Passa ai contenuti principali

Trieste libera, ma dai meridionali?


Sul sito Trieste libera è stato pubblicato un intervento dal titolo il Clan, che denuncia il sistema di corruzione, mafioso, massonico ed italiano che in sostanza  avrebbe affossato Trieste, ovviamente in violazione del solito Trattato di Pace. Che esiste un sistema omnimafioso e di corruzione in Italia è noto e visto che Trieste è in Italia ovviamente è difficilmente immune da tutto ciò. Ma ad un certo punto si leggerà “Il numero di alti funzionari provenienti in buona parte dall’Italia meridionale, e la loro permanenza pluridecennale in posizioni chiave, è sintomatico di questa colonizzazione attuata con i metodi propri di questa “rete” massomafiosa. A partire dal vertice della piramide del potere, ovvero l’autorità giudiziaria” . Cosa si vuole insinuare quando si scrive che la maggior parte dei funzionari provengono dall'Italia meridionale? Perché specificare l'origine meridionale e non limitarsi genericamente a  funzionari ? Che necessità vi era di precisare l'origine territoriale? Domanda,ahimè, retorica. Che Trieste sia stata oggetto del processo di italianizzazione è un fatto noto, in primis con l'arrivo di quelli che venivano e vengono ancora oggi chiamati regnicoli, e dunque? Si rischia la solita equazione figlia di quella ignoranza che ha supportato per anni le logiche razziste della lega nord, siciliano uguale mafioso, calabrese uguale ndranghetista, campano uguale camorrista. E' ciò che tale passaggio rischia in modo non poi tanto velato di lasciare intendere nella sua pregiudizialità inqualificabile. Ma non finisce qui. Ad un certo punto si scriverà anche che “a Trieste la sezione civile e fallimentare del tribunale è guidata da un giudice siciliano che vi ha messo radici” ed ancora “sempre al Tribunale di Trieste si trova quale presidente della sezione penale un altro siciliano, il palermitano(..). Anche lui da più di trenta anni radicato in questa terra da convertire alla cultura della legalità italiana”. E dunque? Cosa si vuole intendere con il fatto che quei giudici sono meridionali ed in particolar modo siciliani? Che sono corrotti? Che sono mafiosi? Per il loro essere siciliani? Perché puntualizzare l'essere siciliano? Conosciamo tutti la storia, è noto che senza l'ausilio della mafia l'armistizio mai sarebbe stato firmato e mai gli “alleati” americani sarebbero sbarcati in Sicilia, così come è noto il ruolo costante che tutte le mafie esercitano nel panorama globale della politica capitalistica. Insomma quale sarà il prossimo passo? I meridionali a Trieste non ci possono entrare?  Non possono lavorare? Trieste libera dai meridionali? L'intervento il Clan ben evidenzia lo stato enorme di difficoltà di una realtà politica, per come oggi governata o meglio amministrata provvisoriamente,  giunta probabilmente alla sua fine e non sapendo più a cosa appellarsi, alcuni sparano a zero  insultando ed offendendo con pregiudizi generalisti degni della peggiore inciviltà, non che esista una migliore inciviltà, ma al peggio certamente non vi è mai inesorabilmente fine. 


Commenti

  1. "visto che Trieste è in Italia"
    Premesse sbagliate.

    E, sbagliando le premesse, spesso è facile sbagliare tutto il resto: se il tribunale di Trieste NON dev'essere (e non deve) un tribunale italiano, il fatto che la larga maggioranza dei funzionari sia stata inviata (e vi stazioni da decenni) appositamente dal Sud dell'Italia non ha connotazioni discriminatorie, se non da parte di chi — come lo stato italiano — si prende illegittimamente una "colonia" che ha ottenuto in amministrazione civile provvisoria, applicandovi una sovranità simulata.

    Si tratta quindi di un aspetto pratico, ma indicativo di un modus operandi sprezzante dei triestini — ebbene sì, anche dei triestini italiani. Anche dei triestini che hanno origini meridionali.

    --

    "giunta probabilmente alla sua fine e non sapendo più a cosa appellarsi"
    yawn. L'importante è esserne convinti. Noi, nel frattempo, continuiamo a tutta come sempre.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Una storia per bambini della scuola primaria nella giornata Mondiale della Gentilezza

Il 13 novembre in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale della Gentilezza, nata da una conferenza del 1997 a Tokyo e introdotta in Italia dal 2000. Per questa propongo una storia per le classi di scuola primaria. La storia che segue, ambientata a Trieste, ha per protagonisti tre supereroi ed una nonna, Rosellina.  Il disegno è stato fatto in una classe di una scuola dove la storia è stata letta. mb I tre supereroi e la nonnina Rosellina C’era una volta, anzi no. C’erano una volta tre supereroi. Avete presente quelli con i super poteri che si vedono nei film? Nei cartoni animati? Nei fumetti? Sì, proprio loro. E si trovavano in una bellissima città italiana, Trieste. Non erano mai stati prima a Trieste. Rimasero stupiti nel vedere quanto era lungo il molo sul mare, e quanto era enorme la piazza con due alberi di due navi dove sventolavano le bandiere, ogni tanto. Dopo essersi fatti un selfie sul molo Audace che è costruito sui resti di una vecchia n

Prospettiva fallica: da Bologna ad Osor con uno sguardo insolito a Trieste

Così scriveva Wu Ming 1 in un suo recente post: “”Se fissiamo il Nettuno del Giambologna da una particolare angolatura, di scorcio, vedremo realizzarsi una magia: il pollice sinistro spunta dal fianco e diviene un fallo eretto con tanto di glande enfio e turgido. Una leggenda locale parla di uno scherzo del Giambologna alle monache dell’adiacente convento: guardando dalle finestre, vedevano il dio esibire una poderosa erezione. Ecco che irrompe il conflitto, ecco che l’Uno (la statua) diventa due (lo scultore irriverente e le suore), e poi molti, perché uno pensa al potere committente, alle persone che sapevano della burla, a quelli che se ne sono accorti da soli, a chi tramanda la leggenda, e poi, chissà se è davvero «solo» una leggenda… Ecco un’allegoria di quanto cerchiamo di fare nei nostri libri”. Ed ha ragione. Quella statua di Bologna è nota proprio per tale particolarità “fallica”, una delle prime cose che si fanno notare ai non bolognesi, appena giunti nello splendido s

E ti vengo a cercare nell'esoterismo

Note e parole che ti rapiscono, nell'ondeggiare con quel tempo da meccaniche mistiche e profondamente esoteriche. La ricerca interna dell’uomo, attraverso la musica, l'arte, le scienze  o l'occultismo, ti condurrà attraverso l’introspezione, alla riscoperta del tuo essere, alla conoscenza della tua natura interna", di quel Dio, quel grande architetto dell'Universo atteso da una moltitudine di individualità. E dunque ti vengo a cercare. La canzone di Francesco Battiato è esoterica nel “vederti o parlare perché ho bisogno della tua presenza per capire meglio la mia essenza” , nel “cercare l'Uno al di sopra del Bene e del Male  essere un'immagine divina di questa realtà”. Ed infatti, nella Gran Loggia Phoenix ® degli ALAM, quando il gran Maestro si recherà nella sala dei Passi perduti, verrà accompagnato dalle note della canzone di Franco Battiato, E ti vengo a cercare... D'altronde nel passato e probabilmente anche oggi, mo