Passa ai contenuti principali

Trasporto pubblico bene comune, Firenze si prepara allo sciopero


I venti di Genova, che hanno seguito a distanza di anni quelli di Milano, e che i media hanno etichettato come sciopero selvaggio, semplicemente perché irrispettoso delle regole della Legge-Anti sciopero, bussano alle porte di Firenze. La Firenze che in questi giorni sarà nell'occhio del ciclone mediatico per le primarie del PD, il cui Sindaco si prepara a governare quel Partito sperando di arrivare presto a condurre anche il nostro non più Bel Paese.
Selvaggia è la società in cui viviamo.
Selvaggia è l'austerità.
Selvaggia è la miseria.
Selvaggio non è e mai sarà il diritto di sciopero.
Sarà semplicemente sciopero per la difesa di un bene comune, il trasporto pubblico.
A Firenze il trasporto pubblico è stato privatizzato o meglio svenduto. Sono stati disdetti gli accordi di secondo livello, sono peggiorate le condizioni di lavoro dei dipendenti e l'effetto è stato quello di trovare nei Cobas la voce della rivolta con la RSU in sostanza tutta Cobas che non ci sta alla demolizione del trasporto pubblico e della dignità e dei diritti dei lavoratori. Si gioca a Firenze, sull'onda di Genova, un scontro non solo con il datore di lavoro e la politica ma anche contro i sindacati rappresentativi che nel caso di Firenze , come in tante altre infinite situazioni, non rappresentano più sostanzialmente i lavoratori, ma semplicemente loro stessi.
I nodi verranno presto al pettine.
Ciò è inevitabile.
Quando si diventa corporazione, quando si difendono interessi elitari, quando si sponsorizzano prodotti come i fondi pensioni, ad esempio, non si è più sindacato ma altro e questo altro giorno dopo giorno viene travolto dalla rabbia.
E' un dato di fatto.
E Firenze si prepara alla rivolta.
Arriveranno lavoratori, tranvieri da Genova e da tante altre città per la difesa della dignità.

Segue il comunicato sindacale della RSU che ha indetto lo sciopero che inizia il 5 dicembre 2013


Il 5 dicembre noi tranvieri Ataf, come lavoratori e come cittadini, sciopereremo.

LA STORIA E’ NOTA:

Questa Giunta Comunale, “gestita” da un Sindaco arrivista, ha svenduto un bene comune (ATAF) , immiserendo le condizioni di chi presta quotidianamente il servizio e negando a coloro che lavorano, studiano e respirano in questa città, un trasporto pubblico ed efficiente e per tutti.
Hanno spudoratamente riversato su di noi lavoratori, attribuendoci dei privilegi inesistenti fosse altro quello di avere un lavoro e su voi cittadini, l’onere di pagare decenni di politica corrotta e clientelare mettendoci, noi e voi, direttamente nelle mani del “capitale” che ci consumerà per ingrassare ancor più le proprie tasche.

PER IL FUTURO:

I nuovi proprietari stanno concretizzando quelli che sono sempre stati i nostri timori: azzerare tutti inostri diritti, acquisiti con 50 anni di lotte e sacrifici e dividersi l’azienda tra Busitalia, Cap e Autoguidovie.

Noi ci opponiamo alla loro volontà di voler dividere e far sparire un’azienda storica per Firenze.
Non ci stiamo a cancellare tutti i sacrifici che sono stati fatti fino ad oggi.

Per questo Vi chiediamo di opporvi insieme a noi sostenendo la nostra lotta, perché il Trasporto Pubblico deve rimanere un bene di tutti e per tutti.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…