Passa ai contenuti principali

Ma l'Italia cosa ha fatto per la Trieste d'Italia ed italiana?

Folle oceaniche per la redenzione, la seconda, di Trieste. Nauseabonda retorica nazionalistica senza tempo, perché sono concetti che ancora oggi trovano spazio nella Trieste d'Italia. L'Italia cosa ha fatto per Trieste? 
Mandato al macello migliaia di migliaia di giovani nella prima guerra mondiale, deslavizzato, tramite campi di concentramento, esodi, violenze, uccisioni, attentanti e terrorismo la città, fascistizzato la città con tutte le brutalità del regime, annientato lo spirito di città mitteleuropea e multiculturale e multietnica, decomunistizzato, nel nome di miti e leggende menzogne e calunnie la città, ha ucciso il porto ed il suo regime di punto franco, poiché l'Italia voleva Trieste non tanto per sviluppare il suo porto ma per sottrarlo all'economia e potere Jugoslavo ed infatti il porto di Trieste, che avrebbe, ancora oggi, mille potenzialità funziona ai regimi minimi, ferrovie fatiscenti anzi il gioiello del trasporto locale risale all'Impero austro ungarico, la linea Trieste Opicina,tram de Opcina, che sotto la idilliaca gestione italiana ha avuto più guai  e sventure che altro. Intolleranza, razzismo, corruzione e cattiva gestione della cosa pubblica hanno trovato con l'Italia sempre maggior consistenza. Si celebra, in questo 26 ottobre 1954, la redenzione, la seconda, dopo la conquista successiva alla macelleria della prima guerra mondiale, di Trieste.
Il così detto ritorno di Trieste all'Italia, ma l'Italia che ha dominato a Trieste, prima della sua seconda redenzione era quella fascista e non a caso proprio a Trieste nascerà in sostanza l'operazione GLADIO, che sotto la falsità ideologica e strumentale di dover difendere il Paese da una fantascientifica invasione, prima jugoslava e poi sovietica, principi che ricordano i motivi che hanno determinato l'entrata nella prima guerra mondiale dell'Italia, ha attaccato per deslavizzare, decomunistizzare e militarizzare in via autoritaria il sistema Trieste ed Italia, ponendosi in continuità con le violenze del regime pregresso. 
Insomma non capisco cosa vi sia così tanto ed in modo euforico da festeggiare in tutto ciò, visto e rilevato che l'Italia a Trieste e per Trieste ha cagionato solo problemi, sofferenze e violenze ed isolato la città, mutandola nella città del perenne no se pol ed nell'isola triste ed infelice.Certo, certo, vi è  il sincrotrone ELETTRA, la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) ed il Centro Internazionale di Fisica Teorica ma non è un mistero che di Trieste a livello nazionale ed internazionale si parla solo quando soffia la bora o per qualche evento, nulla di più. Eppure la Jugoslavia come governata da Tito aveva proposto la giusta soluzione per questa città, trasformarla in città a statuto autonomo speciale, sarebbe potuta diventare un centro internazionale di primissimo livello, ma l'egoismo nazionalistico nostrano accecato dall'ideologia nazionalista ed anticomunista e dall'odio per gli slavi ha detto no, meglio piccola città provinciale e periferica d'Italia che centro autonomo vitale libero come proposto dalla Jugoslavia.
Trieste d'Italia, una città che affonda nelle acque mitologiche del nazionalismo.
Contenti voi.


Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…