Passa ai contenuti principali

Il caso concerto nazista di Trieste, ora è il turno di San Dorligo della Valle/Dolina e poi basta


Dopo la denuncia relativa alle locandine, come diffuse in rete, che annunciavano un concerto nazista a Trieste, e le relative prese di posizioni istituzionali, consistenti per lo più in dichiarazioni volte a smentire il rilascio di qualsiasi autorizzazione, ora è il turno di San Dorligo della Valle( sulla cui vicenda del nome, cosa che non deve essere rimossa, rinvio a questo mio precedente intervento: San Dorligo della Valle o Dolina? ).Ora, possono, questi cambiamenti, essere intesi anche come delle provocazioni che andrebbero vagliate da chi di competenza. Ma non si deve neanche escludere che la reazione tempestiva e positivamente virale, in primis dell'antinazifascismo,  come maturata in città, alla sola idea di un concerto nazista a Trieste, abbia fatto saltare i piani di chi aveva programmato un simile evento. D'altronde,  la prima locandina è stata diffusa, nei siti neri di loro riferimento, in modo chiaro ed inequivocabile con indicazione di data, orario e luogo. Quali luoghi possibili per un simile concerto, sempre se avrà mai luogo? Nessuno vuole rincorrere questi soggetti e stare al loro sterile gioco, ciò sia ben chiaro, e con questo post chiudo la citata vicenda, salvo eclatanti sviluppi. A Trieste, l'ultimo concerto di "parte", si è svolto, a quanto pare, presso il teatro della Chiesa di Santa Maria Maggiore, gestito dalla locale chiesa,  la cui sala conta circa 280 postiIl circolo identità e tradizione di Trieste ha condiviso sulla propria pagina facebook l'informativa del gruppo nazionalista Trieste Pro Patria :”sabato 8 febbraio 2014, nell'ambito delle celebrazioni del Giorno del Ricordo, presenteremo il primo concerto triestino degli IANVA, gruppo indipendente che più volte ha messo in musica momenti di storia delle nostre terre”. Un gruppo che esalta il guerrafondaio d'Annunzio e sul cui palco, come visibile nelle foto da loro pubblicamente diffuse, era presente anche lo stendardo degli arditi d'Italia .


Ognuno, ovviamente, tragga le sue conclusioni.  Ora, se da un lato vi è stata una buona risposta da parte dell'antinazifascismo triestino, che si è subito mobilitato per bloccare quel possibile concerto, è altrettanto auspicabile una presa di posizione da tutti i Comuni che verranno interessati da questa propaganda nera virtuale. Devono, in modo inequivocabile, non solo dire che le autorizzazioni non devono essere concesse o che non verranno concesse per ragioni tecniche, ma anche, senza se e ma, che queste iniziative non devono trovare nessuno spazio in nessun luogo e forma nei propri territori. Certamente non esiste un pericolo emergenziale nazifascista, anche se i media tendono, in questo periodo elettorale ad esasperar la cosa per ragioni strumentali a logiche chiaramente elettorali. Ovviamente non devono essere sottovalutati simili fenomeni, ed una cosa è certa, se per cercare visibilità, devono ricorrere a simili strumenti e provocazioni, significa che sono realmente ridotti ai minimi termini.  Chiaramente non si può rimanere indifferenti, ma questa situazione può essere, anzi deve essere colta e divenire come  il momento giusto affinché, come sopra scritto, le realtà anche istituzionali interessate, prendano una posizione politica ed antinazifascista netta anche per il futuro. La democrazia non è pensata per i nazifascisti e la nostra costituzione nasce, in parte per come formulata, dalla resistenza. L'antinazifascismo è vigile e deve rivendicare le proprie attività di monitoraggio e denuncia e contrasto. Alcuni media tendono a “censurare” ciò, relegando la risoluzione del problema ad interventi istituzionali, spesso semplicemente di carattere burocratico. Questo è un grave errore che rischia di delegittimare l'operato dell'antinazisfascismo e ciò non lo dobbiamo consentire. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…