Passa ai contenuti principali

Territorio libero di Trieste: quando la Jugoslavia denunciava il rischio per la pace



Con una lettera del 12 dicembre 1946 , il Segretario di Stato degli Stati Uniti , comunicava i pertinenti articoli e gli allegati tutti del Trattato di Pace con l'Italia che prevedeva, tra le varie cose,l'istituzione del Territorio Libero di Trieste , la cui indipendenza ed  integrità doveva essere assicurata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Dichiarava, in quella lettera, che il tutto doveva essere approvato entro l'inizio del febbraio del 1947. Alla riunione numero 89 del 7 gennaio 1947, il Consiglio inseriva la detta questione nell'agenda ed il 10 gennaio 1947 si decideva l'approvazione dei tre allegati tra cui l'accettazione delle responsabilità ivi connesse. Nel corso della riunione, si adottava la risoluzione che vedeva " Il Consiglio di Sicurezza , dopo aver ricevuto ed esaminato gli allegati al trattato di pace proposto con l'Italia relativi alla creazione e governo del Territorio libero di Trieste ( tra cui un accordo per il Porto Libero )” registrare l'approvazione dei documenti che prevedevano il regime provvisorio del Territorio Libero di Trieste. In Italia vi sarà un dibattito intenso, e su questo rinvio al seguente link:La ratifica del trattato di Pace del 1947 e l'astensione dei Comunisti e la questione Trieste .

Ma le frizioni, a livello internazionale furono molto vivaci. Già nel 1948, con lettera del 28 luglio, la Jugoslavia portava all'attenzione del Consiglio di Sicurezza la sistematica violazione delle clausole del Trattato di Pace con l'Italia per quanto riguardava il Territorio Libero di Trieste da parte del Comando Militare Alleato .
Tra le varie cose denunciava che la situazione rischiava “ di mettere in pericolo il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale" , e chiedeva espressamente al Consiglio " di assicurare il rispetto da parte dei governi degli Stati Uniti d'America e del Regno Unito i loro obblighi internazionali , garantendo così l'indipendenza della libero Territorio di Trieste " . Nel corso della riunione 344 del 4 agosto 1948, il Consiglio di sicurezza includeva la questione nella sua agenda. Il Consiglio di sicurezza esaminava il tutto nelle riunioni tra il 4 agosto e il 19 agosto 1948. Il Rappresentante degli Stati Uniti evidenziava che le accuse formulate dal rappresentante della Jugoslavia erano " assolutamente priva di sostanza " . Alla riunione 348 del 13 agosto 1948, il rappresentante della Jugoslavia , ritornava alla carica, presentando un progetto di risoluzione per dichiarare che taluni accordi conclusi tra il Comando Militare Alleato e la Repubblica d'Italia erano " incompatibili con lo status del Territorio Libero di Trieste " e di renderli " nulli " . Ma, alla riunione 354 del 19 agosto 1948, il progetto di risoluzione presentato dal rappresentante della Jugoslavia veniva respinto con due voti a favore, nessuno contrario , e con nove astensioni. Ciò a significare come la questione Trieste, già in quel tempo, creava certamente imbarazzo e probabilmente vi era la convinzione della violazione degli accordi internazionali, ma il predominio delle forze Alleate era talmente consolidato che opporsi al loro volere significava rischi elevati a livello diplomatico e non solo. D'altronde la mancata nomina del Governatore a Trieste si poneva in questa ottica.  Insomma la partita a scacchi che ha riguardato Trieste, sin dalla fine delle seconda guerra mondiale, oggi ancora viva, ha anticipato de facto la guerra fredda che oggi, nella primavera 2014, sembra essere ritornata con prepotenza all'attenzione mondiale e non solamente per i fatti della Crimea.


Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…