Passa ai contenuti principali

L’ennesima odissea sulla Trieste- Bologna




Con questo breve scritto non esprimerò nulla di nuovo rispetto a quanto già denunciato per esempio da Paolo Rumiz, o da tanti viaggiatori pendolari che utilizzano il treno regionale veloce, solo di nome ma non di fatto, per spostarsi da Trieste. Il punto è che nonostante le ripetute lamentele, segnalazioni, il problema persiste e ciò è grave ma non sorprende. La linea ferroviaria Trieste- Bologna, che in verità è una linea che si sospende in quella stazione di Mestre sempre più degradata, per poi riprendere il suo corso dopo i canonici 40 minuti di attesa quando va bene, anche di oltre i 60 minuti quando perdi la coincidenza, è a prova di pazienza. Certo, io sono un cultore del vivere con lentezza, ma se vivere con lentezza significa viaggiare su Treni dall’aria condizionata a dir poco sballata, sporchi ma anche dalle sospensioni precarie,  quel sospirato vivere con lentezza verrà in quel momento ripudiato. Il giorno 7 settembre mi son recato a Bologna per motivi di lavoro, arrivato alla stazione di Quarto d’Altino, il treno si fermerà. 
Il controllore dirà, ci sono problemi di elettricità sulla linea Mestre Venezia, non si sa quando ripartiamo ma vi terremo informati. 
 Solo 28 minuti di ritardo che mi consentiranno per un “santo” minuto e corsa fugace nel sottopassaggio di Mestre di prendere la coincidenza per Bologna. Intanto dal finestrino vedrai la stazione di Mestre stracolma di persone, il giorno dopo apprenderai dal Piccolo di Trieste, uno dei pochi quotidiani che ha riportato la notizia, che si è rotto un cavo, ed il delirio è esploso. Il giorno dopo riparto per Trieste. Solito treno, tra vagoni dall’aria condizionata esagerata ed altri letteralmente spenta, viaggi sudando come non mai con il solito finestrino aperto che ti cagionerà anche qualche temporaneo malanno. Arrivo a Mestre e leggerai sul tabellone che il treno per Trieste delle 15.23 è stato soppresso, senza proferir verbo alcuno, e ne avevo tanti da proferire, ti rassegni a salire su quello che farà il tour del Friuli Venezia Giulia, quando un minuto prima di partire la voce automatica annuncerà che il treno per Trieste delle 15. 23 era in arrivo sul binario due. Non hai il tempo di pensare, Scendi dal Treno itinerante, nuova corsa fugace, e per l’ennesima volta riuscirai a salire sul treno risorto. Molti l’avranno perso, altri avranno fatto la mia stessa corsa, il punto è che questi regionali veloci, che alla cifra di euro 20.40  consentono di raggiungere una delle tratte più frequentate la Trieste -Mestre-Bologna in 4 ore 20 minuti circa, e parliamo di 300 km di tragitto, di veloce non hanno un bel nulla.  Perché non potenziare la linea prevedendo due tipologie di regionali, quello classico, che ferma in  tutte le stazioni e quello veloce non solo di nome ma anche di fatto, che fermerà in poche stazioni principali? Una cosa è certa è che questi collegamenti, scollegati da ogni logica di funzionalità, non invogliano certamente a spostarsi da Trieste od a recarsi a Trieste.

Commenti

  1. Ieri viaggio Pescara/Trento ottime condizioni su Freccia Bianca Freccia Argento: purtroppo i prezzi sono competenti, quindi 110 euro a tratta.
    La cosa divertente è però, a BO, il ritardo di 145 minuti (!) di un Italo proveniente da Salerno: propri il nuovo treno di Montezemolo. A mia richiesta, al centro Italo, popolato di graziose fanciulle in rosso, mi viene risposto che "il trento ha avuto dei problemi". ma non erano tutti super moderni?! Pluri accessoriati con il max confort? Bisognerebbe chiedere ai viaggiatori da Salerno che cosa ne pensano...

    RispondiElimina
  2. ... ho notato un errore: era il treno, non "il trento"...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…