Passa ai contenuti principali

Contestato il Ministro Carrozza a Trieste (video)


Cobas Scuola FVG, UDS, Coordinamento studenti , hanno contestato il ministro dell'Istruzione, università e ricerca all'Università di Trieste. L'appuntamento sarà presso l'edificio A della locale Università. Vi sarà prima un bel momento di confronto su cosa scrivere nello striscione da esporre al Ministro durante la fase dell'inaugurazione dell'anno accademico, il telo, lentamente, da bianco, diventerà colorato, i colori dell'indignazione racchiusi in  uno slogan "Dietro lo Show dell'inaugurazione, solo tagli a ricerca e istruzione", che ben evidenzierà la particolarità di questo momento storico che unisce sia l'Università che la Scuola nella condizione dell'assoluta precarietà.  
Mentre la bora aumenterà la sua intensità, ed incrementerà il numero dei manifestanti, si percorreranno le lunghe scale che condurranno innanzi alla porta dell'Aula Magna.  Una porta, in questo momento, come sempre accade per tali eventi, aperta a pochi e chiusa a chi vuole dire no alla distruzione globale dell'istruzione il cui processo dura da anni e sembra essere inarrestabile. Vi saranno momenti di discussione con alcuni rappresentanti dell'Università e le forze dell'ordine, fino a quando la portavoce del Ministro dirà che la Carrozza incontrerà gli studenti, i manifestanti, i lavoratori che protestano alle 16.30. E così sarà. Si aprirà la porta dell'Aula Magna, arriverà il ministro e dopo qualche attimo di silenzio, con sguardi per qualche attimo smarriti, perché forse non si riusciva a comprendere neanche bene il senso di quello che stava  in quel preciso momento accadendo o forse perché si era nella consapevolezza che ognuno si sarebbe rinchiuso nelle proprie ragioni, non conciliabili, inizierà il confronto che durerà una decina di minuti.  Si voleva semplicemente esporre uno striscione e diffondere democraticamente e pacificamente alcuni contenuti della protesta che si svolgeva nell'atrio dell'Università, cogliendo anche il noto invito del Ministro a ribellarsi. Ma a quanto pare la ribellione che va bene per un certo tipo di celebrazione è solo quella decisa in via unilaterale da pochi e che non deve turbare il decoro del cerimoniale.  Tanto poi quando ci si ribella ecco la porta del sistema esercitare il suo vero anatema verso chi  dice no senza compromessi.  Il dubbio che regnerà dopo il confronto con il ministro in particolar modo sulle pratiche di democrazia attuate in questa occasione, sarà : "Quale confronto politico reale e concreto è possibile con questo sistema?". Il Ministro andrà per la sua strada, a Roma, gli studenti, i lavoratori, i manifestanti, continueranno le loro lotte quotidiane in una città che ha saputo manifestare una forma di dissenso all'interno di quelle mura che da anni sembrano essere assopite nella rassegnazione del compromesso o disfattismo plateale e che oggi hanno saputo elevare un piccolo ma importante segnale anche da questa importante seppur lontana parte d'Italia, un segnale che non può e non deve lasciare indifferenti, perché l'indifferenza porterà all'ignoranza e l'ignoranza all'amen di ogni diritto.


segue video confronto tra studenti e ministro 
ed al  minuto 11.45 intervento cobas su scuole insicure


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto