Passa ai contenuti principali

La scuola è senza soldi, allarme rosso per gli stipendi dei precari



Le parole del Ministro dell'Istruzione sono inequivocabili : "Stiamo trovando le risorse per ripristinare questo capitolo - in relazione alla mancata retribuzione delle ferie agli insegnanti precari - ogni giorno, con le casse vuote che abbiamo trovato, mi trovo a fare fronte a esigenze che non trovano disponibilità. Non ci sono i soldi per fare tutto quello che dovremmo fare"
Intanto arrivano continue segnalazioni allucinanti, come quella di una supplente di Gorizia che scrive “ Io ho telefonato oggi e mi hanno riferito che la scuola non ha fondi a sufficienza per retribuire tutti i supplenti....ma c'è di più: dal momento che sono originaria di Catania e per svolgere servizio a Gorizia devo sostenere delle spese non indifferenti, mi hanno suggerito di rifiutare gli incarichi di supplenza”.

La risposta che arriva da buona parte del mondo dei precari, e nella scuola sono 140 mila, è diffida, lettera dell'avvocato, ricorso.
No, non è più tempo dei ricorsi, i cui tempi sono anche lunghissimi.
Questo è il tempo della lotta, di rivendicare la propria dignità senza condizione alcuna.
E' il tempo di pretendere il giusto riconoscimento della propria professionalità e di essere pagati per il lavoro effettuato.
Non si lavora gratis, non si lavora con la speranza di essere un giorno qualunque retribuiti per il lavoro prestato.
Esiste un contratto collettivo di lavoro, esistono diritti, esistono pretese che devono essere fatte valere.
Non può essere la burocrazia più la risposta giusta ed adeguata.
Il ricorsificio ha ucciso la coscienza di lotta di migliaia di lavoratori, questo è un dato di fatto.
Provo senso di incredibile incomprensione quando a scuola ti dicono che non sanno quando e se arriveranno i soldi per retribuire la tua supplenza già effettuata e sentire dire, da parte dei lavoratori interessati, allora faccio una diffida?
Il problema non è individuale, è sociale è da allarme rosso.
I soldi, ad oggi, per le nefandezze in Italia ci sono, i soldi per comprare armamenti ci sono, i soldi per la politica ci sono, le risorse non mancano, ma sono gestite male, volutamente male.
Hanno svuotato le casse dell'Istruzione, per favorire da un lato l'intervento dei privati, dell'economia privata e dall'altro per colpire la cultura, il diritto all'istruzione.
Gli scatti di anzianità si pagheranno con risorse già destinate alla scuola,mica con risorse nuove, e nello stesso tempo ti trovi contratti bloccati da anni, ferie non pagate, continui incrementi per via legislativa e non contrattuale di carichi lavoro e nuovi obblighi.
Tutto ha un prezzo, ma qui siamo oltre la decenza.
Ma devono essere i lavoratori precari a reagire, perché se continueranno a subire o delegare tutto allo strumento del ricorsificio, la prossima volta non solo non ti pagheranno le supplenze, ma ti licenzieranno.
E qualcuno, in queste condizioni, con la speranza dei mille e più ricorsi fatti e tentati, crede ancora che sia possibile la stabilizzazione di oltre 100 mila precari o del pagamento di anni ed anni di scatti di anzianità negati, con il pareggio del bilancio che dal 1 gennaio 2014 sarà la regola d'oro del capitalismo e dell'austerità anche in Italia.
Fino a quando le cose rimarranno su questo fronte, ferme ed immobili, nulla muterà, tutto peggiorerà.
Non è tempo di illusioni, non è tempo di lamentele, è tempo di reazioni collettive e condivise, da soli non si può, insieme si deve e si può per la dignità, per la scuola pubblica italiana, per il tuo lavoro che deve essere retribuito, visto e rilevato che gratis non si lavora, o no?




Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…