Passa ai contenuti principali

Arriva l'estate ma anche il ritornello sulla Grecia



Le peggiori cose accadono sempre in estate. Ma oramai la gente lo ha capito e la vigilanza sussiste anche durante il periodo estivo che in questo 2013 vedrà milioni di persone solo sognare le sospirate vacanze. Già, la vacanza è andata in vacanza.
E' nuovamente partita la strategia anti-dipendenti pubblici, anti-pubblico. Probabilmente perché sarà il miglior modo per fare cassa e nello stesso tempo per privatizzare nuovi servizi in linea con la strategia Europa 2020.
Come già detto e scritto il decreto del fare se da un lato prevede lo sblocco di alcune opere, interventi nel settore dell'edilizia, nello stesso tempo prevede tagli nel settore dei servizi esternalizzati della scuola. Ma questo sarà solo l'inizio, le indicazioni d'altronde sono emerse da tempo.
Ed ecco che si continua a paragonare l'Italia o cercare di assimilare la situazione italiana a quella greca. Grecia, vittima scelta sacrificale per incutere timore.
Si dice che i dipendenti pubblici sono troppi, si dice che si deve tagliare, che così avanti non si può andare e per evitare di fare la fine della Grecia o contestualizzando il tutto alla situazione italiana, non si deve fare altro che tagliare. E', nel contempo, sparito lo spettro del Portogallo e per adesso anche quello della Spagna, invece sulla situazione di Cipro è calato un misterioso, ma forse comprensibile, silenzio.
Una ricerca di Forum Pa smentisce tutte una serie di leggende.
Evidenziano che i dipendenti pubblici italiani non sono troppi, anzi sono in in numero minore sul totale degli occupati se raffrontati agli altri Paesi (Francia: 20%, UK 19,2%) e sono molto meno anche in termini assoluti: 3,4 milioni (5,6% pop) in Italia contro i 5,5 milioni in Francia (8,3% pop.)e i 5,7 milioni in UK (10,9% pop.) .
Certamente emergono problematiche di cattiva organizzazione, infatti la citata ricerca evidenzia il problema della cattiva distribuzione ma nello stesso tempo emerge un tasso di età certamente elevato. Per esempio In Francia il 28% dei lavoratori pubblici ha meno di 35 anni, in UK sono il 25%, ma in Italia solo il 10%. E la percentuale di impiegati sotto i 25 anni, ossia assunti direttamente dall’Università, è praticamente nulla (1,3% e solo nelle carriere militari).
Si segnala anche la qualificazione inferiore dei dipendenti pubblici italiani rispetto alla media europea, ma le retribuzioni, salvo il caso della scuola, risultano essere nelle media europea ed anche superiori rispetto al settore privato.
Insomma il problema non è la quantità, ma l'organizzazione della macchina pubblica. E' necessario, a parer mio, un piano di formazione, un vero investimento nel personale e per il personale ed in particolar modo l'apertura delle porte alle nuove generazioni ponendo fine alla precarietà.
Si deve andare controtendenza, investire vuol dire migliorare ciò che è certamente migliorabile con una strategia a lungo termine che certamente porterà benefici alla collettività.
Tagli, rigore, austerità, sono stati un fallimento, e quando viene meno la disincentivazione e la motivazione, quando incrementa la precarietà, è ovvio che ne risente anche la qualità del servizio pubblico offerto.
Infine non dimentichiamo che il lavoro non è un privilegio, ma un diritto.



Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…