Passa ai contenuti principali

A Trieste un calcio all'Invalsi, nonostante tutto


Il 13 maggio 2014 si conclude la tre giorni di sciopero anti-Invalsi. Diverse sono state le giornate di mobilitazione, iniziative variegate, curate in particolar modo da collettivi studenteschi e Cobas che hanno contrastato, pur con tutte le difficoltà sociali del momento, il sistema Invalsi. Un sistema che, a dieci anni dalla sua esistenza, condizionerà fortemente la libertà d'insegnamento, la didattica, determinerà i processi di valutazione ed autovalutazione nella e della scuola, essendo il cuore pulsante del nuovo servizio nazionale di valutazione, con effetti che rivoluzioneranno, in negativo, non solo la scuola pubblica, ma anche il rapporto di lavoro del personale scolastico. Comunque sia, pure con tutti i limiti del caso, si è riusciti a parlare di Invalsi, a creare un fronte sociale, culturale e politico di opposizione, cosa per nulla scontata, visti gli interessi economici e dei circoli di potere che ruotano intorno all'Invalsi. A Trieste, come in diverse città italiane, si è svolto un presidio,




 poi un breve corteo








ed il tutto è sfociato in una partita a pallone nella Piazza S. Antonio, con i ribelli, magnetizzati dall'amore per la scuola pubblica.


Chi rincorreva il pallone anti-Invalsi chi cercava di fare goal nelle vergognose transenne anti-questua della locale chiesa, che qualche animo ribelle ha utilizzato come porta, piccolo ma significativo esempio di protesta. Insomma, oggi a Trieste si è dato letteralmente un calcio all'Invalsi, nonostante tutto. Andranno certamente effettuate delle riflessioni sul perché vi è stata una partecipazione non elevata al corteo, andranno certamente effettuate delle riflessioni sulle strategie future di lotta da intraprendere, perché se l'Invalsi è individuato come il cuore della nuova e cattiva scuola, che vuole competizione, omologazione e concorrenza e futura selezione anche delle matricole universitarie,  è chiaro che nelle giornate anti-Invalsi si deve essere nelle condizioni di poter liberamente manifestare senza avere la spada di Damocle dei giorni utili da conseguire per la validità dell'anno scolastico. Probabilmente andranno ripensate le classiche stagioni autunnali, così come una riflessione è dovuta sulla scarsa partecipazione dei lavoratori. Certo, nelle scuole si sono concentrate tante energie per contrastare, dall'interno, questo sistema, anche con iniziative condivisibili di boicottaggio, ma ciò non basta, bisogna anche scendere in piazza e scioperare, manifestare per le strade, perché, anche i numeri delle manifestazioni, piaccia o non piaccia, sono importanti. In ogni caso, un grazie ribelle, a tutti e tutte quelli e quelle che hanno condiviso queste giornate di lotta per la scuola pubblica.



Commenti

  1. Che bello essere riusciti in qualche scuola a fare questo magnifico lavoro
    Nella mia è stato fatto tutto....che tristezza!!!
    Ora ti chiedo se sai darmi indicazioni, di come comportarmi ,visto che la mia DS ha fatto una circolare di questo tipo:Oggetto: immissione dati INVALSI 2014

    " I Sigg. Docenti sono chiamati alla immissione dati delle prove INVALSI effettuate in data 13/05/2014 secondo l’allegato calendario: ".......
    segue il calendario....
    in pratica i consigli di classe sono chiamati a immettere i dati delle prove e del questionario....
    La situazione è questa :
    le prove invalsi sono state inserite nel POF ,( purtroppo<<<<<.... nonostante il mio parere non favorevole) ma oltre questo non si è deliberato altro...
    quindi la mia domanda è mi posso rifiutare???
    Tali impegni non sono stati deliberati nel piano annuale dell'attività per cui presumo che non ci sia nessun obbligo
    Grazie per l'attenzione
    Patriza

    RispondiElimina
  2. qui segnalo il link dove è presente il materiale utile http://www.cobas-scuola.it/Aree-Tematiche/INVALSI/NO-AI-QUIZ-INVALSI-!-MATERIALI-E-VADEMECUM

    andrà certamente fatta rimostranza, poi se l'ordine di servizio verrà rinnovato, questo andrà osservato. come da presione normativa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…