Passa ai contenuti principali

Quando si scrive Jugonostalgia canaglia



Mi ha dato da riflettere l'ultimo post pubblicato da Simone Cristicchi, principale autore di Magazzino 18, sulla sua pagina facebook, il quale, condividendo l'articolo del Piccolo di Trieste di marzo 2014, dal titolo GLI ORRORI TITINI IN MOSTRA SFIDANO LA JUGONOSTALGIA, ha scritto “ Jugonostalgia canaglia”. In quell'articolo si parlava in sostanza di tutte le “barbarie” avvenute sotto la Jugoslavia di Tito, da “epurazioni, liquidazioni, processi-farsa" e così via discorrendo. Il periodo di riferimento era quello che correva tra il 1944 ed il 1953. Per canaglia, si intende, di norma, “l'insieme di gente malvagia, abietta, disonesta”. Ora, non volendo entrare nel merito di vicende che mai troveranno una verità oggettiva, perché la verità è parte della storia e la storia è fatta di cause ed effetti, spesso dolorose e spesso disumane, voglio soffermare la mia attenzione e quella di chi ora legge su alcuni aspetti dell'insieme di gente malvagia, abietta e disonesta.
Come è noto buona parte della storiografia inglese e americana, in merito ai fatti di Trieste, tende a rilevare che l'avanzata delle truppe neozelandesi del gen. Freyberg fu frenata dai Governi di Londra e di Washington, dando il via libera all'entrata in città dell'esercito jugoslavo. I motivi potevano essere vari, ma prevalentemente strategici.  Quella strategia che ha, probabilmente, tollerato e nello stesso tempo si è resa pienamente complice di tutti quei fatti compiuti tra il 1944 ed il 1953 nelle zone del confine orientale, forse per il timore di scatenare un conflitto con l’URSS.  Ma sia gli americani, che gli inglesi, attraverso i servizi, non potevano non sapere. Ma, colui che anche l'Unità, giornale non certamente di destra, del marzo 1953, definirà come “il dittatore di Belgrado”,Tito, venne ricevuto con tutti gli onori in Gran Bretagna da Winston Churchill. Ha visitato la University Library di Cambridge e vi è stata una grande cena ufficiale.

Insomma un “dittatore”, che oggi viene definito come il responsabile, di atroci crimini contro l'umanità, veniva ricevuto con tutti gli onori da uno dei principali sostenitori del nuovo ordine mondiale, da uno dei principali Paesi  anti-comunisti da una delle massime potenze dell'Occidente. 
Quel “dittatore” di Belgrado che veniva invitato anche a partecipare all'Assemblea Generale dell'Onu.
Quel “dittatore” di Belgrado che riconosceva i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite. 
Quel “dittatore” di Belgrado, definito come traditore, da Toffanin, condannato, in contumacia, per i fatti di Porzus nel 1945, il quale così si pronunciò “Sono stato squadrista di Tito, io, prima che quello si vendesse a Churchill e tradisse la causa. Cercai di uccidere Tito, organizzai trecento compagni per farlo, ma non ci riuscii. E pensare che avevo dormito con lui” 

Insomma la strategia e l'interesse economico vengono prima di ogni altro principio.  D'altronde i sentimenti di simpatia, di Churchill verso Tito, erano noti, così come erano noti anche quelli verso Mussolini: "mi sono sentito conquistato dal comportamento gentile e semplice del signor Mussolini. Se fossi italiano sono certo che sarei stato un suo entusiasta sostenitore in ogni fase della sua lotta trionfale contro i bestiali appetiti del leninismo. Il fascismo ha reso un servizio al mondo intero, ha fornito il necessario antidoto al veleno russo”. ( “The Times” 21.1.1927). 

Ora, è chiaro che tra Mussolini e Tito vi sono delle enorme differenze, anche se la storiografia moderna tende ad equiparare il tutto, fascismo, nazismo, stalinismo e titismo, come una cosa unica ed omogenea. Così come è chiaro che ogni evento deve essere necessariamente contestualizzato, pur nella sua brutalità. E contestualizzare non significa negare, o minimizzare, contestualizzare significa fare un salto nel tempo passato, immedesimarsi in epoche a noi sconosciute per ovvietà temporale e ragionare con i pensieri ed i sentimenti dominanti in e di quel tempo. Quello che qui deve interessare è, visto che i servizi sapevano e non potevano non sapere, anche gli occidentali sono responsabili, nel loro silenzio e nella loro complicità voluta, pianificata, tollerata e non evitata, di tutte quelle situazioni che oggi spingono a definire la Jugonostalgia come canaglia? Forse, anzi senza alcun forse, è il caso di guardare anche verso Ovest e non solo verso Est, è il caso di puntare il dito anche ad Ovest, prima di sentenziare con frasi e parole nozionistiche, che semplificano una storia,complessa, ma nello stesso tempo altamente lineare, rispetto a quella che oggi qualcuno vuole inculcare.

Marco Barone

note:
fonte foto  incontro Tito- Churchill
http://ww2db.com/image.php?image_id=15576

foto Tito con Regina
http://www.balcanicaucaso.org/aree/Slovenia/Tito-amor-mijo-118753

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto