Passa ai contenuti principali

Fallita la marcia su Roma del M5S



Quando si scrive “Aiutatemi a diffondere ai vostri amici sui Social Network. TUTTI A ROMA!!
E' in atto un colpo di Stato. Pur di impedire un cambiamento sono disposti a tutto. Sono disperati. Stasera sarò a Roma! Dobbiamo essere milioni! SPARGETE IL VERBO”, non vi sono dubbi di interpretazione. Il grillismo voleva “invadere” Roma e circondare il Palazzo.
Silenzio e tensione.
Il tentativo è fallito, ma ci hanno provato.
Ed il rammarico di ciò è emerso nella conferenza stampa che Grillo ed alcuni parlamentari eletti del M5S hanno effettuato il 21 aprile. Una conferenza stampa che per la prima parte è stata totalmente caratterizzata da un comizio e nell'ultima parte invece è stata una conferenza stampa classica, con domande e risposte. Grillo si è concesso alla stampa italiana. Ha ceduto.
Probabilmente perché al suo appello non hanno risposto le masse, non ha risposto il popolo, perché ha perso politicamente la battaglia in Parlamento, e perché le strade di Roma non hanno visto, nessuna invasione da parte di milioni di persone.
Quello che è accaduto in Parlamento con l'elezione bis di Napolitano come Presidente della Repubblica è grave, è una vittoria politica di Berlusconi, ma è stato eletto un Presidente che è stato nel corso del tempo rispettato dalla maggioranza degli italiani ed in ogni caso nel rispetto delle regole costituzionali esistenti.  Rodotà era espressione non della maggioranza dei cittadini, 48 mila persone iscritte al sito del Movimento Cinque Stelle, non possono arrogarsi il diritto di rappresentare 60 milioni di cittadini, ed a ciò si deve aggiungere che Rodotà alle Quirinarie ha avuto meno di 5 mila preferenze e dunque il M5S non può arrogarsi il diritto di essere l'unico rappresentante dei cittadini.

 Ma la marcia su Roma od il tutti a Roma è fallito in modo clamoroso. Non sono stato io ad aver parlato di Marcia su Roma, poiché quando in conferenza stampa è stato affrontato questo fatto, un giornalista ha parlato espressamente di marcia su Roma, e ciò non è stato mica smentito da parte dei grillini. Ovviamente con ciò non intendo io paragonare la marcia mancata della notte del 20 aprile con quella fascista del 1922, al massimo mi veniva in mente una sorta di scena alla V per Vendetta, assedio del Palazzo con tante persone, ma senza maschere, e tutte incazzate. Ma la parola marcia su Roma la ha usata anche Rodotà, «Sono contrario a qualsiasi marcia su Roma» ha dichiarato l'ex candidato alla Presidenza della Repubblica.
«Al nostro candidato ho detto che non era nessuna marcia su Roma. Sono venuto per placare gli animi. E lui mi ha risposto 'benissimo, d'accordo, grazie'. Io non faccio 'calate su Roma' nè parate nè cose violente. Questo a Roma è un incontro con la gente» Replicava invece Grillo. Certo, placare gli animi, ma di chi? Di quelle poche decine di persone lì presenti e magari organizzate ad hoc?
Un tentativo goliardico malriuscito. Voglio leggerla in questa ottica la marcia mancata del 20 aprile.
Il Popolo non ha seguito Grillo, e questo lo si è capito oltre che dai fatti anche dal suo cambio di strategia, si è concesso alla stampa italiana con una lunga conferenza durata due ore.  Per la manifestazione pomeridiana del 21 aprile il M5S ha scelto, dopo aver chiesto una Piazza più grande ma negata perchè era già impegnata, la più piccola delle piazze amate dai manifestanti, Piazza dei Santi Apostoli, che ha una superficie di soli 4.250 metri quadrati ed una capienza massima di circa 25.000 persone. 

Non certamente numeri tali da far pensare ad una invasione di Roma. Ma le sorprese non finiscono qui. Beppe Grillo arrivato all'ingresso della piazza in auto salirà sul tettuccio, urlerà "Arrendetevi", risalirà a bordo ed andrà via. 
Lui si giustificherà in questo modo: "Nonostante una conferenza stampa di 2 ore sono stato assalito dai giornalisti che mi hanno impedito il passaggio e non ho potuto incontrare i cittadini." 
Dalla Piazza invece intorno alle 16.30 prenderà  la parola il Parlamentare Crimi che con il megafono dirà "che è stata la Digos ad aver consigliato a Grillo di andare via perchè quella Piazza non era sicura."
Ma per dovere di cronaca si deve ricordare che in quella piazza era assente qualsiasi impianto di amplificazione. Si alzerà  ad un certo punto il grido corale e tipico da stadio " al Quirinale, andiamo al Quirinale" distante solo 300 metri, poi vi sarà un corteo al grido di Rodotà o tutti a casa o in galera oppure si canterà a voce elevata l'Inno d'Italia.
Una cosa, dal mio punto di vista, è certa.
L'iniziativa di protesta cantierata dal m5S non è giustificabile per un semplice motivo. Napolitano è stato eletto secondo le regole della democrazia esistenti, opinabili certo, ma quelle sono le regole esistenti, e quando i Parlamentari del m5s accettano di partecipare al gioco non è che quando non vedono eletto il loro candidato, che non è il candidato di tutti i cittadini sia ben chiaro questo concetto, dunque perdono, possono reagire in tal modo. O ci stai al gioco o non ci stai. Quelle proteste messe in campo potrei comprenderle se attuate da realtà extraparlamentari ma non se realizzate da chi è dentro le Istituzioni specialmente dopo aver partecipato al "gioco". Probabilmente Rodotà è diventato una sorta di alibi, una sorta di scusante per mascherare la sconfitta politica del M5S. A questo punto mi aspetterei le dimisioni di massa da parte di tutti i parlamentari del M5S, ciò sarebbe l'unico atto tollerabile e comprensibile dopo l'iniziativa di protesta del 20 e del 21 aprile 2013 e forse efficace e se queste verranno meno allora Rodotà altro non è stato che un semplice strumento.
In ogni caso nutro un rammarico, avrei voluto vedere in Piazza sì milioni di persone, ma per proporre altro sistema sociale ed economico, ma questa è altra storia.





Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…