Passa ai contenuti principali

Il coordinamento 9 dicembre ed i profeti Wayseers



Prima il movimento dei Forconi, poi il coordinamento 9 dicembre, due realtà apparentemente connesse ma in verità divise e forse anche non conciliabili. Il movimento dei forconi è stato probabilmente uno strumento, che ha attirato certamente l'attenzione, i cui metodi di lotta sono stati certamente efficaci , ma è arrivato il momento della spaccatura.
Un piccolo esempio della rottura può essere il comunicato dei Forconi che così scrivono sulla loro pagina facebook: I FORCONI PENSIERO. IL MOVIMENTO DEI FORCONI,LO ABBIAMO SEMPRE RIBADITO, NON CHIUDE ALLA POLITICA.ANZI RITIENE CHE IL VERO FORCONE SIA IL VOTO.TAGLIA I PONTI CON I PARTITI E I POLITICI CORROTTI MA APRE A TUTTI I MOVIMENTI E RAGGRUPPAMENTI POLITICI LIBERI E DETERMINATI PER UN VERO CAMBIAMENTO. IL PROGRESSO SOCIALE SI HA QUANDO UN SISTEMA SI RIFORMA.

Mentre il Coordinamento del 9 dicembre  scriverà che "Ancora una volta approfittiamo per ricordare che nelle piazze, NON E' GRADITA LA PRESENZA DI POLITICI CHE DA ANNI SI RICICLANO IN VARIE AREE E/O ALLEANZE, che rispuntano improvvisamente tra le gente onesta che vuole il cambiamento, mentre loro sono orrendamente rimasti VECCHI. Sappiano questi signori che li conosciamo bene! Talmente bene che alle prossime occasioni verrà segnalata la loro presenza al popolo sceso in piazza, ed il popolo stesso provvederà, sempre in maniera civile ma determinata, al loro allontanamento. Viste ancora le continue e strumentali azioni di affrancamento della manifestazione a "destra", causata da passate dichiarazioni UNILATERALI di certi partiti che hanno strumentalmente, e senza alcuna etica, scelto di "marchiare" questa iniziativa, ribadiamo in maniera PERENTORIA la nostra distanza da qualsivoglia partito, anche presunto "rivoluzionario" o "fuori dagli schemi" che ci appoggia di sua iniziativa contravvenendo alle semplici regole che vuole la partecipazione di tutti senza bandiere e senza roboanti dichiarazioni per fini personali o reconditi. QUANDO SARA' L'ORA X FAREMO QUELLO CHE ANDRA' FATTO, CIVILMENTE, CON LA FORZA DELLA CONSAPEVOLEZZA DI ESSERE OGGI, PER LA PRIMA VOLTA DOPO TANTI ANNI, TORNATI AD ESSERE POPOLO! E NESSUNO POTRA' FERMARCI! AVANTI!"



Ora X, avanti, attacco ai partiti di destra, ma senza rinnegare il loro essere conservatori e sostanzialmente di destra. Che sia un coordinamento di matrice nazionalista non vi è alcun dubbio. Tricolori ovunque, identità della nazione, difesa del cittadino italiano, tipica chiusura del tipico nazionalismo che ha attirato le forze più estreme della destra neofascista italiana. Sono di destra, sono conservatori, sono nazionalisti, ma specialmente populisti ed in perfetta armonia con la pancia del grillismo che è collegato al coordinamento 9 dicembre.

Veniamo al dunque.

In pochi giorni è stato realizzato un sito internet a dir poco funzionale, decine di pagine facebook, gruppi locali attivi, con il tricolore come simbolo dell'identità. Si attacca la cattiva politica, i politici, la corruzione, il sistema. Il linguaggio è quello dominante nel grillismo. La cosa interessante è che nel loro sito viene pubblicato un video dal seguente titolo: Spiegazione in pochi minuti di quello che ci stanno facendo.

Un video che si apre con musica epica,che ti trascina,coinvolge ed emoziona. Un video che è stato realizzato, anche se adattato per l'Italia, da una realtà che si chiama Wayseers  e dove esiste anche un Manifesto. Insomma si ritorna in America e si ripete l'ennesimo tentativo di Occupy,ad oggi, orientato a destra e con carattere più incisivo. La cosa interessante è la piattaforma di questo sistema, che lavora moltissimo sull'aspetto psicologico, con la comunicazione multimediale, con il tipico sistema delle fratellanze americane ed i metodi propri di una sorta di evangelizzazione. Ed è efficace perché sono milioni e milioni le persone coinvolte. Lo scopo di questi profeti del Mondo sono triplici e parlano di liberare tutte le cose che abbiamo dentro, di esprimere la nostra genialità, la nostra spontaneità, di liberare gli impulsi miracolosi, per raggiungere tramite la cooperazione cose incredibili. Scrivono che hanno bisogno di un leader per la realizzazione di questo movimento, applicano il modello Da Vinci, lavorano tramite lo strumento di “cattura”, lo chiamano proprio così, quale facebook, invitano a lanciare eventi settimanali dove tutti insieme si possono sintonizzare e sperimentare la potenza del gruppo attraverso una forma di esperienza condivisa. Dicono anche che vogliono interrompere le convenzioni sociali, professano una sorta di sacerdozio , si definiscono “portatori della fiamma - " perché sono chiamati a liberare l'umanità incatenata in una gabbia buia per riportare la luce.. Per raggiungere questi scopi è necessario, a detta loro, “dedicarsi alla nascita di un atto creativo o distruttivo che deve trovare espressione attraverso l'arte o filosofia, innovazioni che possono scuotere l'industria, rivoluzioni per la democrazia, colpi di stato per rovesciare l'ipocrisia, movimenti di solidarietà, ribellioni contro la politica” Il leader di questo movimento è Garret John LoPorto che è stato consulente creativo su internet per marketing virale per TrueMajority.org ed ha lavorato per John Kerry per la campagna presidenziale del 2004. Prima di iniziare la QuantumLight società di marketing su Internet,LoPorto ha anche sviluppato giochi multi-player di Microsoft Research, è stato, tra le tante cose, un membro degli Stati Uniti Esercito ROTC e  della fraternità Theta Chi .
I colori della Fraternità sono il rosso militare e bianco. Il suo fiore è il garofano rosso. Chissà che non vedremo presto questi simboli anche in Italia, ed a dirla tutta sono proprio i colori del coordinamento 9 dicembre, vedi volantino, od il sito internet. Altra cosa interessante è che Lo Porto ha avuto un ruolo di primissimo piano in Occupy. Infine, colui che ha pubblicato il video dei profeti del mondo, i Wayseer, nel sito del coordinamento 9 dicembre, ha, tra i pochi video messi in rete, condiviso anche quello del discorso “storico” di Paola Taverna al Senato del M5S.... Insomma una storia strana, interessante, da analizzare, studiare e che deve indurre alla riflessione e capire le connessioni. Stiamo vivendo un gioco, un gioco pericoloso e rischiamo di essere pedine, forse,  inconsapevoli in un contesto dalla crisi sociale ed economica immensa,  un contesto che è fertile per la realizzazione e l'affermazione di certe pratiche e strumenti anche di controllo sociale.


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…