Passa ai contenuti principali

La Gorizia antinazifascista, il 10 giugno manifesterà contro i Nazionalisti Friulani


Nascono come funghi e spesso spariscono come funghi. Si tratta di gruppetti nazionalistici, che ovviamente, non si dicono né di destra né di sinistra, litania già sentita a livello nazionale più volte, ma nazionalisti. Quel nazionalismo che nell'Europa dell Est incrementa, quel nazionalismo che fa tremare parte della Francia e che persiste anche in Italia. Ma qui, nel nord est, esistono variegate forme di nazionalismo, di movimenti nazionalisti, indipendentisti, che si riciclano, spesso, in neomovimenti, denunciano sempre le solite cose,attaccando sempre le solite persone, immigrati in primis, omosessuali in secundis, per seminare il terreno per la realizzazione di un movimento elettorale che possa legittimarli nelle sede istituzionali. D'altronde se nel Parlamento europeo entrerà per la prima volta un neonazista, significa che esiste un sistema che legittima queste nefandezze e consente a certe e date forze politiche di poter ricorrere a quella democrazia, nata dall'antinazifasicsmo, per affermare la loro nefasta ideologia. In questo periodo, in FVG, si parla dei nazionalisti Friulani, si firmano con NF. Nati, in rete, verso la fine del 2013,esaltano il reggimento volontari friulani,costituito con elementi arruolati a Udine - Inquadrato nel Reggimento Volontari Friulani "Tagliamento" che i tedeschi dell' OZAK di Trieste denominano Landsschuetzen Alpini Regiment Tagliamento, e si schiera sul Fronte Orientale combattendo, con i tedeschi, contro i partigiani, costituito e comandato dal colonnello Ermacora Zuliani,





hanno realizzato il loro primo convegno ad Udine, con una cinquantina di partecipanti, invitano ad usare i cellulari “ per fotografare tutte le situazioni di degrado, disordine, delinquenza, mancato rispetto della legge, violenza e tutto ciò che ritenete danneggi il nostro Friuli e rovini la nostra terra”, metodologia tipica di altri gruppettari minori presenti su facebook ed operanti in bisiacaria, hanno realizzato uno stage di anti-aggressione, presso la palestra di una scuola pubblica, nonostante le proteste, quell'evento non è stato fermato, con la complicità dunque anche della Provincia di Udine, ed ora sbarcano a Gorizia per il “reclutamento dei Nazionalisti Friulani per Gorizia e Provincia”.
Hanno tra i loro sostenitori il noto Magdi Cristiano Allam, tra i principali organizzatori del Movimento vi è Federico Iussig Zuliani, che è stato esponente di primo piano del Movimento cinque stelle friulano,( insieme a Giumanini, anche lui ora aderente al movimento nazionalisti friulani), che risulta essere anche socio del Rotary e club  che sul proprio profilo facebook, rintracciabile pubblicamente, ha come immagine di copertina il Gruppo Operativo Incursori e dove, nei commenti a quella foto, si auspica, se entreranno nelle istituzioni, come NF, di creare gruppi come quelli anche in FVG per fare “pulizia”.

Provocazioni o meno, una cosa è certa, l'antinazifascismo non rimane a guardare e Gorizia e la bisiacaria antirazzista si mobilita, infatti, per il 10 giugno 2014, l'osservatorio regionale Antifascista FVG, ha indetto un presidio, anticipato da diverse iniziative, a Gorizia contro ogni nazionalismo e razzismo e nuovo nazifascismo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…