Passa ai contenuti principali

Quello scempio autorizzato a Gorizia


Gorizia risulterebbe essere una delle città più immortalate, nello scatto della fotografia, al mondo. E' certamente una città suggestiva, particolare, affascinante,che meriterebbe di essere salvaguardata nella sua integrità. Ma tra Piazza Vittoria ed il  verde colle che unisce il locale castello alla vita ordinaria di città, sorge una mostruosità incredibile, anzi credibile, visto che i lavori sono in fase avanzata. Non si potrà che rimanere a bocca aperta e domandarsi come sia possibile, chi ha mai potuto autorizzare una simile bruttura. E la Soprintendenza? Come ha fatto ad autorizzare simili lavori? Certo, si dirà, ma è ancora presto per parlare, si deve attendere l'ultimazione dei lavori. Certo, si dirà, ma i lavori dell'ascensore hanno portato alla luce una cinta muraria medievale. Ed allora? La scoperta di rimanenze di cinta murarie medievali valgono il prezzo di quello scempio? L'ennesimo che accade in Friuli Venezia Giulia?  
I lavori dell'ascensore. 

Le polemiche principali sono state incentrate sui costi e su questo non voglio soffermarmi perché è stato già detto di tutto e di più. I passanti, ignari di ciò che accade, e che hanno vissuto nel tempo l'evoluzione della città, oppure semplici turisti occasionali, vedendo quella struttura bianca imporsi in modo prepotente ed arrogante sul piccolo colle, rimarranno a dir poco perplessi e forse disgustati da quella colata di cemento che prende e conquista con violenza e forza spazio all'interno di un luogo che aveva una propria e ben definita fisionomia ed armonia con l'area circostante, tanto da rendere quel piccolo angolo una piccola cartolina semplice e suggestiva, che ora non esiste più.
Già, l'abitudine. Il mondo corre, l'architettura deve correre, non deve rimanere indietro, le città devono adeguarsi. Ma ogni cosa ha un limite. I gusti sono sempre soggettivi, tutto è soggettivo, a partire dal concetto di utilità. Penso per esempio al Tiare, il mega centro commerciale che è stato costruito nei pressi di Villesse. Si era detto che avrebbe incrementato il turismo a Gorizia. Sarebbe interessante sapere quanto ciò corrisponda oggi, a distanza di diversi mesi dalla sua apertura, al vero. Si dicono tante cose, spesso con il solito linguaggio politichese. Ma il punto è il dopo. Dopo che l'opera ha trovato forma e vita cosa accade? A Gorizia, a parer mio, opinione personale e forse altamente conservatrice in tal caso, accadrà, con l'ultimazione di quell'opera, che quell'angolo assopito tra Piazza Vittoria e la galleria Bombi,dominato dal verde vivo e selvaggio, ma non per questo indegno, sarà il simbolo di quella modernità che violenta la dignità della bellezza, la grande bellezza  ed il fascino di Gorizia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone