Passa ai contenuti principali

Il turismo multimediale


In questi giorni è emerso che per vari motivi, principalmente collegati alla crisi economica, il settore del turismo risulta vivere un periodo di difficoltà destinato a perdurare nel corso del tempo e che il turismo che trova conferma è quello così detto mordi e fuggi.
L'Italia è un Paese che vive o dovrebbe vivere principalmente di turismo, cultura , ricerca ed innovazione compatibile con la salvaguardia di quella tradizione popolare ed artistica tipica del nostro non più bel Paese.
Innovarsi è necessario, e l'innovazione deve per forza di cose passare dalla tecnologia multimediale.
Esistono programmi che attraverso una specie di codice a barre che memorizza dati e ne consente la lettura attraverso i telefoni cellulari o smartphone, informano tempestivamente il turista sulla storia dei monumenti delle città, sui locali, sulla vita, sulle tradizioni e così via dicendo.
Si tratta di applicazioni che vengono scaricate gratuitamente ed il turista inquadrando con la fotocamera digitale il codice QR presente in ogni plance segnaletica disposta nei vari luoghi del centro storico, verrà collegato ad una pagina internet contenente le informazioni considerate ed in varie lingue.
Tenendo conto del fatto che oramai internet è strumento essenziale e necessario di comunicazione, con un piccolo sforzo economico, i comuni italiani potrebbero essere all'avanguardia nel turismo multimediale, incentivando la cultura, l'arte con la tecnologia.
Ravenna è una delle poche città che è adottato uno strumento similare, Trieste per esempio potrebbe essere una città che per la storia che la caratterizza, per la vivacità culturale presente nel territorio, con gli itinerari letterari dedicati a tre grandi della letteratura come Svevo, Saba e Joyce, dovrebbe sperimentare questa innovazione sia per attrarre turismo moderno sia per innovarsi.
Ma esistono altre forme di turismo multimediale che favoriscono l'autorganizzazione, come il sistema presente a Padova, chiamato I-Padova il quale conduce il visitatore lungo cinque percorsi che permettono di conoscere Padova attraverso tramite l'audioguida che si compone di tracce scaricabili,ascoltabili sul proprio lettore di file audio e di una piantina della zona descritta, dove sono indicati i punti dai quali parte ogni singola traccia.
Chiaramente queste innovazioni dovranno salvaguardare i posti di lavoro che ruotano intorno al turismo tradizionale, come le visite guidate nelle città, ma rilevato che il turismo di oggi giorno, specialmente per la crisi, è il così detto mordi e fuggi e vista anche la particolarità di città come Trieste, sarebbe il caso di pensare a simili soluzioni per un turismo moderno, multimediale.
Altre soluzioni possono essere pensate ed andranno pensate, come la proiezioni di filmati in 3d che ricostruiscono in tempo reale, in dati luoghi, i vecchi siti, in modo tale da consentire al cittadino ed ovviamente al turista, di vedere cosa era un tempo il sito considerato, il monumento considerato e cosa è oggi, il tutto nello stesso luogo e momento.
Passato e presente legati da quel futuro inevitabile a cui Trieste non può e non deve rimaner fuori.

Marco Barone
 

Commenti

  1. In completo accordo con quanto asserito. I Comuni Italiani che utilizzano questo nuovo sistema di comunicazione, ovvero tramite i codici QR sono sempre di più. Sperando di fare cosa gradita invito a guardare il mio Twitter e le pagine di Scoop.it dedicate a tale argomento.
    http://www.scoop.it/t/qrcode-italy
    https://twitter.com/qrcode_italy

    Quando nella splendida Trieste?
    Cordialmente

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…