Passa ai contenuti principali

Arriva l'estate ma anche il ritornello sulla Grecia



Le peggiori cose accadono sempre in estate. Ma oramai la gente lo ha capito e la vigilanza sussiste anche durante il periodo estivo che in questo 2013 vedrà milioni di persone solo sognare le sospirate vacanze. Già, la vacanza è andata in vacanza.
E' nuovamente partita la strategia anti-dipendenti pubblici, anti-pubblico. Probabilmente perché sarà il miglior modo per fare cassa e nello stesso tempo per privatizzare nuovi servizi in linea con la strategia Europa 2020.
Come già detto e scritto il decreto del fare se da un lato prevede lo sblocco di alcune opere, interventi nel settore dell'edilizia, nello stesso tempo prevede tagli nel settore dei servizi esternalizzati della scuola. Ma questo sarà solo l'inizio, le indicazioni d'altronde sono emerse da tempo.
Ed ecco che si continua a paragonare l'Italia o cercare di assimilare la situazione italiana a quella greca. Grecia, vittima scelta sacrificale per incutere timore.
Si dice che i dipendenti pubblici sono troppi, si dice che si deve tagliare, che così avanti non si può andare e per evitare di fare la fine della Grecia o contestualizzando il tutto alla situazione italiana, non si deve fare altro che tagliare. E', nel contempo, sparito lo spettro del Portogallo e per adesso anche quello della Spagna, invece sulla situazione di Cipro è calato un misterioso, ma forse comprensibile, silenzio.
Una ricerca di Forum Pa smentisce tutte una serie di leggende.
Evidenziano che i dipendenti pubblici italiani non sono troppi, anzi sono in in numero minore sul totale degli occupati se raffrontati agli altri Paesi (Francia: 20%, UK 19,2%) e sono molto meno anche in termini assoluti: 3,4 milioni (5,6% pop) in Italia contro i 5,5 milioni in Francia (8,3% pop.)e i 5,7 milioni in UK (10,9% pop.) .
Certamente emergono problematiche di cattiva organizzazione, infatti la citata ricerca evidenzia il problema della cattiva distribuzione ma nello stesso tempo emerge un tasso di età certamente elevato. Per esempio In Francia il 28% dei lavoratori pubblici ha meno di 35 anni, in UK sono il 25%, ma in Italia solo il 10%. E la percentuale di impiegati sotto i 25 anni, ossia assunti direttamente dall’Università, è praticamente nulla (1,3% e solo nelle carriere militari).
Si segnala anche la qualificazione inferiore dei dipendenti pubblici italiani rispetto alla media europea, ma le retribuzioni, salvo il caso della scuola, risultano essere nelle media europea ed anche superiori rispetto al settore privato.
Insomma il problema non è la quantità, ma l'organizzazione della macchina pubblica. E' necessario, a parer mio, un piano di formazione, un vero investimento nel personale e per il personale ed in particolar modo l'apertura delle porte alle nuove generazioni ponendo fine alla precarietà.
Si deve andare controtendenza, investire vuol dire migliorare ciò che è certamente migliorabile con una strategia a lungo termine che certamente porterà benefici alla collettività.
Tagli, rigore, austerità, sono stati un fallimento, e quando viene meno la disincentivazione e la motivazione, quando incrementa la precarietà, è ovvio che ne risente anche la qualità del servizio pubblico offerto.
Infine non dimentichiamo che il lavoro non è un privilegio, ma un diritto.



Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…