Passa ai contenuti principali

A Trieste un calcio all'Invalsi, nonostante tutto


Il 13 maggio 2014 si conclude la tre giorni di sciopero anti-Invalsi. Diverse sono state le giornate di mobilitazione, iniziative variegate, curate in particolar modo da collettivi studenteschi e Cobas che hanno contrastato, pur con tutte le difficoltà sociali del momento, il sistema Invalsi. Un sistema che, a dieci anni dalla sua esistenza, condizionerà fortemente la libertà d'insegnamento, la didattica, determinerà i processi di valutazione ed autovalutazione nella e della scuola, essendo il cuore pulsante del nuovo servizio nazionale di valutazione, con effetti che rivoluzioneranno, in negativo, non solo la scuola pubblica, ma anche il rapporto di lavoro del personale scolastico. Comunque sia, pure con tutti i limiti del caso, si è riusciti a parlare di Invalsi, a creare un fronte sociale, culturale e politico di opposizione, cosa per nulla scontata, visti gli interessi economici e dei circoli di potere che ruotano intorno all'Invalsi. A Trieste, come in diverse città italiane, si è svolto un presidio,




 poi un breve corteo








ed il tutto è sfociato in una partita a pallone nella Piazza S. Antonio, con i ribelli, magnetizzati dall'amore per la scuola pubblica.


Chi rincorreva il pallone anti-Invalsi chi cercava di fare goal nelle vergognose transenne anti-questua della locale chiesa, che qualche animo ribelle ha utilizzato come porta, piccolo ma significativo esempio di protesta. Insomma, oggi a Trieste si è dato letteralmente un calcio all'Invalsi, nonostante tutto. Andranno certamente effettuate delle riflessioni sul perché vi è stata una partecipazione non elevata al corteo, andranno certamente effettuate delle riflessioni sulle strategie future di lotta da intraprendere, perché se l'Invalsi è individuato come il cuore della nuova e cattiva scuola, che vuole competizione, omologazione e concorrenza e futura selezione anche delle matricole universitarie,  è chiaro che nelle giornate anti-Invalsi si deve essere nelle condizioni di poter liberamente manifestare senza avere la spada di Damocle dei giorni utili da conseguire per la validità dell'anno scolastico. Probabilmente andranno ripensate le classiche stagioni autunnali, così come una riflessione è dovuta sulla scarsa partecipazione dei lavoratori. Certo, nelle scuole si sono concentrate tante energie per contrastare, dall'interno, questo sistema, anche con iniziative condivisibili di boicottaggio, ma ciò non basta, bisogna anche scendere in piazza e scioperare, manifestare per le strade, perché, anche i numeri delle manifestazioni, piaccia o non piaccia, sono importanti. In ogni caso, un grazie ribelle, a tutti e tutte quelli e quelle che hanno condiviso queste giornate di lotta per la scuola pubblica.



Commenti

  1. Che bello essere riusciti in qualche scuola a fare questo magnifico lavoro
    Nella mia è stato fatto tutto....che tristezza!!!
    Ora ti chiedo se sai darmi indicazioni, di come comportarmi ,visto che la mia DS ha fatto una circolare di questo tipo:Oggetto: immissione dati INVALSI 2014

    " I Sigg. Docenti sono chiamati alla immissione dati delle prove INVALSI effettuate in data 13/05/2014 secondo l’allegato calendario: ".......
    segue il calendario....
    in pratica i consigli di classe sono chiamati a immettere i dati delle prove e del questionario....
    La situazione è questa :
    le prove invalsi sono state inserite nel POF ,( purtroppo<<<<<.... nonostante il mio parere non favorevole) ma oltre questo non si è deliberato altro...
    quindi la mia domanda è mi posso rifiutare???
    Tali impegni non sono stati deliberati nel piano annuale dell'attività per cui presumo che non ci sia nessun obbligo
    Grazie per l'attenzione
    Patriza

    RispondiElimina
  2. qui segnalo il link dove è presente il materiale utile http://www.cobas-scuola.it/Aree-Tematiche/INVALSI/NO-AI-QUIZ-INVALSI-!-MATERIALI-E-VADEMECUM

    andrà certamente fatta rimostranza, poi se l'ordine di servizio verrà rinnovato, questo andrà osservato. come da presione normativa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…