Passa ai contenuti principali

"Crisi": arriveranno le multe notturne?



 pubblicato su bora.la
Questo mio intervento deve indurre alla riflessione sul diritto, sulla consuetudine, sul patto sociale non scritto ma vigente, sul diritto in movimento che si adegua a situazioni di fatto od economiche, piccole cose ma determinanti, nella vita ordinaria di chi vive la città e di come tale patto possa mutare, per ragioni di cassa in tempo di "crisi".

Era il lontano 1865 quando furono introdotte le prime regolamentazioni sulla velocità e il corretto comportamento per i conducenti dei veicoli a trazione animale, poi nel corso del tempo la parte da leone la farà il Testo Unico sulla circolazione stradale, approvato con il d.P.R. nº 393, del 1959 e successivamente da quello che sarà l'attuale codice della strada, introdotto nel 1992, con tutte le modifiche avvenute nel corso del tempo.
A Trieste esiste un problema serio, che comporta  vari disagi e stress ma  anche situazioni di mera inciviltà.
Vi è una presenza spropositata di automobili e motorini, pochi parcheggi, che vengono costruiti in ogni buco e spazio possibile della città.
I motivi sono riconducibili a varie ragioni, pianificazione errata a livello urbanistico della città, pensata, per come strutturata oggi, più che per favorire la mobilità pubblica e pedonale o ciclabile, per sostenere la mobilità privata e delle automobili.
Vedi per esempio il caso delle Rive triestine.
Avrai zone ove si tollera il parcheggio non corretto per anni e poi quando verrà ultimato il parcheggio privato, ecco partire multe a raffica, questo il caso per esempio di quello che è accaduto nella Piazzetta di Santa Lucia. Coincidenze, già.
Ma l'auto di norma la si utilizza per ogni esigenza, anche minimale, e si pretende di avere il parcheggio sotto casa, o sotto il luogo ove ci si deve recare. Abitudini di  comodità nella vita di città.
Quando sposterai la tua auto per motivi vari ecco che controllerai il tuo orologio ogni dieci minuti perché se non rincaserai entro una certa ora rischierai di effettuare diecimila girotondi per la città, oppure quando deciderai, per stress e pseudo-comodità, di parcheggiare in modo non corretto, nelle ore serali, metterai la sveglia all'alba per spostare il tuo mezzo di trasporto per non rischiare quella multa che nelle ore diurne certamente sarà una certezza.
Già, sarà proprio nelle ore notturne che ti capiterà di vedere di tutto e di più ed in particolar modo noterai l'esistenza di una sorta di tregua sociale, ma ai danni di chi si sposterà a piedi, certo nella notte,si dirà, Trieste vive una sorta di coprifuoco.
Marciapiedi trasformati in parcheggi, cosa che a dire il vero accade a volte anche nelle ore diurne, strade chiuse dalle auto, piazze trasformate in parcheggi, doppia fila.
auto su marciapiede
auto su marciapiede

Una sospensione del codice della strada che non è detto sia destinata a perdurare.
Per esempio a Parma , per ragioni di cassa, sono state elevate decine e decine di  multe  in poco più di un’ora intorno  alle 23  del 25 gennaio 2013 da parte dei vigili urbani in quelle strade  caratterizzate da una sosta selvaggia, con automobili lasciate un po’ ovunque: in doppia e tripla fila, sull’isola spartitraffico e sul marciapiede.
doppia fila a Roiano maggio 2013

A Trieste intanto i parcheggi continuano ad essere un business per questa città, palazzi trasformati in parcheggi, ex botteghe trasformate in parcheggi, che troveranno affermazione anche a pochi passi dal teatro romano, zona che dovrebbe essere immune da ogni intervento urbanistico, ma così non è.
Il problema è destinato ad ingigantirsi con la crisi esistente. Autobus tagliati, treni non sufficienti, e piste ciclabili quasi inesistenti, certamente non aiutano una mobilità diversa. E' anche vero che da un lato si utilizzerà di meno l'auto, sia per il costo della benzina, che per il costo di mantenimento della stessa, molti probabilmente avranno anche consegnato la targa e demolito il proprio mezzo di trasporto per la crisi, altri lo faranno a breve, ma ad oggi, almeno per quello che si nota quotidianamente in giro, si parlerà di casi irrisori che certamente non sono paragonabili alla crisi energetica del 1973 ed al relativo boom delle biciclette, poiché parcheggiare a Trieste è davvero ardua impresa, impresa che comporterà anche qualche piccolo incidente, qualche "botta", qualche vai a quel paese...
Il dilemma è, arriveranno anche a Trieste, per ragioni di cassa, le multe in ore notturne?

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …