Passa ai contenuti principali

Catastrofe 1914, il cinismo di Hastings e la follia del governo di Roma

Catastrofe 1914, dell'autore inglese, Sir Max Hastings, che scrive per il "Daily Mail" e il "Financial Times", edito da Neri Pozza , è un libro di circa 800 pagine, ricco di fonti,che offre una prospettiva diversa della Grande Guerra. Le lettere di una maestra, le testimonianze di diverse persone di diversi Paesi coinvolti dalla guerra, la censura della stampa, la propaganda, le notizie volutamente falsificate, soldati caduti per il fuoco amico, generali inetti, armi moderne e strategie napoleoniche, sciabole contro mitra, gli errori nella scelta delle divise, la superficialità delle analisi, il massacro subito dai civili, Serbi in primo luogo, i primi voli degli aerei, il classico fango delle trincee, l'assoluta disinformazione tra le truppe, ma anche quella verso i cittadini, spesso notiziati di vittorie inventate ed inesistenti, verità nascoste o ribaltate, l'indifferenza della borghesia, i guadagni alti maturati dalle fabbriche di armi, l'atroce differenza tra la guerra immaginaria e quella reale, la condizione delle donne, le battaglie navali, i civili usati come scudi od ostaggi, la razzia e la distruzione dei villaggi e delle città, insomma la catastrofe del 1914. Un libro che dedica molto spazio alle disavventure degli eserciti inglesi,austriaci, tedeschi, russi, francesi, alla resistenza del popolo serbo, alle vicende della Polonia, poco o nulla invece all'Italia. Certo, si concentra principalmente sul 1914, ma in linea di massima va oltre fino ad arrivare alla conclusione della guerra. Dedica più attenzione e spazio alle vicende dell'esercito giapponese che a quelle italiane. Già, per l'Italia, messe insieme, non si arriverà neanche ad una mezza pagina ed il motivo lo si intuisce dalla lettura organica e complessiva del libro. L'Italia avrebbe potuto mantenere lo stato di neutralità, ma alla fine, per la sua entrata in guerra “ricevette una porzione di territorio asburgico, che comprendeva il porto di Trieste, ma quelle terre costarono 460 mila morti” e definirà in questo mondo la scelta dell'Italia di entrare in guerra: “la grande follia del governo di Roma”. Insomma un Paese insignificante a livello internazionale, e certamente non determinante per la sconfitta dell'Impero Austro-Ungarico e della Germania. Eppure, stranamente, questo libro è stato recensito, con molta enfasi dai giornali nazionalistici e di destra italiani, probabilmente perché non l'avevano letto.  Il cinismo di Hastings è condivisibile, così come è condivisibile  la sua linea come intrapresa e mantenuta nel libro, specialmente quando si sostiene che la responsabilità per lo scoppio generalizzato della guerra non è solamente esclusiva della  Germania, che certamente non ha fatto nulla per impedire l'aggressione alla Serbia da parte dell'Austria, anzi ha proprio sostenuto tale linea, ma certamente e soprattutto dell'Austria con l'aggressione ingiustificata alla Serbia. L'Italia, con i suoi generali, non meno inetti dei generali degli altri eserciti, ed inspiegabilmente ancora oggi onorati, ha mandato al macello migliaia di persone, e per cosa? Per avere piccoli pezzettini di terre, mai state italiane, per esercitare il dominio illusorio nell'Adriatico tramite il controllo dei porto di Trieste prima e Fiume dopo. Ma, come la storia ha insegnato, sia Trieste che Fiume, sotto la reggenza del Regno d'Italia vivranno la loro peggiore crisi, altro che dominio sull'Adriatico. E per questo fallimento sono stati uccisi 460 mila e passa persone. Per questo fallimento è nato il fascismo. Per questo fallimento si arriverà anche alla seconda guerra mondiale. Certo, non che un non fallimento possa giustificare 460 mila morti, nessuna guerra è giustificabile, ma il tutto ha un sapore ancora più acerbo, più aspro, più malefico. Quel maleficio che oggi giorno viene celebrato con il grido vittoria, ma quale vittoria?

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …