Passa ai contenuti principali

Quello che i soliti media non vi diranno sul corteo del 1 maggio di Trieste


Il primo maggio resiste, nonostante tutto.
E' la giornata ove si esprimono riflessioni, rivendicazioni, lotte e simboli, una giornata che non è una banale festa del lavoro, ma è la giornata ove tutte le conquiste sociali, pagate anche con il prezzo della vita, contro lo sfruttamento sul e nel lavoro devono essere ricordate specialmente in tal epoca che tende a cancellare ogni memoria e diritto ed ogni ricordo con una facilità a dir poco sconvolgente,ed una società senza memoria sarà destinata a sprofondare nel pozzo senza fondo dell'ignoranza assoluta ed a disconoscere l'essenza stessa del diritto.
Certo vi sono le solite cerimonie, i soliti concerti, il solito tutto. Un solito che a Napoli è sfociato in protesta all'urlo di vergogna, urlo e tafferugli che hanno sospeso il concerto alla Città della Scienza, o meglio di quello che ne è rimasto dopo l'atto doloso incendiario che ne ha distrutto la struttura fisica ma non il cuore, o cortei con specificità varie. Io mi soffermerò su quelle che ho vissuto in prima persona
e che reputo significative, a Trieste.
Si parte alle nove di mattina da Piazza San Giacomo, l'apertura del corteo sarà dei sindacati rappresentativi, in coda invece troverai una storica Ape con bandiere rosse e comuniste ed un pugno chiuso ed un viso sorridente, che resiste e resisterà, perché la speranza non verrà travolta dalla depressione epocale oggi esistente, e quel sorriso sarà importante.

All'interno del corteo di questo anno vi sarà uno spezzone della casa delle culture che ricorderà il suo impegno per la battaglia finalizzata a conseguire il reddito garantito e poi, quella che a parer mio è stata la vera sorpresa della giornata, lo spezzone libertario.
Uno striscione colorato, con scritto in italiano e sloveno “l’autogestione è libertà!”, musica e tamburi e strumenti variegati tutti autoprodotti, bandiere no Tav, una artigianale, probabilmente l'unica in tutto il corteo fatta in casa, no Muos, che ho avuto l'onore di portare e sventolare sino alla fine del corteo. La sorpresa è stata la buona e probabilmente inaspettata partecipazione a quello spezzone da parte di tante ed ancora tante individualità e soggettività, chi con la propria bandiera, anche con la falce e martello, chi senza bandiera, e non per forza di cose tipico militante o attivista politico o libertario.
Sì, tante persone che hanno aderito spontaneamente ed una marea rosso e nera lentamente è entrata, non dalla solite Rive, ma attraversando Piazza della Borsa, in Piazza dell'Unità d'Italia alle spalle del palco, ove in quel momento parlavano alcuni rappresentanti sindacali confederali. Ed in quel preciso momento, quando la marea inonderà una buona parte di Piazza dell'Unità, vedrai lo stupore di chi parlava dal palco essere scalfito sul suo viso, e sospenderà anche per alcuni secondi il cerimoniale discorso, vedrai tutte le persone voltar lo sguardo in direzione di quel fiume indipendente non previsto e forse non prevedibile. Questo è un dato certamente significativo che dovrà indurre alla riflessione. Nella confusione esistente l'essere anarchico, forse anche inconsapevolmente o magari con piena convinzione, ha pervaso il singolo individuo ed è evaso da ogni dubbio.
Dopo qualche minuto giungerà in Piazza dell'Unità anche lo spezzone della casa delle culture, ma l'entrata in tal storica Piazza sarà singolare ed innovativa. Avverrà con la colonna sonora di Star Wars. Ma poi il volume della musica verrà abbassato ed il discorso dei sindacati dal palco potrà continuare in modo indisturbato. Un non disturbo, prima, e durante il comizio,  che è emerso da parte di tutte le componenti politiche, sociali, individuali, presenti in Piazza.
Probabilmente si è voluta scegliere la via dell'indifferenza, dal palco ufficiale si parlava non alle migliaia di persone presenti al corteo, ma a poche centinaia di soggettività. Parole perse nel vuoto e negli spazi di una Piazza che dovrà interrogarsi sul che fare e come fare per porre la dignità dell'essere umano prima ed oltre ogni inutile formalità.
Sarà l'indifferenza a travolgere chi oggi ha responsabilità determinanti nella situazione reale che vuole il lavoratore con diritti deboli o inesistenti?









Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …