Passa ai contenuti principali

10 mila euro per le scuole Vales




Lo avevo preannunciato, il nuovo Servizio di Nazionale di Valutazione, è una estensione di quello che è stato e continua ad essere il VALES correlato al progetto scuola in chiaro. Il progetto VALES intende costruire un percorso di autovalutazione e valutazione esterna delle istituzioni scolastiche che, oltre a contribuire alla definizione di immediati interventi di miglioramento nelle scuole direttamente interessate, abbia natura prototipale rispetto all’innesco, nell’intero sistema scolastico, di un ciclo continuo di miglioramento della performance nelle singole scuole. Dunque autovalutazione, valutazione esterna, competenze, performance. Parole d'ordine concrete e destinate a divenire una realtà per ben 300 scuole italiane, soggette alla sperimentazione VALES ma, se il regolamento verrà applicato rischierà di travolgere tutte le istituzioni scolastiche.

Ed ecco arrivare la circolare del MIUR del 30 aprile 2013 che afferma testualmente “ considerato che nel Consiglio dei Ministri del 8 marzo 2013 è stato deliberato in seconda lettura, lo schema di regolamento sul SNV,di cui il progetto VALES costituisce la sperimentazione di riferimento...”.
Con la detta circolare si indicano le nuove e vincolanti scadenze per le 300 scuole VALES. Entro il 22 aprile l'Invalsi restituirà alle scuole i dati dei questionari; entro il 15 maggio i DS consegnano i primi rapporti di Autovalutazione con gli obbiettivi di miglioramento; tra ottobre e novembre i nuclei di valutazione esterna( che sarebbero gli ispettori nel nuovo SNV) effettueranno le prime visite nelle scuole Vales; entro dicembre i DS consegnano il RA definitivo; da gennaio 2014 i DS definiranno e svilupperanno i piani di miglioramento.

A tutte le scuole non appartenenti alle quattro Regioni Obiettivo Convergenza( Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) verranno accreditati diecimila euro per promuovere il piano di miglioramento e per un parziale riconoscimento svolto da personale scolastico. Ogni scuola deciderà al proprio interno ed in autonomia il come utilizzare le dette risorse ma, suggerisce il MIUR, per il miglior investimento delle risorse è necessario aspettare la visita dei nuclei esterni di valutazione e la definizione degli obbiettivi di miglioramento che, aggiungo io, saranno ovviamente condizionati dalla visita ispettiva. Ed alla fine di tutto ciò il MIUR effettuerà una rendicontazione sull'utilizzo delle risorse.
Produttività, ispettori, valutazione esterna ed autovalutazione, autonomia scolastica falsata, competizione e 10 mila euro in palio.
Chi non rispetterà i parametri degli ispettori dovrà restituire i diecimila euro? Ed il personale scolastico tutto che verrà ritenuto responsabile di ciò ed anche i Dirigenti Scolastici che sanzione avranno? Il licenziamento? Ad oggi, per tale motivo, non è ancora applicabile, certo, ma la norma esiste, è lì, dormiente, pronta ad essere svegliata al momento giusto. Il licenziamento disciplinare per insufficiente rendimento per tutto il personale scolastico ed il collocamento in disponibilità per inefficienza ed incompetenza professionale è prevista dal decreto 150/2009.
Benvenuti nella scuola InValsi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…