è uscito vincitore ma tutti sco…

Da quando Trump ha iniziato a giocare alla guerra è diventato un "bravo ragazzo" con i media prostituiti alla guerra

Nazista, dittatore, fascista, pazzo, non è l'America. Votato da milioni di Americani, anche se non dalla maggioranza. Doveva impostare una politica in stile isolazionista. Doveva mettere in discussione la Nato, obsoleta. Doveva tante cose. Ma da quando ha iniziato a prendere i primi schiaffi, uno su tutti, il blocco della controriforma sanitaria, qualcosa è mutato. Arrivano finanziamenti pesanti per l'esercito. Ed iniziano a cambiare i rapporti internazionali. La Russia è ora se non un nemico poco ci manca, la Cina, che prima era il nemico numero uno, ora è diventata alleata pro tempore. Ma la cosa che più impressiona è da un lato il silenzio di tutti i grandi democratici da quando ha iniziato a mostrare i muscoli militari, ad attuare azioni che ben avrebbe adottato la Clinton, ed infatti non è un caso il silenzio che ad oggi arriva proprio da quel gruppo politico, almeno qui in Europa. Dalla buffonata della madre di tutte le bombe, che ha ucciso comunque, alla questione cont…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …