Passa ai contenuti principali

L’ennesima odissea sulla Trieste- Bologna




Con questo breve scritto non esprimerò nulla di nuovo rispetto a quanto già denunciato per esempio da Paolo Rumiz, o da tanti viaggiatori pendolari che utilizzano il treno regionale veloce, solo di nome ma non di fatto, per spostarsi da Trieste. Il punto è che nonostante le ripetute lamentele, segnalazioni, il problema persiste e ciò è grave ma non sorprende. La linea ferroviaria Trieste- Bologna, che in verità è una linea che si sospende in quella stazione di Mestre sempre più degradata, per poi riprendere il suo corso dopo i canonici 40 minuti di attesa quando va bene, anche di oltre i 60 minuti quando perdi la coincidenza, è a prova di pazienza. Certo, io sono un cultore del vivere con lentezza, ma se vivere con lentezza significa viaggiare su Treni dall’aria condizionata a dir poco sballata, sporchi ma anche dalle sospensioni precarie,  quel sospirato vivere con lentezza verrà in quel momento ripudiato. Il giorno 7 settembre mi son recato a Bologna per motivi di lavoro, arrivato alla stazione di Quarto d’Altino, il treno si fermerà. 
Il controllore dirà, ci sono problemi di elettricità sulla linea Mestre Venezia, non si sa quando ripartiamo ma vi terremo informati. 
 Solo 28 minuti di ritardo che mi consentiranno per un “santo” minuto e corsa fugace nel sottopassaggio di Mestre di prendere la coincidenza per Bologna. Intanto dal finestrino vedrai la stazione di Mestre stracolma di persone, il giorno dopo apprenderai dal Piccolo di Trieste, uno dei pochi quotidiani che ha riportato la notizia, che si è rotto un cavo, ed il delirio è esploso. Il giorno dopo riparto per Trieste. Solito treno, tra vagoni dall’aria condizionata esagerata ed altri letteralmente spenta, viaggi sudando come non mai con il solito finestrino aperto che ti cagionerà anche qualche temporaneo malanno. Arrivo a Mestre e leggerai sul tabellone che il treno per Trieste delle 15.23 è stato soppresso, senza proferir verbo alcuno, e ne avevo tanti da proferire, ti rassegni a salire su quello che farà il tour del Friuli Venezia Giulia, quando un minuto prima di partire la voce automatica annuncerà che il treno per Trieste delle 15. 23 era in arrivo sul binario due. Non hai il tempo di pensare, Scendi dal Treno itinerante, nuova corsa fugace, e per l’ennesima volta riuscirai a salire sul treno risorto. Molti l’avranno perso, altri avranno fatto la mia stessa corsa, il punto è che questi regionali veloci, che alla cifra di euro 20.40  consentono di raggiungere una delle tratte più frequentate la Trieste -Mestre-Bologna in 4 ore 20 minuti circa, e parliamo di 300 km di tragitto, di veloce non hanno un bel nulla.  Perché non potenziare la linea prevedendo due tipologie di regionali, quello classico, che ferma in  tutte le stazioni e quello veloce non solo di nome ma anche di fatto, che fermerà in poche stazioni principali? Una cosa è certa è che questi collegamenti, scollegati da ogni logica di funzionalità, non invogliano certamente a spostarsi da Trieste od a recarsi a Trieste.

Commenti

  1. Ieri viaggio Pescara/Trento ottime condizioni su Freccia Bianca Freccia Argento: purtroppo i prezzi sono competenti, quindi 110 euro a tratta.
    La cosa divertente è però, a BO, il ritardo di 145 minuti (!) di un Italo proveniente da Salerno: propri il nuovo treno di Montezemolo. A mia richiesta, al centro Italo, popolato di graziose fanciulle in rosso, mi viene risposto che "il trento ha avuto dei problemi". ma non erano tutti super moderni?! Pluri accessoriati con il max confort? Bisognerebbe chiedere ai viaggiatori da Salerno che cosa ne pensano...

    RispondiElimina
  2. ... ho notato un errore: era il treno, non "il trento"...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Goletta Verde in FVG: mare inquinato a Monfalcone e Muggia

Goletta Verde ha reso disponibili i dati per il 2017. Se complessivamente in FVG i dati del mare sono buoni visto anche il quadro complessivo nazionale dove su 260 campioni di acqua analizzati, il 40% è risultato con cariche batteriche elevate, i punti di criticità in FVG si registrano in tre località. Colpisce soprattutto il dato di Monfalcone, se nel 2016 i valori erano dentro i limiti nel 2017 non è così. Il campionamento avvenuto il 05/08/2017 a Monfalcone (GO) presso Marina Julia nella zona spiaggia libera presso parco giochi/via delle Giarrette ha dato un chiaro esito: inquinato.
Questi gli altri dati del Friuli Venezia Giulia Data del campionamento: 05/08/2017
regione: Friuli Venezia Giulia
comune: Muggia (TS)
Punto di prelievo: Foce canale via Battisti incrocio largo Caduti per la libertà
Giudizio: Fortemente inquinato



Data del campionamento: 05/08/2017
regione: Friuli Venezia Giulia
comune: Trieste (TS)
Punto di prelievo: Spiaggia, presso Lungomare F.lli Bandiera
Giud…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…