Passa ai contenuti principali

Contestato il Ministro Carrozza a Trieste (video)


Cobas Scuola FVG, UDS, Coordinamento studenti , hanno contestato il ministro dell'Istruzione, università e ricerca all'Università di Trieste. L'appuntamento sarà presso l'edificio A della locale Università. Vi sarà prima un bel momento di confronto su cosa scrivere nello striscione da esporre al Ministro durante la fase dell'inaugurazione dell'anno accademico, il telo, lentamente, da bianco, diventerà colorato, i colori dell'indignazione racchiusi in  uno slogan "Dietro lo Show dell'inaugurazione, solo tagli a ricerca e istruzione", che ben evidenzierà la particolarità di questo momento storico che unisce sia l'Università che la Scuola nella condizione dell'assoluta precarietà.  
Mentre la bora aumenterà la sua intensità, ed incrementerà il numero dei manifestanti, si percorreranno le lunghe scale che condurranno innanzi alla porta dell'Aula Magna.  Una porta, in questo momento, come sempre accade per tali eventi, aperta a pochi e chiusa a chi vuole dire no alla distruzione globale dell'istruzione il cui processo dura da anni e sembra essere inarrestabile. Vi saranno momenti di discussione con alcuni rappresentanti dell'Università e le forze dell'ordine, fino a quando la portavoce del Ministro dirà che la Carrozza incontrerà gli studenti, i manifestanti, i lavoratori che protestano alle 16.30. E così sarà. Si aprirà la porta dell'Aula Magna, arriverà il ministro e dopo qualche attimo di silenzio, con sguardi per qualche attimo smarriti, perché forse non si riusciva a comprendere neanche bene il senso di quello che stava  in quel preciso momento accadendo o forse perché si era nella consapevolezza che ognuno si sarebbe rinchiuso nelle proprie ragioni, non conciliabili, inizierà il confronto che durerà una decina di minuti.  Si voleva semplicemente esporre uno striscione e diffondere democraticamente e pacificamente alcuni contenuti della protesta che si svolgeva nell'atrio dell'Università, cogliendo anche il noto invito del Ministro a ribellarsi. Ma a quanto pare la ribellione che va bene per un certo tipo di celebrazione è solo quella decisa in via unilaterale da pochi e che non deve turbare il decoro del cerimoniale.  Tanto poi quando ci si ribella ecco la porta del sistema esercitare il suo vero anatema verso chi  dice no senza compromessi.  Il dubbio che regnerà dopo il confronto con il ministro in particolar modo sulle pratiche di democrazia attuate in questa occasione, sarà : "Quale confronto politico reale e concreto è possibile con questo sistema?". Il Ministro andrà per la sua strada, a Roma, gli studenti, i lavoratori, i manifestanti, continueranno le loro lotte quotidiane in una città che ha saputo manifestare una forma di dissenso all'interno di quelle mura che da anni sembrano essere assopite nella rassegnazione del compromesso o disfattismo plateale e che oggi hanno saputo elevare un piccolo ma importante segnale anche da questa importante seppur lontana parte d'Italia, un segnale che non può e non deve lasciare indifferenti, perché l'indifferenza porterà all'ignoranza e l'ignoranza all'amen di ogni diritto.


segue video confronto tra studenti e ministro 
ed al  minuto 11.45 intervento cobas su scuole insicure


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…