Passa ai contenuti principali

Trieste una città in vendita



In questo periodo è difficile percorrere una qualsiasi strada di Trieste, sia via di periferia che della Città Vecchia, e non leggere un cartello con scritto vendesi.
E' più raro incontrare cartelli con scritto affittasi.
Vendesi appartamenti, ma anche negozi e qualche garage.
E questa sensazione di una città in vendita, nel senso che i proprietari hanno deciso di collocare sul mercato immobiliare le loro case, probabilmente le seconde , piuttosto che collocarle in locazione, potrebbe essere una naturale conseguenza dell'Imu.
Trieste soffre un calo demografico con cui si dovrà ragionare e non speculare.
Qualcuno vorrebbe trasformare Trieste in una piccola Montecarlo, ivi incluso il casinò, favorendo ancora il settore dell'edilizia.
Ma quando ti trovi a vivere in una città che soffre la crisi artificiale creata dal sistema finanziario, ma reale per i lavoratori, più di altre realtà, dove le aziende che offrono lavoro sono poche, dove le case disabitate sono tantissime, dove esistono quasi sei mila domande per accedere alle così dette case popolari, proporre in tale contesto, nuove edificazioni sarebbe una follia speculativa che rischia di emulare in pieno la bolla, ora esplosa, immobiliare spagnola.
Centinaia di case edificate, vuote e disabitate, e che nessuno acquista.
Potrebbero arrivare i capitalisti cinesi, o russi, se non quelli arabi, potrebbero investire a Trieste, comprare le case collocate in vendita, ma si potrebbe intervenire anche in altro modo.
La Regione in armonia con il locale Comune, potrebbe rilevare quelle case collocate sul mercato, che quasi certamente in pochi acquisteranno, con un patto sociale stipulato con i proprietari, e offrirle, ad un prezzo agevolato in locazione, a tutte quelle persone che sono in difficoltà economica, che non possono, per indisponibilità di immobili, usufruire delle così dette case popolari.
Il sistema capitalistico ha attaccato duramente i diritti sociali e dei lavoratori.
Con una crisi speculativa creata dal mercato e dalla finanza si realizza una sorta di appiattimento dei diritti ivi considerati, per arrivare all'epoca dei diritto zero e cento profitti.
Cento profitti per pochi soggetti elitari.
Ed allora ponendo da parte la retorica e la demagogia, si deve avere il coraggio di andare oltre l'oltre, rilevando le case collocate sul mercato immobiliare che non verranno vendute, con un patto sociale con gli enti locali, rilevare le imprese che usufruiscono ed hanno usufruito de contributi pubblici, salvaguardando sia il diritto alla salute della collettività che il diritto al lavoro di migliaia di persone.
Si deve avere il coraggio di proporre un modello sociale diverso, altrimenti l'alternanza politica che verrà, rischierà di essere solo un lato meno duro o più duro della stessa medaglia, medaglia che giorno dopo giorno vien gettata via nei prati della rabbia da milioni di persone.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone