Passa ai contenuti principali

Spending review aumento tasse del 20% per studenti universitari stranieri e fuori corso





Il decreto della spending review è complesso, di non facile lettura, e spesso gli articoli ivi contenuti creano discussione solo quando un Ministro della Repubblica tende a commentare qualche disposizione.
Ora è il momento della questione tasse universitarie.
L'articolo 7 comma 42 del decreto appena citato in poche righe prevede una disposizione che colpirà direttamente due categorie di studenti, gli studenti fuori corso e gli studenti non comunitari.
Infatti, tale norma, modifica il regolamento recante disciplina in materia di contributi universitari andando a colpire direttamente due categorie studentesche che meriterebbero tutela e non l'esclusione dal percorso universitario, perché l'incremento della maggiorazione delle tasse universitarie per coloro che non saranno in regola con gli esami e dunque oltre il normale corso ordinario di laurea o colpire gli studenti non comunitari è atto a dir poco indicibile.
Oltre che essere discriminatoria questa disposizione e ledere chiaramente il diritto universale allo studio non è certamente utile per sanare o contribuire a sanare i conti dello Stato.
L'attenzione mediatica si è concentrata solamente sul grosso del problema, ovvero gli studenti fuori corso, nulla è stato detto verso gli studenti non comunitari, e ciò è una grave disinformazione.
Il Ministro Profumo ha focalizzato le sue dichiarazioni, che seguono le polemiche del sottosegretario Martone il quale considerava i fuori corso sfigati solo sulla questione incentivo a non perdere tempo.
«Questo farà in modo che imparino a non perdere tempo» le sue testuali parole come riprese dalla stampa.
Il problema è che aumentare le tasse del 20% se non oltre, perchè è di questo che stiamo parlando, verso persone che come è ben noto devono lavorare per studiare, altre che hanno gravi difficoltà a terminare gli studi perché vuoi per una scuola pubblica sempre più carente di risorse e che non può unicamente contare sull'apporto e supporto miracoloso del personale docente, perchè oggi lavorare con quasi 30 studenti per classe, in un contesto sociale disastroso, con un stipendio che certamente non è dignitoso e non riconosce la professionalità dell'attività docente, ha delle chiari ripercussioni sulla formazione dei ragazzi, vuoi per il contesto sociale sempre più degradato dove il nozionismo e l'ignoranza domina sovrana, il problema sussiste e non è certamente la soluzione corretta, per sanare il problema fuori corso, quello di punire gli studenti andando a colpire il diritto allo studio , perché l'incremento del 20 % ed oltre delle tasse, sarà micidiale, letale per migliaia di studenti, specialmente in tempo di crisi.
E' anche vero che le università da tempo sono divenute una sorta di ammortizzatore temposociale, nel senso che non essendoci lavoro, o quel lavoro a cui molti aspirano non si vede neanche con un binocolo, si sceglie spesso la permanenza all'università che l'uscita dalla stessa, fatto notorio poco indagato e studiato.
Quella misura è punitiva, ma rientra perfettamente nella logica di una società che vuole l'élite dirigenziale incentivata e protetta, ed il resto non pensante, non critico ed unicamente servo del potere.
Parole semplici ed esaustive che spiegano bene cosa si cela dietro l'operazione 20%.
Una disposizione discriminatoria verso gli studenti non comunitari e punitiva verso i fuori corso.
Verrebbe da dire oltre il danno la beffa, già perché gli studenti pagano e pagheranno a caro prezzo la scarsa attenzione, voluta e mirata, dello Stato, nel settore dell'istruzione collettiva e sociale, punendo chi per varie ragioni, spesso di natura sociale ed economica, non può e non riesce ad ultimare gli studi secondo quel tempo dettato dalla burocrazia.
#Studiare con lentezza si può.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …