Passa ai contenuti principali

Trieste lo stato d'assedio del 1902 e lo sciopero anarchico e dei fuochisti

Non comprendo perché a Trieste, e non è la prima volta che scrivo su questo argomento, non esiste una targa, non esiste nulla, nel luogo fisico dove hanno trovato la morte i lavoratori, che ricordi i fatti del febbraio del 1902. Facendo una ricerca negli archivi storici di alcuni giornali disponibili in rete sono emerse delle questioni interessanti. Quello che è passato alla storia come il noto sciopero dei trecento fuochisti delle navi del Lloyd, del febbraio 1902, in realtà è stato un fenomeno molto più complesso ed articolato. E' vero che si protestava e scioperava in particolar modo per il pagamento dello straordinario, per una diversa regolamentazione dell’orario di lavoro, per la riduzione dei turni di guardia notturna durante le soste dei piroscafi nel porto. La tensione saliva, i cittadini abbracciarono la causa dei lavoratori ma i colpi di fucile della 55^ brigata di fanteria, lo stato d’assedio proclamato, la conseguente legge marziale, il timore di un’insurrezione aperta contro il potere imperiale e la volontà di Vienna di conferire l’esempio, mutò quello sciopero, quella protesta, in una tragedia. Decine di morti. Decine di morti contro lo sfruttamento nel lavoro ma che si concluse in parte con la vittoria, pagata a caro prezzo, per i lavoratori. In quel periodo, che corre tra il 10 febbraio ed il 17 febbraio del 1902, a Trieste si abbatteva una tempesta quasi perfetta. Morì anche un operaio che si scontrò contro una trave per le forti raffiche di bora, addirittura si riportava la notizia di un rovesciamento di una locomotiva e da tre giorni l'intera vita commerciale della città era sospesa. Il 14 febbraio del 1902 vi sarà lo sciopero dei gassisti si parla di 16 mila scioperanti con bandiere rosso o nere, ai quali si aggiunsero macellai, fornai,impiegati delle tranvie. Nessun giornale veniva pubblicato, l'illuminazione elettrica era sospesa, anche le scuole erano in fermento, ma le fucilate delle truppe austriache avvennero in piazza della Borsa, in piazza Verdi; in piazza della Borsa sarebbero state causate da un lancio di un sasso in piazza Verdi dalla piena di curiosi che non fecero nessuna provocazione.


I negozi erano chiusi per lutto ,anche a Gradisca si scioperava per solidarietà con gli operai di Trieste. Vennero ferite anche delle donne durante il violento stato d'assedio in cui si trovava Trieste, dove come riporta la cronaca di quel tempo, dominavano per le strade le bandiere dell'anarchismo ma non si comprendeva da dove nascesse questo fermento,  si escludeva l'ipotesi di Vienna, ma veniva denunciato più volte però il fatto che Trieste era il focolare delle aspirazioni sovversive e che le agitazioni di quel febbraio fossero anarchiche.  Solo 17 febbraio la città ritornerà alla normalità anche se continuava lo stato di assedio con l'invio di navi da guerra che veniva minacciato sino al mese di maggio. Il Piccolo poteva anche ora uscire, dopo una forte censura esercitata da parte delle autorità austriache e si riportava la notizia, il 18 febbraio del 1902, che una copia del Piccolo doveva essere consegnata alla polizia austriaca altrimenti rischiava una pesantissima multa. Piccolo che denunciava l'assoluta inesistenza della libertà di stampa, di riunione ed associazione ed il respingimento di assembramenti al cimitero da parte delle truppe austriache nei confronti degli operai che portavano l'ultimo saluto ai loro compagni ed ai caduti per mano militare e repressiva ricordando anche che alcuni individui sospettati di anarchismo venivo denunciati ed arrestati senza sosta, si segnalava anche l'arresto dell'anarchico Giuseppe Bronzi di Ascoli Piceno, ma anche di altri anarchici di Trieste e di Gorizia o simpatizzanti con l'anarchia solo per aver invocato questa pubblicamente a sostegno delle lotte operaie. Il consiglio comunale di Firenze il 20 febbraio del 1919 approvava all'unanimità un documento di solidarietà per Trieste contro la brutalità austriaca, conferendo l'assegno di mille lire la cui rendita annuale veniva data in premio agli alunni delle scuole elementari di Trieste che “farà miglior prova nella lingua italiana”. Anche gli studenti universitari di Genova inviano un comunicato di solidarietà alla città di Trieste, a cui si aggiunsero anche altri comunicati provenienti da Milano e da diverse parti d'Italia. Insomma uno sciopero anarchico,uno sciopero che ha coinvolto migliaia di lavoratori, che ha coinvolto e travolto, con la partecipazione attiva, l'intera città e represso brutalmente dall'esercito austriaco. Forse sarebbe il caso, di ricordare, a dovere, quell'evento, e quell'azione barbara e violenta repressiva contro i triestini, contro i lavoratori e contro gli anarchici che lottavano per l'umanità e contro ogni brutalità.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone