Passa ai contenuti principali

Alcune note critiche sul 25 aprile alla Risiera di Trieste






Come ogni anno il 25 aprile a Trieste ha trovato alcuni momenti  importanti di riflessione alla Risiera di San Sabba.
Voglio soffermarmi su due aspetti specifici.
Il primo riguarda il bel messaggio lanciato da alcuni studenti che hanno visitato il malefico campo di concentramento di Auschwitz, intenso, partecipato e certamente importante. E’ giusto parlare di Auschwitz, ci mancherebbe,ma vorrei sentir parlare anche dei campi di concentramento italiani. Eppure non si deve correre lontano, quello di Visco, per esempio,  integro, anche se ancora non pienamente accessibile, esiste e si trova a  poca  distanza da Trieste.
D’altronde, nell’immaginario collettivo, quando si parla di campi di concentramento, la mente conduce alla bestialità dei nazisti, ma difficilmente a quella dei fascisti italiani, un motivo vi sarà o no? Il secondo elemento critico riguarda un passaggio del discorso del Sindaco di Trieste.
Il Sindaco ricorderà che “I valori di libertà, democrazia, vanno riaffermati e trasmessi per evitare che anche nei nostri tempi, come accaduto in passato, disagio, inquietudine e rabbia causati da una grave crisi economica e sociale alimentino odio verso chi è diverso, per pelle, religione o per lingua innescando così odio e intolleranza e degenerando verso pulsioni autoritarie”.
Ebbene, è emersa, ahimè, una dimenticanza, grave.
E’ il caso di ricordare, visto che si effettua un paragone con il triste passato, che l’odio fascista, dunque a rischio di riaffermazione, non è stato alimentato ed attuato solo verso chi è diverso per pelle, religione, o per lingua, ma anche per orientamento sessuale, per esempio. Il regime fascista agì  con odio e violenza per escludere dal corpo sociale anche gli omosessuali poiché reputati come pericolosi veicoli di indebolimento della «razza ariana di stirpe italica».
Ma l’odio e la violenza fascista si è manifestata ad esempio anche verso i Rom e Sinti, verso gli antifascisti, verso chi manifestava un’ idea diversa dal fascismo.
O si parla di tutte le soggettività che hanno subito violenze, e che possono oggi in via analoga subire le medesime violenze,  o ci si deve limitare ad affermazioni generiche ove possano rientrare tutti i soggetti, le persone, le vite umane che hanno patito ogni tipo di violenza. Il non citare, il non ricordare, anche inconsapevolmente,  è un danno che si reca non solo alle persone interessate, ma alla società tutta che pretende di essere  fondata su valori, sulla carta chiari, come la democrazia, libertà, rispetto della vita umana, della dignità umana, valori oggi che in molti casi sono mera utopia, specialmente in Italia. Poiché il nostro tempo, la nostra epoca, è ancora violenta, e violenta  la dignità di quelle persone che nel fascismo minavano la superiorità della razza ariana di stirpe italica, già.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…