Passa ai contenuti principali

Quando si scrive Jugonostalgia canaglia



Mi ha dato da riflettere l'ultimo post pubblicato da Simone Cristicchi, principale autore di Magazzino 18, sulla sua pagina facebook, il quale, condividendo l'articolo del Piccolo di Trieste di marzo 2014, dal titolo GLI ORRORI TITINI IN MOSTRA SFIDANO LA JUGONOSTALGIA, ha scritto “ Jugonostalgia canaglia”. In quell'articolo si parlava in sostanza di tutte le “barbarie” avvenute sotto la Jugoslavia di Tito, da “epurazioni, liquidazioni, processi-farsa" e così via discorrendo. Il periodo di riferimento era quello che correva tra il 1944 ed il 1953. Per canaglia, si intende, di norma, “l'insieme di gente malvagia, abietta, disonesta”. Ora, non volendo entrare nel merito di vicende che mai troveranno una verità oggettiva, perché la verità è parte della storia e la storia è fatta di cause ed effetti, spesso dolorose e spesso disumane, voglio soffermare la mia attenzione e quella di chi ora legge su alcuni aspetti dell'insieme di gente malvagia, abietta e disonesta.
Come è noto buona parte della storiografia inglese e americana, in merito ai fatti di Trieste, tende a rilevare che l'avanzata delle truppe neozelandesi del gen. Freyberg fu frenata dai Governi di Londra e di Washington, dando il via libera all'entrata in città dell'esercito jugoslavo. I motivi potevano essere vari, ma prevalentemente strategici.  Quella strategia che ha, probabilmente, tollerato e nello stesso tempo si è resa pienamente complice di tutti quei fatti compiuti tra il 1944 ed il 1953 nelle zone del confine orientale, forse per il timore di scatenare un conflitto con l’URSS.  Ma sia gli americani, che gli inglesi, attraverso i servizi, non potevano non sapere. Ma, colui che anche l'Unità, giornale non certamente di destra, del marzo 1953, definirà come “il dittatore di Belgrado”,Tito, venne ricevuto con tutti gli onori in Gran Bretagna da Winston Churchill. Ha visitato la University Library di Cambridge e vi è stata una grande cena ufficiale.

Insomma un “dittatore”, che oggi viene definito come il responsabile, di atroci crimini contro l'umanità, veniva ricevuto con tutti gli onori da uno dei principali sostenitori del nuovo ordine mondiale, da uno dei principali Paesi  anti-comunisti da una delle massime potenze dell'Occidente. 
Quel “dittatore” di Belgrado che veniva invitato anche a partecipare all'Assemblea Generale dell'Onu.
Quel “dittatore” di Belgrado che riconosceva i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite. 
Quel “dittatore” di Belgrado, definito come traditore, da Toffanin, condannato, in contumacia, per i fatti di Porzus nel 1945, il quale così si pronunciò “Sono stato squadrista di Tito, io, prima che quello si vendesse a Churchill e tradisse la causa. Cercai di uccidere Tito, organizzai trecento compagni per farlo, ma non ci riuscii. E pensare che avevo dormito con lui” 

Insomma la strategia e l'interesse economico vengono prima di ogni altro principio.  D'altronde i sentimenti di simpatia, di Churchill verso Tito, erano noti, così come erano noti anche quelli verso Mussolini: "mi sono sentito conquistato dal comportamento gentile e semplice del signor Mussolini. Se fossi italiano sono certo che sarei stato un suo entusiasta sostenitore in ogni fase della sua lotta trionfale contro i bestiali appetiti del leninismo. Il fascismo ha reso un servizio al mondo intero, ha fornito il necessario antidoto al veleno russo”. ( “The Times” 21.1.1927). 

Ora, è chiaro che tra Mussolini e Tito vi sono delle enorme differenze, anche se la storiografia moderna tende ad equiparare il tutto, fascismo, nazismo, stalinismo e titismo, come una cosa unica ed omogenea. Così come è chiaro che ogni evento deve essere necessariamente contestualizzato, pur nella sua brutalità. E contestualizzare non significa negare, o minimizzare, contestualizzare significa fare un salto nel tempo passato, immedesimarsi in epoche a noi sconosciute per ovvietà temporale e ragionare con i pensieri ed i sentimenti dominanti in e di quel tempo. Quello che qui deve interessare è, visto che i servizi sapevano e non potevano non sapere, anche gli occidentali sono responsabili, nel loro silenzio e nella loro complicità voluta, pianificata, tollerata e non evitata, di tutte quelle situazioni che oggi spingono a definire la Jugonostalgia come canaglia? Forse, anzi senza alcun forse, è il caso di guardare anche verso Ovest e non solo verso Est, è il caso di puntare il dito anche ad Ovest, prima di sentenziare con frasi e parole nozionistiche, che semplificano una storia,complessa, ma nello stesso tempo altamente lineare, rispetto a quella che oggi qualcuno vuole inculcare.

Marco Barone

note:
fonte foto  incontro Tito- Churchill
http://ww2db.com/image.php?image_id=15576

foto Tito con Regina
http://www.balcanicaucaso.org/aree/Slovenia/Tito-amor-mijo-118753

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone