Passa ai contenuti principali

Catastrofe 1914, il cinismo di Hastings e la follia del governo di Roma

Catastrofe 1914, dell'autore inglese, Sir Max Hastings, che scrive per il "Daily Mail" e il "Financial Times", edito da Neri Pozza , è un libro di circa 800 pagine, ricco di fonti,che offre una prospettiva diversa della Grande Guerra. Le lettere di una maestra, le testimonianze di diverse persone di diversi Paesi coinvolti dalla guerra, la censura della stampa, la propaganda, le notizie volutamente falsificate, soldati caduti per il fuoco amico, generali inetti, armi moderne e strategie napoleoniche, sciabole contro mitra, gli errori nella scelta delle divise, la superficialità delle analisi, il massacro subito dai civili, Serbi in primo luogo, i primi voli degli aerei, il classico fango delle trincee, l'assoluta disinformazione tra le truppe, ma anche quella verso i cittadini, spesso notiziati di vittorie inventate ed inesistenti, verità nascoste o ribaltate, l'indifferenza della borghesia, i guadagni alti maturati dalle fabbriche di armi, l'atroce differenza tra la guerra immaginaria e quella reale, la condizione delle donne, le battaglie navali, i civili usati come scudi od ostaggi, la razzia e la distruzione dei villaggi e delle città, insomma la catastrofe del 1914. Un libro che dedica molto spazio alle disavventure degli eserciti inglesi,austriaci, tedeschi, russi, francesi, alla resistenza del popolo serbo, alle vicende della Polonia, poco o nulla invece all'Italia. Certo, si concentra principalmente sul 1914, ma in linea di massima va oltre fino ad arrivare alla conclusione della guerra. Dedica più attenzione e spazio alle vicende dell'esercito giapponese che a quelle italiane. Già, per l'Italia, messe insieme, non si arriverà neanche ad una mezza pagina ed il motivo lo si intuisce dalla lettura organica e complessiva del libro. L'Italia avrebbe potuto mantenere lo stato di neutralità, ma alla fine, per la sua entrata in guerra “ricevette una porzione di territorio asburgico, che comprendeva il porto di Trieste, ma quelle terre costarono 460 mila morti” e definirà in questo mondo la scelta dell'Italia di entrare in guerra: “la grande follia del governo di Roma”. Insomma un Paese insignificante a livello internazionale, e certamente non determinante per la sconfitta dell'Impero Austro-Ungarico e della Germania. Eppure, stranamente, questo libro è stato recensito, con molta enfasi dai giornali nazionalistici e di destra italiani, probabilmente perché non l'avevano letto.  Il cinismo di Hastings è condivisibile, così come è condivisibile  la sua linea come intrapresa e mantenuta nel libro, specialmente quando si sostiene che la responsabilità per lo scoppio generalizzato della guerra non è solamente esclusiva della  Germania, che certamente non ha fatto nulla per impedire l'aggressione alla Serbia da parte dell'Austria, anzi ha proprio sostenuto tale linea, ma certamente e soprattutto dell'Austria con l'aggressione ingiustificata alla Serbia. L'Italia, con i suoi generali, non meno inetti dei generali degli altri eserciti, ed inspiegabilmente ancora oggi onorati, ha mandato al macello migliaia di persone, e per cosa? Per avere piccoli pezzettini di terre, mai state italiane, per esercitare il dominio illusorio nell'Adriatico tramite il controllo dei porto di Trieste prima e Fiume dopo. Ma, come la storia ha insegnato, sia Trieste che Fiume, sotto la reggenza del Regno d'Italia vivranno la loro peggiore crisi, altro che dominio sull'Adriatico. E per questo fallimento sono stati uccisi 460 mila e passa persone. Per questo fallimento è nato il fascismo. Per questo fallimento si arriverà anche alla seconda guerra mondiale. Certo, non che un non fallimento possa giustificare 460 mila morti, nessuna guerra è giustificabile, ma il tutto ha un sapore ancora più acerbo, più aspro, più malefico. Quel maleficio che oggi giorno viene celebrato con il grido vittoria, ma quale vittoria?

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…