Passa ai contenuti principali

L’ennesima odissea sulla Trieste- Bologna




Con questo breve scritto non esprimerò nulla di nuovo rispetto a quanto già denunciato per esempio da Paolo Rumiz, o da tanti viaggiatori pendolari che utilizzano il treno regionale veloce, solo di nome ma non di fatto, per spostarsi da Trieste. Il punto è che nonostante le ripetute lamentele, segnalazioni, il problema persiste e ciò è grave ma non sorprende. La linea ferroviaria Trieste- Bologna, che in verità è una linea che si sospende in quella stazione di Mestre sempre più degradata, per poi riprendere il suo corso dopo i canonici 40 minuti di attesa quando va bene, anche di oltre i 60 minuti quando perdi la coincidenza, è a prova di pazienza. Certo, io sono un cultore del vivere con lentezza, ma se vivere con lentezza significa viaggiare su Treni dall’aria condizionata a dir poco sballata, sporchi ma anche dalle sospensioni precarie,  quel sospirato vivere con lentezza verrà in quel momento ripudiato. Il giorno 7 settembre mi son recato a Bologna per motivi di lavoro, arrivato alla stazione di Quarto d’Altino, il treno si fermerà. 
Il controllore dirà, ci sono problemi di elettricità sulla linea Mestre Venezia, non si sa quando ripartiamo ma vi terremo informati. 
 Solo 28 minuti di ritardo che mi consentiranno per un “santo” minuto e corsa fugace nel sottopassaggio di Mestre di prendere la coincidenza per Bologna. Intanto dal finestrino vedrai la stazione di Mestre stracolma di persone, il giorno dopo apprenderai dal Piccolo di Trieste, uno dei pochi quotidiani che ha riportato la notizia, che si è rotto un cavo, ed il delirio è esploso. Il giorno dopo riparto per Trieste. Solito treno, tra vagoni dall’aria condizionata esagerata ed altri letteralmente spenta, viaggi sudando come non mai con il solito finestrino aperto che ti cagionerà anche qualche temporaneo malanno. Arrivo a Mestre e leggerai sul tabellone che il treno per Trieste delle 15.23 è stato soppresso, senza proferir verbo alcuno, e ne avevo tanti da proferire, ti rassegni a salire su quello che farà il tour del Friuli Venezia Giulia, quando un minuto prima di partire la voce automatica annuncerà che il treno per Trieste delle 15. 23 era in arrivo sul binario due. Non hai il tempo di pensare, Scendi dal Treno itinerante, nuova corsa fugace, e per l’ennesima volta riuscirai a salire sul treno risorto. Molti l’avranno perso, altri avranno fatto la mia stessa corsa, il punto è che questi regionali veloci, che alla cifra di euro 20.40  consentono di raggiungere una delle tratte più frequentate la Trieste -Mestre-Bologna in 4 ore 20 minuti circa, e parliamo di 300 km di tragitto, di veloce non hanno un bel nulla.  Perché non potenziare la linea prevedendo due tipologie di regionali, quello classico, che ferma in  tutte le stazioni e quello veloce non solo di nome ma anche di fatto, che fermerà in poche stazioni principali? Una cosa è certa è che questi collegamenti, scollegati da ogni logica di funzionalità, non invogliano certamente a spostarsi da Trieste od a recarsi a Trieste.

Commenti

  1. Ieri viaggio Pescara/Trento ottime condizioni su Freccia Bianca Freccia Argento: purtroppo i prezzi sono competenti, quindi 110 euro a tratta.
    La cosa divertente è però, a BO, il ritardo di 145 minuti (!) di un Italo proveniente da Salerno: propri il nuovo treno di Montezemolo. A mia richiesta, al centro Italo, popolato di graziose fanciulle in rosso, mi viene risposto che "il trento ha avuto dei problemi". ma non erano tutti super moderni?! Pluri accessoriati con il max confort? Bisognerebbe chiedere ai viaggiatori da Salerno che cosa ne pensano...

    RispondiElimina
  2. ... ho notato un errore: era il treno, non "il trento"...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…