Passa ai contenuti principali

Trieste libera, ma dai meridionali?


Sul sito Trieste libera è stato pubblicato un intervento dal titolo il Clan, che denuncia il sistema di corruzione, mafioso, massonico ed italiano che in sostanza  avrebbe affossato Trieste, ovviamente in violazione del solito Trattato di Pace. Che esiste un sistema omnimafioso e di corruzione in Italia è noto e visto che Trieste è in Italia ovviamente è difficilmente immune da tutto ciò. Ma ad un certo punto si leggerà “Il numero di alti funzionari provenienti in buona parte dall’Italia meridionale, e la loro permanenza pluridecennale in posizioni chiave, è sintomatico di questa colonizzazione attuata con i metodi propri di questa “rete” massomafiosa. A partire dal vertice della piramide del potere, ovvero l’autorità giudiziaria” . Cosa si vuole insinuare quando si scrive che la maggior parte dei funzionari provengono dall'Italia meridionale? Perché specificare l'origine meridionale e non limitarsi genericamente a  funzionari ? Che necessità vi era di precisare l'origine territoriale? Domanda,ahimè, retorica. Che Trieste sia stata oggetto del processo di italianizzazione è un fatto noto, in primis con l'arrivo di quelli che venivano e vengono ancora oggi chiamati regnicoli, e dunque? Si rischia la solita equazione figlia di quella ignoranza che ha supportato per anni le logiche razziste della lega nord, siciliano uguale mafioso, calabrese uguale ndranghetista, campano uguale camorrista. E' ciò che tale passaggio rischia in modo non poi tanto velato di lasciare intendere nella sua pregiudizialità inqualificabile. Ma non finisce qui. Ad un certo punto si scriverà anche che “a Trieste la sezione civile e fallimentare del tribunale è guidata da un giudice siciliano che vi ha messo radici” ed ancora “sempre al Tribunale di Trieste si trova quale presidente della sezione penale un altro siciliano, il palermitano(..). Anche lui da più di trenta anni radicato in questa terra da convertire alla cultura della legalità italiana”. E dunque? Cosa si vuole intendere con il fatto che quei giudici sono meridionali ed in particolar modo siciliani? Che sono corrotti? Che sono mafiosi? Per il loro essere siciliani? Perché puntualizzare l'essere siciliano? Conosciamo tutti la storia, è noto che senza l'ausilio della mafia l'armistizio mai sarebbe stato firmato e mai gli “alleati” americani sarebbero sbarcati in Sicilia, così come è noto il ruolo costante che tutte le mafie esercitano nel panorama globale della politica capitalistica. Insomma quale sarà il prossimo passo? I meridionali a Trieste non ci possono entrare?  Non possono lavorare? Trieste libera dai meridionali? L'intervento il Clan ben evidenzia lo stato enorme di difficoltà di una realtà politica, per come oggi governata o meglio amministrata provvisoriamente,  giunta probabilmente alla sua fine e non sapendo più a cosa appellarsi, alcuni sparano a zero  insultando ed offendendo con pregiudizi generalisti degni della peggiore inciviltà, non che esista una migliore inciviltà, ma al peggio certamente non vi è mai inesorabilmente fine. 


Commenti

  1. "visto che Trieste è in Italia"
    Premesse sbagliate.

    E, sbagliando le premesse, spesso è facile sbagliare tutto il resto: se il tribunale di Trieste NON dev'essere (e non deve) un tribunale italiano, il fatto che la larga maggioranza dei funzionari sia stata inviata (e vi stazioni da decenni) appositamente dal Sud dell'Italia non ha connotazioni discriminatorie, se non da parte di chi — come lo stato italiano — si prende illegittimamente una "colonia" che ha ottenuto in amministrazione civile provvisoria, applicandovi una sovranità simulata.

    Si tratta quindi di un aspetto pratico, ma indicativo di un modus operandi sprezzante dei triestini — ebbene sì, anche dei triestini italiani. Anche dei triestini che hanno origini meridionali.

    --

    "giunta probabilmente alla sua fine e non sapendo più a cosa appellarsi"
    yawn. L'importante è esserne convinti. Noi, nel frattempo, continuiamo a tutta come sempre.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…